Cambiamenti nel diritto del lavoro

Cambiamenti nel diritto del lavoro

Il mercato del lavoro è in continua evoluzione a causa di vari fattori. Uno sono i bisogni dei dipendenti. Queste esigenze creano attrito tra datore di lavoro e dipendenti. Ciò fa sì che le regole del diritto del lavoro debbano cambiare insieme ad esse. Dal 1° agosto 2022 sono state introdotte alcune importanti novità nel diritto del lavoro. Tramite la Direttiva dell'UE sulla legge sull'attuazione delle condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili, il modello occupazionale si sta trasformando in un mercato trasparente e prevedibile. Di seguito, le modifiche sono descritte una per una.

Orario di lavoro prevedibile

Dal 1 agosto 2022, se sei un lavoratore dipendente con orario di lavoro fuori standard o imprevedibile, devi fissare in anticipo i tuoi giorni e orari di riferimento. Ciò prevede anche quanto segue. I dipendenti che hanno lavorato per almeno 26 settimane possono richiedere un lavoro con condizioni di lavoro più prevedibili e sicure. Se in azienda sono impiegati meno di 10 dipendenti, è necessario fornire una risposta scritta e motivata entro tre mesi. Se ci sono più di 10 dipendenti in azienda, questo termine è di un mese. È prevista una tempestiva risposta da parte del datore di lavoro, altrimenti la richiesta dovrebbe essere accolta senza porre domande.

Inoltre, il termine di preavviso per il rifiuto del lavoro sarà adeguato a quattro giorni prima dell'inizio. Ciò significa che, come lavoratore dipendente, puoi rifiutare il lavoro se richiesto dal datore di lavoro meno di quattro giorni prima dell'inizio del lavoro.

Diritto all'istruzione/formazione obbligatoria gratuita

Se, in qualità di lavoratore dipendente, vuoi, o hai bisogno, di frequentare un corso di formazione, il tuo datore di lavoro deve sostenere tutti i costi di tale formazione, compresi i costi aggiuntivi per il materiale di studio o le spese di viaggio. Inoltre, deve essere data la possibilità di frequentare la formazione durante l'orario di lavoro. La nuova normativa dal 1 agosto 2022 vieta di pattuire nel contratto di lavoro una clausola sui costi di studio per la formazione obbligatoria. Da tale data, queste regole si applicano anche ai contratti in essere. In tal modo, non importa se hai completato lo studio bene o male o se il contratto di lavoro scade.

Cosa sono i corsi di formazione obbligatori?

La formazione derivante dal diritto nazionale o europeo rientra nella formazione obbligatoria. È inclusa anche la formazione che deriva da un contratto collettivo di lavoro o da un regolamento di posizione legale. Anche un corso di formazione che sia funzionalmente necessario o preveda la prosecuzione nel caso in cui la funzione diventi vacante. Un corso di formazione o istruzione che tu, in quanto dipendente, devi seguire per la qualifica professionale non rientra automaticamente nella formazione obbligatoria. La condizione principale è che il datore di lavoro sia obbligato, in base a un regime, a offrire una determinata formazione ai dipendenti.

Attività accessorie

Le attività ausiliarie sono il lavoro che svolgi in aggiunta alle attività nella descrizione del tuo lavoro, come organizzare gite aziendali o gestire la tua attività. Tali attività possono essere concordate nel contratto di lavoro, ma possono anche essere vietate. Dall'inizio di agosto '22 è necessaria una giustificazione oggettiva per invocare una clausola sulle attività accessorie. Un esempio di giustificazione oggettiva è quando ci si impegna in attività che potrebbero danneggiare l'immagine dell'organizzazione.

Obbligo di divulgazione esteso

L'obbligo di informazione del datore di lavoro è stato esteso ai seguenti argomenti. Il lavoratore deve essere informato su:

  • La procedura relativa alla risoluzione del rapporto di lavoro, inclusi i requisiti, la data di fine e le date di scadenza;
  • le forme di congedo retribuito;
  • la durata e le condizioni del periodo di prova;
  • retribuzione, comprensiva di scadenze, importo, componenti e modalità di pagamento;
  • Il diritto alla formazione, il suo contenuto e la sua portata;
  • su cosa è assicurato il dipendente e quali enti lo amministrano;
  • il nome del datore di lavoro in caso di contratto di lavoro interinale;
  • condizioni di lavoro, indennità e spese e collegamenti in caso di distacco dai Paesi Bassi in un altro paese dell'UE.

Esiste una differenza tra le persone con orari di lavoro fissi e orari di lavoro imprevedibili. Con un orario di lavoro prevedibile, il datore di lavoro deve informare sulla durata del periodo di lavoro e sulla retribuzione degli straordinari. Con orari di lavoro imprevedibili, devi essere informato

  • le volte che devi lavorare;
  • il numero minimo di ore retribuite;
  • la retribuzione per le ore superiori al numero minimo di ore lavorative;
  • il tempo minimo di convocazione (almeno quattro giorni prima).

Un'ultima modifica per i datori di lavoro è che non sono più obbligati a designare una o più postazioni di lavoro se il dipendente non ha un posto di lavoro fisso. Può quindi essere indicato che sei libero di determinare il tuo posto di lavoro.

Come dipendente, non puoi essere svantaggiato quando vuoi svolgere una di queste materie. Pertanto, la risoluzione del rapporto di lavoro non può essere effettuata per nessuno di questi motivi.

Contatto

Hai domande relative al diritto del lavoro? Allora sentiti libero di contattare i nostri avvocati all'indirizzo [email protected] oppure chiamaci al +31 (0)40-3690680.

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.