Licenziamento di un direttore aziendale

A volte capita che un direttore di un'azienda venga licenziato. Il modo in cui può avvenire il licenziamento del direttore dipende dalla sua posizione giuridica. All'interno di una società si possono distinguere due tipologie di amministratori: amministratori statutari e titolari.

La distinzione

A direttore statutario ha una posizione giuridica speciale all'interno di un'azienda. Da un lato è amministratore ufficiale della società, nominato dall'Assemblea degli Azionisti o dal Consiglio di Sorveglianza in base alla legge o allo statuto ed è autorizzato come tale a rappresentare la società. D'altra parte, è nominato dipendente dell'azienda sulla base di un contratto di lavoro. Un amministratore statutario è impiegato dalla società, ma non è un dipendente “normale”.

Licenziamento di un direttore aziendale

A differenza del direttore statutario, a direttore titolare non è un amministratore ufficiale della società ed è solo un amministratore perché questo è il nome della sua posizione. Spesso un amministratore titolare è anche chiamato "manager" o "vicepresidente". Un amministratore titolare non è nominato dall'Assemblea degli Azionisti né dal Consiglio di Sorveglianza e non è automaticamente autorizzato a rappresentare la società. Può essere autorizzato per questo. Un amministratore titolare è nominato dal datore di lavoro ed è quindi un dipendente “ordinario” dell'azienda.

Metodo di licenziamento

Per un direttore statutario per essere legalmente licenziato, sia il suo rapporto aziendale che il rapporto di lavoro devono essere risolti.

Per la risoluzione del rapporto societario è sufficiente una decisione legalmente valida dell'Assemblea degli Azionisti o del Consiglio di Sorveglianza. Dopotutto, in virtù della legge, ogni amministratore statutario può sempre essere sospeso e revocato da un soggetto autorizzato alla nomina. Prima del licenziamento del direttore, deve essere richiesta una consulenza al comitato aziendale. Inoltre, la società deve avere un motivo ragionevole per il licenziamento, come un motivo economico-aziendale che renda esubero la posizione, un rapporto di lavoro interrotto con i soci o l'incapacità lavorativa del direttore. Infine, in caso di revoca ai sensi del diritto societario, devono essere rispettati i seguenti requisiti formali: la valida convocazione dell'Assemblea degli Azionisti, la possibilità che un amministratore sia sentito dall'Assemblea degli Azionisti e la consulenza all'Assemblea degli Azionisti in merito alla decisione di licenziamento.

Per la risoluzione del rapporto di lavoro, una società dovrebbe normalmente disporre di un motivo ragionevole per il licenziamento e l'UWV o il tribunale stabiliranno se tale motivo ragionevole è presente. Solo così il datore di lavoro può risolvere legalmente il contratto di lavoro con il dipendente. Tuttavia, un'eccezione a questa procedura si applica a un direttore legale. Sebbene sia necessario un motivo ragionevole per il licenziamento del direttore legale, il test di licenziamento preventivo non si applica. Pertanto, il punto di partenza per quanto riguarda il direttore legale è che, in linea di principio, la risoluzione del suo rapporto aziendale comporta anche la cessazione del rapporto di lavoro, a meno che non si applichi un divieto di cancellazione o altri accordi.

A differenza di un direttore statutario, a direttore titolare è solo un dipendente. Ciò significa che le regole di licenziamento "normali" si applicano a lui e gode quindi di una protezione migliore contro un licenziamento rispetto a un amministratore legale. Le ragioni per le quali il datore di lavoro deve procedere al licenziamento sono, nel caso dell'amministratore titolare, verificate preventivamente. Quando un'azienda vuole licenziare un amministratore titolare, sono possibili le seguenti situazioni:

  • licenziamento per mutuo consenso
  • licenziamento con permesso di licenziamento dell'UWV
  • licenziamento immediato
  • licenziamento da parte del tribunale distrettuale

Opposizione contro il licenziamento

Se una società non ha fondati motivi per un licenziamento, il direttore legale può richiedere un compenso equo elevato, ma, a differenza del direttore titolare, non può chiedere un ripristino del contratto di lavoro. Inoltre, proprio come un normale dipendente, il direttore legale ha diritto a un pagamento di transizione. Alla luce della sua posizione speciale e contrariamente a quella del direttore titolare, il direttore legale può opporsi alla decisione di licenziamento per motivi sia formali sia sostanziali.

I motivi sostanziali riguardano la ragionevolezza del licenziamento. Il direttore può sostenere che la decisione di licenziamento deve essere annullata per violazione di ragionevolezza ed equità alla luce di quanto è legalmente stipulato in merito alla risoluzione di un contratto di lavoro e di quanto concordato dalle parti. Tuttavia, un tale argomento di un direttore statale raramente porta al successo. Un ricorso a un possibile difetto formale della decisione di licenziamento ha spesso maggiori possibilità di successo per lui.

I motivi formali riguardano il processo decisionale nell'ambito dell'Assemblea generale degli azionisti. Se risulta che le regole formali non sono state rispettate, un errore formale può portare alla cancellazione o all'annullamento della decisione dell'Assemblea generale degli azionisti. Di conseguenza, si può ritenere che il direttore legale non sia mai stato licenziato e la società potrebbe essere confrontata con un sostanziale reclamo salariale. Per evitare ciò, è quindi importante che siano rispettati i requisiti formali della decisione di licenziamento.

At Law & More, comprendiamo che il licenziamento di un regista può avere un impatto notevole sia sulla società che sul regista stesso. Ecco perché manteniamo un approccio personale ed efficiente. I nostri avvocati sono esperti nel campo del diritto del lavoro e delle società e possono quindi fornirti supporto legale durante questo processo. Vuoi questo? O hai altre domande? Quindi contattare Law & More.

Share