Riconoscimento e potestà genitoriale: le differenze spiegate

Riconoscimento e potestà genitoriale: le differenze spiegate

Riconoscimento e potestà genitoriale sono due termini spesso confusi. Pertanto, spieghiamo cosa significano e dove differiscono.

Riconoscimento

La madre da cui nasce il bambino è automaticamente il genitore legale del bambino. Lo stesso vale per il partner che è il partner sposato o registrato della madre il giorno della nascita del bambino. Questa paternità legale è quindi lì "per effetto della legge". In altre parole, non devi fare nulla al riguardo.

Un altro modo per diventare un genitore legale è il riconoscimento. Riconoscimento significa che si assume la paternità legale di un bambino se lo si è non sposato o in un'unione domestica registrata con la madre. Tu fai non deve essere il genitore biologico per farlo. Un bambino può essere riconosciuto solo se il bambino è vivo. Un bambino può avere solo due genitori legali. Puoi riconoscere solo un bambino che non ha ancora due genitori legali.

Quando puoi riconoscere tuo figlio?

  • Riconoscere un bambino durante la gravidanza

Questo si chiama riconoscimento del nascituro e viene fatto preferibilmente prima della 24a settimana in modo che il riconoscimento sia già predisposto in caso di parto prematuro. Puoi riconoscere il bambino in qualsiasi comune dei Paesi Bassi. Se la madre (incinta) non viene con te, deve dare il consenso scritto per il riconoscimento.

  • Riconoscimento del figlio durante la dichiarazione di nascita

Puoi riconoscere tuo figlio se ne registri la nascita. Si denuncia la nascita nel comune dove è nato il bambino. Se la madre non viene con te, deve dare il consenso scritto per il riconoscimento. Questa è anche la forma più comune di riconoscimento.

  • Riconoscere il bambino in un secondo momento

Puoi anche riconoscere un bambino se è già più grande o addirittura un adulto. Questo può essere fatto in qualsiasi comune dei Paesi Bassi. Dall'età di 12 anni è necessario il consenso scritto del bambino e della madre. Dopo i 16 anni è richiesto solo il consenso del bambino.

In tutti i casi di cui sopra, l'ufficiale di stato civile compie un atto di riconoscimento. Questo è gratis. Se vuoi una copia dell'atto di riconoscimento, questo è a pagamento. Il comune può informarti in merito.

Autorità genitoriale

La legge stabilisce che chiunque sia minorenne è soggetto alla potestà dei genitori. L'autorità genitoriale comprende il dovere e il diritto di un genitore di allevare e prendersi cura del proprio figlio minorenne. Ciò riguarda il benessere fisico, la sicurezza e lo sviluppo del minore.

Sei sposato o hai un'unione domestica registrata? In tal caso, acquisirai automaticamente anche la potestà genitoriale su tuo figlio durante il riconoscimento.

Se il riconoscimento avviene al di fuori del matrimonio o dell'unione registrata, non hai ancora la potestà genitoriale e non sei ancora il rappresentante legale di tuo figlio. In questo caso, solo la madre avrà il controllo parentale automatico. Vuoi ancora l'affidamento congiunto? Quindi devi presentare domanda al tribunale per l'affidamento congiunto. Come genitore, una condizione per questo è che tu abbia già riconosciuto il bambino. Solo quando hai la potestà genitoriale puoi prendere decisioni in merito all'educazione e alla cura di tuo figlio. Questo perché un genitore legale con controllo parentale:

  • può prendere decisioni chiave sulla “persona del minore”

Ciò potrebbe includere scelte mediche per il bambino o la decisione del bambino su dove vive il bambino.

  • ha la custodia dei beni del figlio

Ciò significa, tra l'altro, che il genitore affidatario deve amministrare i beni del minore da buon amministratore e che tale genitore risponde dei danni derivanti da tale cattiva amministrazione.

  • è il legale rappresentante del minore

Ciò include la possibilità per il genitore affidatario di iscrivere il minore presso una scuola o un'associazione (sportiva), richiedere il passaporto e agire per conto del minore nei procedimenti legali.

Nuova fattura

Martedì 22 marzo 2022 il Senato ha approvato il disegno di legge che consente anche ai coniugi non sposati di avere l'affidamento legale congiunto previo riconoscimento del figlio. I promotori di questo disegno di legge ritengono che l'attuale legislazione non rispecchi più adeguatamente le esigenze della società che cambia, dove le varie forme di convivenza sono diventate sempre più comuni. I coniugi non coniugati e non registrati saranno automaticamente incaricati dell'affidamento congiunto all'atto del riconoscimento del minore all'entrata in vigore della presente legge. In base alla nuova legge, non sarà più necessario disporre il controllo parentale attraverso i tribunali se non sei sposato o sei un'unione domestica registrata. La potestà genitoriale si applica automaticamente quando tu, in qualità di convivente della madre, riconosci il bambino presso il comune.

Hai delle domande a seguito di questo articolo? In tal caso, ti preghiamo di metterti in contatto con il ns avvocati di diritto di famiglia senza obbligo.

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.