Conflitto di interessi del direttore

I direttori di una società dovrebbero sempre essere guidati dall'interesse dell'azienda. E se gli amministratori dovessero prendere decisioni che coinvolgono i propri interessi personali? Quale interesse prevale e cosa dovrebbe fare un regista in una situazione del genere?

Conflitto di interessi del regista Immagine

Quando si verifica un conflitto di interessi?

Durante la gestione dell'azienda, il consiglio a volte può prendere una decisione che fornisce anche un vantaggio a un amministratore specifico. In qualità di direttore, devi occuparti degli interessi dell'azienda e non dei tuoi interessi personali. Non vi è alcun problema immediato se una decisione presa dal consiglio di amministrazione si traduce in un amministratore che ne beneficia personalmente. Questo è diverso se questo interesse personale è in conflitto con gli interessi dell'azienda. In tal caso, l'amministratore non può partecipare alle riunioni e al processo decisionale.

Nel caso Bruil la Corte Suprema ha stabilito che esiste un conflitto di interessi se l'amministratore non è in grado di salvaguardare gli interessi della società e della sua impresa affiliata in modo tale che ci si possa aspettare che lo faccia un amministratore intero e imparziale a causa di la presenza di un interesse personale o di un altro interesse non parallelo a quello della persona giuridica. [1] Nel determinare se esiste un conflitto di interessi, tutte le circostanze rilevanti del caso devono essere prese in considerazione.

Esiste un conflitto di interessi qualitativo quando il regista agisce con capacità diverse. Questo è il caso, ad esempio, quando l'amministratore di una società è contemporaneamente la controparte della società perché è anche amministratore di un'altra persona giuridica. Il regista deve quindi rappresentare diversi interessi (contrastanti). Se esiste un interesse puramente qualitativo, l'interesse non è coperto dalle norme sul conflitto di interessi. Questo è il caso se l'interesse non è intrecciato con un interesse personale del regista. Un esempio di ciò è quando due società del gruppo stipulano un accordo. Se l'amministratore è un amministratore di entrambe le società, ma non è un (n) azionista (indiretto) o non ha un altro interesse personale, non vi è conflitto di interessi qualitativo.

Quali sono le conseguenze della presenza di un conflitto di interessi?

Le conseguenze di un conflitto di interessi sono state ora stabilite nel codice civile olandese. Un amministratore non può partecipare alle deliberazioni e al processo decisionale se ha un interesse personale diretto o indiretto che è in conflitto con gli interessi della società e della sua impresa affiliata. Se di conseguenza non può essere presa alcuna decisione del consiglio, la decisione è presa dal consiglio di sorveglianza. In assenza di un consiglio di sorveglianza, la decisione è adottata dall'assemblea generale, a meno che lo statuto non disponga diversamente. Questa disposizione è inclusa nella sezione 2: 129 paragrafo 6 per la società per azioni (NV) e 2: 239 paragrafo 6 del codice civile olandese per la società a responsabilità limitata (BV).

Non si può concludere da questi articoli che la sola presenza di un tale conflitto di interessi sia imputabile ad un amministratore. Né può essere biasimato per essere finito in quella situazione. Gli articoli stabiliscono solo che l'amministratore deve astenersi dal partecipare alle deliberazioni e al processo decisionale. Non è quindi un codice di condotta che porta alla punizione o alla prevenzione di un conflitto di interessi, ma solo un codice di condotta che prescrive come un amministratore dovrebbe agire quando è presente un conflitto di interessi. Il divieto di partecipazione alle deliberazioni e al processo decisionale comporta che l'amministratore interessato non possa votare, ma può essere richiesta informazioni prima della riunione consiliare o dell'inserimento dell'argomento all'ordine del giorno della riunione consiliare. La violazione di questi articoli, tuttavia, renderà nulla la risoluzione ai sensi dell'articolo 2:15 sezione 1 sub a del codice civile olandese. Questo articolo afferma che le decisioni sono annullabili se sono in conflitto con le disposizioni che disciplinano la formazione delle decisioni. L'azione di annullamento può essere proposta da chiunque abbia un ragionevole interesse al rispetto del provvedimento.

Non è solo il dovere di astinenza che si applica. L'amministratore fornisce inoltre informazioni in merito a un possibile conflitto di interessi in una decisione da adottare in modo tempestivo al consiglio di amministrazione. Inoltre, dall'articolo 2: 9 del codice civile olandese risulta che il conflitto di interessi deve essere notificato anche all'assemblea generale degli azionisti. Tuttavia, la legge non stabilisce chiaramente quando l'obbligo di denuncia è stato rispettato. È quindi consigliabile inserire una disposizione in tal senso negli statuti o altrove. L'intenzione del legislatore con queste leggi è di proteggere la società dal rischio che un amministratore sia influenzato da interessi personali. Tali interessi aumentano il rischio che l'azienda subisca uno svantaggio. La sezione 2: 9 del codice civile olandese - che regola la responsabilità interna degli amministratori - è soggetta a una soglia elevata. Gli amministratori sono responsabili solo in caso di condotta gravemente colpevole. Il mancato rispetto delle norme legali o statutarie sul conflitto di interessi è una circostanza grave che in linea di principio comporta la responsabilità degli amministratori. Un amministratore in conflitto può essere severamente rimproverato personalmente e può quindi essere ritenuto responsabile in linea di principio dalla società.

Poiché le norme sul conflitto di interessi modificate, le regole di rappresentanza ordinaria sono applicabili a tali situazioni. Le sezioni 2: 130 e 2: 240 del codice civile olandese sono particolarmente importanti a questo riguardo. È invece autorizzato a rappresentare la società nell'atto giuridico di esecuzione della decisione un amministratore che in base alle norme sul conflitto di interessi non è autorizzato a partecipare alle deliberazioni e al processo decisionale. Secondo la vecchia legge, un conflitto di interessi portava a una restrizione del potere di rappresentanza: quell'amministratore non poteva rappresentare la società.

Conclusione

Se un amministratore ha un interesse contrastante, deve astenersi dal deliberare e dal prendere decisioni. Questo è il caso se ha un interesse personale o un interesse che non è parallelo all'interesse dell'azienda. Se un amministratore non ottempera all'obbligo di astenersi, può aumentare le possibilità di essere ritenuto responsabile come amministratore dalla società. Inoltre, la decisione può essere annullata da chiunque abbia un ragionevole interesse a farlo. Nonostante abbia un conflitto di interessi, l'amministratore può comunque rappresentare la società.

Trova difficile determinare se esiste un conflitto di interessi? O hai dubbi sull'opportunità di rivelare l'esistenza di un interesse e informare il consiglio? Chiedi agli avvocati di diritto societario a Law & More per informarti. Insieme possiamo valutare la situazione e le possibilità. Sulla base di questa analisi, possiamo consigliarti sui passaggi successivi appropriati. Saremo inoltre lieti di fornirvi consulenza e assistenza durante qualsiasi procedimento.

[1] HR 29 giugno 2007, NJ 2007 / 420; JOR 2007/169 (Bruil).

Share
Law & More B.V.