Privare il padre della potestà genitoriale: è possibile?

Privare il padre della potestà genitoriale: è possibile?

Se il padre non può prendersi cura e crescere un figlio, o se il figlio è seriamente minacciato nel suo sviluppo, può seguire la cessazione della potestà genitoriale. In molti casi, la mediazione o altra assistenza sociale possono offrire una soluzione, ma la cessazione dell'autorità genitoriale è una scelta logica se fallisce. A quali condizioni può essere revocata la custodia del padre? Prima di poter rispondere a questa domanda, dobbiamo sapere con precisione cos'è la potestà genitoriale e cosa comporta.

Che cos'è la potestà genitoriale?

Quando hai la custodia di un bambino, puoi prendere decisioni importanti che riguardano il bambino. Questi includono, ad esempio, la scelta della scuola e le decisioni sulla cura e l'educazione. Fino a una certa età sei anche responsabile per eventuali danni causati da tuo figlio. Con l'affidamento congiunto, entrambi i genitori sono responsabili dell'educazione e della cura del bambino. Se solo uno dei genitori ha l'affidamento, si parla di affidamento esclusivo.

Quando nasce un bambino, la madre ha automaticamente la custodia del bambino. Se la madre è sposata o è un'unione domestica registrata, anche il padre ha l'affidamento dalla nascita. Il padre non ha l'affidamento automatico nei casi in cui i genitori non sono sposati o in un'unione domestica registrata. Il padre deve quindi richiederlo con il consenso della madre.

NOTA: L'affidamento parentale è distinto dal fatto che il padre abbia riconosciuto il figlio. Spesso c'è molta confusione su questo. Vedi il nostro altro blog, 'Riconoscimento e potestà genitoriale: spiegate le differenze', per questo.

Rifiutare la patria potestà del padre

Se la madre non vuole che il padre ottenga l'affidamento del figlio attraverso il consenso, la madre può rifiutarsi di concedere tale consenso. In questo caso, il padre può ottenere l'affidamento solo attraverso i tribunali. Quest'ultimo dovrà quindi assumere il suo avvocato per chiedere l'autorizzazione al tribunale.

Nota! Martedì 22 marzo 2022 il Senato ha approvato il disegno di legge che consente ai coniugi non sposati di avere l'affidamento legale congiunto previo riconoscimento del figlio. I coniugi non coniugati e non registrati saranno automaticamente incaricati dell'affidamento congiunto all'atto del riconoscimento del minore all'entrata in vigore della presente legge. Tuttavia, questa legge non è ancora entrata in vigore.

Quando cessa la potestà genitoriale?

La potestà genitoriale cessa nei seguenti casi:

  • Quando il bambino ha compiuto 18 anni. Il bambino è quindi ufficialmente un adulto e può prendere lui stesso decisioni importanti;
  • Se il bambino si sposa prima di aver compiuto 18 anni. Ciò richiede un permesso speciale in quanto il bambino diventa maggiorenne prima della legge attraverso il matrimonio;
  • Quando una bambina di 16 o 17 anni diventa una madre single e il tribunale accoglie una domanda per dichiararla maggiorenne.
  • Per esonero o interdizione dall'affidamento parentale di uno o più figli.

Privare il padre della potestà genitoriale

La madre vuole togliere la custodia del padre? In tal caso, a tal fine dovrebbe essere avviata una procedura di petizione presso il tribunale. Nel valutare la situazione, la preoccupazione principale del giudice è se il cambiamento sia nell'interesse del minore. In linea di principio, il giudice utilizza a tal fine il cosiddetto “criterio di clamping”. Il giudice ha molta libertà di soppesare gli interessi. Il test del criterio si compone di due parti:

  • Esiste un rischio inaccettabile che il minore rimanga intrappolato o si perda tra i genitori e non si prevede che la situazione migliorerà sufficientemente nel prossimo futuro, oppure la modifica dell'affidamento è altrimenti necessaria nell'interesse superiore del minore.

In linea di principio, si ricorre a questa misura solo in situazioni molto dannose per il bambino. Questo può includere uno o più dei seguenti comportamenti:

  • Comportamento dannoso/criminale nei confronti o in presenza del minore;
  • Comportamento dannoso/criminale a livello di ex partner. Comportamento che garantisce che non ci si possa ragionevolmente attendere (più) che l'altro genitore affidatario si consulti con il genitore dannoso;
  • Ritardare o bloccare (immotivatamente) decisioni cruciali per il bambino. essere irraggiungibili per consultazione o 'introvabili';
  • Comportamento che costringe il bambino a un conflitto di lealtà;
  • Rifiuto di assistenza ai genitori tra di loro e/o al figlio.

La cessazione dell'affidamento è definitiva?

La cessazione della custodia di solito è definitiva e non comporta una misura temporanea. Ma se le circostanze sono cambiate, il padre che ha perso l'affidamento può chiedere al tribunale di “ripristinare” l'affidamento. Certo, il padre deve poi dimostrare che, nel frattempo, è in grado di assumersi (permanentemente) la responsabilità della cura e dell'educazione.

Giurisdizione

Nella giurisprudenza, è raro che il padre venga privato o negato della potestà genitoriale. La scarsa comunicazione tra i genitori non sembra più decisiva. Constatiamo inoltre sempre più spesso che anche quando non c'è più contatto tra il minore e l'altro genitore, il giudice conserva ancora la potestà genitoriale; per non tagliare questo 'ultimo pareggio'. Se il padre si attiene alle normali maniere ed è volenteroso e disponibile al consulto, la richiesta di affidamento esclusivo ha scarse possibilità di successo. Se, invece, vi sono prove sufficienti a carico del padre in merito a fatti dannosi che dimostrino che la responsabilità genitoriale congiunta non funziona, allora una richiesta ha molto più successo.

Conclusione

Non basta un cattivo rapporto tra genitori per privare il padre della potestà genitoriale. Una modifica dell'affidamento è ovvia se c'è una situazione in cui i bambini sono intrappolati o persi tra i genitori, e non vi è alcun miglioramento a breve termine.

Se una madre desidera una modifica dell'affidamento, è essenziale come avvia questo procedimento. Il giudice esaminerà anche il suo contributo alla situazione e quali azioni ha intrapreso per far funzionare l'autorità genitoriale.

Hai delle domande a seguito di questo articolo? In tal caso, ti preghiamo di metterti in contatto con il ns avvocati di famiglia senza alcun obbligo. Saremo lieti di consigliarvi e guidarvi.

 

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.