Alimenti e ricalcolo

Gli accordi finanziari fanno parte del divorzio. Uno degli accordi di solito riguarda gli alimenti del partner o del bambino: contributo al costo della vita per il bambino o l'ex partner. Quando l'ex partner congiuntamente o uno di loro chiede il divorzio, viene incluso un calcolo degli alimenti. La legge non contiene regole sul calcolo dei pagamenti degli alimenti. Ecco perché i cosiddetti “standard Trema” elaborati dai giudici sono il punto di partenza per questo. La necessità e la capacità sono alla base di questo calcolo. La necessità si riferisce al benessere a cui erano abituati l'ex partner ei figli prima del divorzio. Di solito, dopo il divorzio, non è possibile per l'ex partner fornire il benessere allo stesso livello perché lo spazio finanziario o la capacità di farlo è troppo limitato. Gli alimenti per bambini di solito hanno la precedenza sugli alimenti per il partner. Se dopo questa determinazione è rimasta ancora una certa capacità finanziaria, può essere utilizzata per qualsiasi alimento per il partner.

Alimenti e ricalcolo

Gli alimenti per il partner o il bambino sono calcolati sulla base della situazione attuale degli ex partner. Tuttavia, dopo il divorzio, questa situazione e con essa la capacità di pagare possono cambiare nel tempo. Ci possono essere vari motivi per questo. In questo contesto si può pensare, ad esempio, al matrimonio con un nuovo partner o ad un reddito inferiore dovuto al licenziamento. Inoltre, gli alimenti iniziali potrebbero essere stati determinati sulla base di dati errati o incompleti. In tal caso, potrebbe essere necessario ricalcolare gli alimenti. Sebbene spesso non sia l'intenzione, ricalcolare qualsiasi tipo di alimenti può far emergere vecchi problemi o creare nuovi problemi finanziari per l'ex partner, in modo che le tensioni tra gli ex partner possano ricominciare. Si consiglia quindi di sottoporre la mutata situazione e di far eseguire il ricalcolo degli alimenti da un mediatore. Law & MoreI mediatori di sono felici di aiutarti in questo. Law & MoreI mediatori di vi guideranno attraverso le consultazioni, garantiranno il supporto legale ed emotivo, terranno in considerazione gli interessi di entrambe le parti e quindi registreranno i vostri accordi comuni.

A volte, tuttavia, la mediazione non porta alla soluzione desiderata tra gli ex partner e quindi a nuovi accordi sul ricalcolo degli alimenti. In quel caso, il passo in tribunale è ovvio. Vuoi fare questo passo in tribunale? Allora hai sempre bisogno di un avvocato. L'avvocato può quindi richiedere al tribunale di modificare l'obbligo di alimenti. In tal caso, il tuo ex partner avrà sei settimane per presentare una dichiarazione di difesa o una contro richiesta. Il tribunale può quindi modificare la manutenzione, vale a dire aumentarla, diminuirla o azzerarla. Secondo la legge, ciò richiede un "cambiamento di circostanze". Tali mutate circostanze sono, ad esempio, le seguenti situazioni:

  • licenziamento o disoccupazione
  • trasferimento dei bambini
  • lavoro nuovo o diverso
  • risposarsi, convivere o stipulare un'unione registrata
  • cambiamento del regime di accesso dei genitori

Poiché la legge non definisce con precisione il concetto di "cambiamento di circostanze", può includere anche circostanze diverse da quelle sopra menzionate. Tuttavia, questo non si applica alle situazioni in cui si sceglie di lavorare meno o semplicemente di trovare un nuovo partner, senza convivere, sposarsi o stipulare un'unione registrata.

Il giudice ritiene che non vi siano cambiamenti nelle circostanze? Quindi la tua richiesta non sarà accolta. C'è qualche cambiamento nelle circostanze? Allora ovviamente la tua richiesta sarà accolta. Per inciso, la tua richiesta verrà accolta immediatamente e senza aggiustamenti se non c'è risposta dal tuo ex partner ad essa. La decisione di solito segue da quattro a sei settimane dopo l'udienza. Nella sua decisione, il giudice indicherà anche il giorno a partire dal quale è dovuto qualsiasi importo di nuova determinazione per il mantenimento del partner o del figlio. Inoltre, il giudice può stabilire che la modifica degli alimenti avverrà con effetto retroattivo. Non sei d'accordo con la decisione del giudice? Quindi puoi presentare ricorso entro 3 mesi.

Hai domande sugli alimenti o desideri che gli alimenti vengano ricalcolati? Quindi contattare Law & More. A Law & More, comprendiamo che il divorzio e gli eventi successivi possono avere conseguenze profonde per la tua vita. Ecco perché abbiamo un approccio personale. Insieme a te ed eventualmente al tuo ex partner, possiamo determinare la tua situazione legale durante la conversazione sulla base della documentazione e provare a mappare e quindi registrare la tua visione o i tuoi desideri in merito al ricalcolo degli alimenti. Possiamo anche assistervi legalmente in qualsiasi procedura di alimenti. Law & MoreGli avvocati di sono esperti nel campo del diritto delle persone e della famiglia e sono lieti di guidarvi in ​​questo processo, possibilmente insieme al vostro partner.

Share