Reclami collettivi in ​​caso di danni di massa

A partire dal 1st di gennaio 2020 entrerà in vigore la nuova legge del ministro Dekker. La nuova legge implica che i cittadini e le aziende che stanno subendo enormi perdite, possono intentare un'azione legale insieme per il risarcimento delle loro perdite. Il danno di massa è un danno subito da un ampio gruppo di vittime. Ne sono un esempio danni fisici causati da medicinali pericolosi, danni finanziari causati dalla manomissione di automobili o danni materiali causati da terremoti a seguito della produzione di gas. D'ora in poi, tali danni di massa possono essere inflitti collettivamente.

Responsabilità collettiva in tribunale

Nei Paesi Bassi è possibile per molti anni stabilire la responsabilità collettiva in tribunale (azione collettiva). Il giudice poteva solo determinare atti illeciti; per i danni, tutte le vittime dovevano ancora avviare una procedura individuale. In pratica, tale procedura è generalmente complessa, che richiede tempo e denaro. Nella maggior parte dei casi, i costi e i tempi necessari per una singola procedura non compensano le perdite.

Reclami collettivi in ​​caso di danni di massa

Esiste anche la possibilità di avere un accordo collettivo tra un gruppo di interesse e una parte accusata, dichiarato universalmente in tribunale per tutte le vittime in base al Collective Mass Claims Settlement Act (WCAM). Per mezzo di una transazione collettiva, un gruppo di interesse può aiutare un gruppo di vittime, ad esempio raggiungendo un accordo in modo che possano essere risarcite per la loro perdita. Tuttavia, se la parte che ha causato il danno non collabora, le vittime rimarranno comunque a mani vuote. Le vittime devono quindi rivolgersi individualmente al tribunale per chiedere il risarcimento dei danni in base all'articolo 3: 305a del codice civile olandese.

Con l'arrivo dell'Accordo di reclamo di massa in Collective Action Act (WAMCA) il primo gennaio 2020, le possibilità di un'azione collettiva sono state ampliate. Con effetto dalla nuova legge, il giudice può pronunciare una condanna per danni collettivi. Ciò significa che l'intero caso può essere risolto in un'unica procedura comune. In questo modo le parti avranno chiarezza. La procedura viene quindi semplificata, consente di risparmiare tempo e denaro, evitando anche controversie senza fine. In questo modo, è possibile trovare una soluzione per un folto gruppo di vittime.

Le vittime e le parti sono spesso confuse e non sufficientemente informate. Ciò significa che le vittime non sanno quali organizzazioni sono affidabili e quale interesse rappresentano. Sulla base della protezione legale delle vittime, le condizioni per l'azione collettiva sono state rafforzate. Non tutti i gruppi di interesse possono semplicemente iniziare a presentare un reclamo. L'organizzazione interna e le finanze di tale organizzazione devono essere in ordine. Esempi di gruppi di interesse sono l'Associazione dei consumatori, l'associazione degli azionisti e le organizzazioni appositamente costituite per un'azione collettiva.

Alla fine, ci sarà un registro centrale per i crediti collettivi. In questo modo, le vittime e i gruppi di interesse (rappresentativi) possono decidere se vogliono avviare un'azione collettiva per lo stesso evento. Il consiglio giudiziario sarà titolare del registro centrale. Il registro sarà accessibile a tutti.

La liquidazione delle controversie collettive è eccezionalmente complessa per tutte le parti coinvolte, quindi è consigliabile avere supporto legale. Il team di Law & More ha una vasta esperienza ed esperienza nella gestione e nel monitoraggio dei problemi relativi ai reclami di massa.

Share