Obblighi del dipendente durante la malattia

Obblighi del dipendente durante la malattia

I dipendenti hanno determinati obblighi da adempiere quando si ammalano e sono malati. Un dipendente malato deve denunciare la malattia, fornire determinate informazioni e rispettare ulteriori normative. Quando si verifica l'assenteismo, sia il datore di lavoro che il lavoratore hanno diritti e doveri. In sintesi, questi sono i principali obblighi del dipendente:

  • Il lavoratore deve denunciare la malattia al datore di lavoro quando è malato. Un datore di lavoro deve specificare come il dipendente può farlo. Gli accordi sull'assenza sono generalmente stabiliti in un protocollo di assenza. Un protocollo di assenza fa parte della politica di assenza. Stabilisce le regole per l'assenteismo e le modalità di denunce di malattia, registrazione dell'assenteismo, supervisione dell'assenteismo e reintegrazione in caso di assenteismo (a lungo termine).
  • Non appena il dipendente sta meglio, dovrebbe riferire.
  • Durante la malattia, il lavoratore deve informare il datore di lavoro del processo di guarigione.
  • Il dipendente deve inoltre essere disponibile per visite di controllo e rispondere ad una chiamata del medico competente. Il lavoratore è tenuto a collaborare al reinserimento.

All'interno di alcuni campi di lavoro, potrebbe esserci un contratto collettivo. Questi possono contenere accordi sull'assenteismo. Questi accordi sono importanti per il datore di lavoro e il dipendente.

Durante il periodo di malattia: lavorare al recupero e al reinserimento.

Sia il lavoratore che il datore di lavoro hanno interesse al recupero e al reinserimento del lavoratore. Il recupero consente al dipendente di riprendere il proprio lavoro ed evitare di rimanere disoccupato. Inoltre, la malattia può portare a un reddito inferiore. Per il datore di lavoro, un dipendente malato significa mancanza di forza lavoro e obbligo di continuare a pagare lo stipendio senza alcuna contropartita.

Se risulta che un dipendente sarà malato per un periodo più lungo, il dipendente deve collaborare al processo di reintegrazione. Durante il processo di reintegrazione, al dipendente si applicano i seguenti obblighi (articolo 7:660a del codice civile):

  • Il dipendente deve collaborare alla definizione, all'adeguamento e all'attuazione del piano d'azione.
  • Il dipendente deve accettare un'offerta dal datore di lavoro per svolgere un lavoro che si qualifica come lavoro idoneo.
  • Il dipendente deve cooperare con misure ragionevoli che provvedano al reinserimento.
  • Il dipendente deve informare il servizio di salute e sicurezza sul lavoro della sua assenza.

Il processo di reintegrazione prevede le seguenti fasi:

  • Il dipendente si ammala. Devono denunciare la malattia al datore di lavoro, di cui viene data immediata comunicazione al servizio di salute e sicurezza sul lavoro (entro sette giorni).
  • Prima che siano trascorse sei settimane, il servizio di salute e sicurezza sul lavoro valuta se vi è (potenzialmente) un'assenza per malattia di lunga durata.
  • Entro sei settimane, il servizio di salute e sicurezza fornisce un'analisi del problema. Con questa analisi, il servizio di salute e sicurezza fornisce informazioni sull'assenteismo, sulle circostanze coinvolte e sulle possibilità di reinserimento.
  • Prima che passino le otto settimane, il datore di lavoro concorda un piano d'azione con il dipendente.
  • Regolarmente il piano d'azione viene discusso tra il datore di lavoro e il dipendente almeno una volta ogni sei settimane.
  • Dopo 42 settimane, il dipendente sarà dichiarato malato all'UWV.
  • Segue una valutazione del primo anno.
  • Dopo circa 88 settimane di malattia, il dipendente riceverà una lettera dall'UWV con maggiori informazioni sulla richiesta di prestazioni WIA.
  • Dopo 91 settimane segue la valutazione finale, che descrive lo stato di reinserimento.
  • Entro e non oltre 11 settimane prima dell'inizio del beneficio WIA, il dipendente richiede il beneficio WIA, richiedendo il rapporto di reintegrazione.
  • Dopo due anni, il pagamento continuato dei salari si interrompe e il dipendente può ricevere benefici WIA. In linea di principio, l'obbligo del datore di lavoro di continuare a pagare il salario termina dopo due anni di malattia (104 settimane). Il dipendente può quindi avere diritto ai benefici WIA.

Pagamento continuato in caso di malattia

Il datore di lavoro deve continuare a corrispondere al lavoratore malato con contratto a tempo indeterminato oa tempo determinato almeno il 70% dell'ultimo stipendio percepito e l'indennità di ferie. C'è una percentuale più alta nel contratto di lavoro o nel contratto collettivo? Quindi il datore di lavoro deve conformarsi. La durata del pagamento continuato dipende da un contratto temporaneo o permanente, un massimo di 104 settimane.

Le regole durante le vacanze

Un dipendente malato matura tante ferie quante un dipendente non malato e può prendere ferie durante la malattia. Per fare ciò, tuttavia, il lavoratore deve chiedere il permesso al datore di lavoro. Non è facile valutarlo da soli. Pertanto, il datore di lavoro può chiedere consiglio al medico competente. Il medico competente può determinare in che misura tale vacanza contribuisce alla salute del dipendente malato. Il datore di lavoro decide quindi, in parte sulla base di questo consiglio, se il dipendente malato può andare in ferie. Il dipendente si ammala in vacanza? Le regole valgono anche allora. Anche durante le ferie il lavoratore è tenuto a denunciare il malore. Il datore di lavoro può iniziare immediatamente la consulenza sull'assenteismo se il dipendente si trova nei Paesi Bassi. Il dipendente all'estero è malato? Quindi devono denunciare la malattia entro 24 ore. Anche il dipendente deve rimanere accessibile. D'accordo su questo in anticipo.

E se il dipendente non si adegua?

A volte un lavoratore malato non rispetta gli accordi presi e quindi non collabora sufficientemente al loro reinserimento. Ad esempio, se il dipendente si trova all'estero e non si è presentato più volte all'appuntamento con il medico competente o si rifiuta di svolgere un lavoro adeguato. Di conseguenza, il datore di lavoro corre il rischio di una sanzione da parte dell'UWV, vale a dire il pagamento continuato della retribuzione durante la malattia fino a un terzo anno. Un datore di lavoro può adottare misure in questo caso. Il consiglio è quello di avviare una conversazione con il dipendente e dichiarare chiaramente che deve collaborare al reinserimento. Se ciò non aiuta, il datore di lavoro può optare per una sospensione salariale o un congelamento salariale. Il datore di lavoro lo rende noto inviando al dipendente una lettera raccomandata al riguardo. Solo successivamente la misura potrà essere attuata.

Qual è la differenza tra un blocco salariale e una sospensione salariale?

Per ottenere la collaborazione del dipendente, il datore di lavoro ha due possibilità: sospendere o sospendere in tutto o in parte la retribuzione. Per quanto riguarda il diritto al salario, va fatta una distinzione tra reintegrazione obblighi di controllo. Il mancato rispetto degli obblighi di reintegrazione (rifiuto di un lavoro idoneo, ostacolo o ritardo nel recupero, mancata collaborazione all'elaborazione, alla valutazione o all'adeguamento di un piano d'azione) può comportare il blocco della retribuzione. Il datore di lavoro non deve continuare a pagare i salari per il periodo in cui il dipendente non adempie ai suoi obblighi, anche se il dipendente in seguito svolge i suoi doveri (art 7:629-3 BW). Né sussiste il diritto alla retribuzione se il lavoratore non è (o non è stato) inabile al lavoro. Si supponga, tuttavia, che il dipendente non rispetti gli obblighi di controllo (non presentarsi all'ambulatorio del medico competente, non essere reperibile negli orari prescritti, o rifiutarsi di fornire informazioni al medico competente). In tal caso, il datore di lavoro può sospendere il pagamento della retribuzione. In tal caso, al dipendente verrà comunque corrisposto l'intero stipendio se rispetta i requisiti di monitoraggio. Con il blocco salariale decade il diritto alla retribuzione del dipendente. Il dipendente riceve nuovamente la retribuzione solo nel momento in cui adempie agli obblighi. Con la sospensione della retribuzione il lavoratore conserva il diritto alla retribuzione. Solo il suo pagamento viene temporaneamente interrotto fino a quando non adempie nuovamente ai suoi obblighi. In pratica, la sospensione salariale è il mezzo di pressione più utilizzato.

Differenza di opinione 

Il datore di lavoro può non essere d'accordo se il medico competente valuta che il dipendente non è (più) malato. Se il dipendente non è d'accordo, può essere richiesta una perizia a un'istituzione indipendente.

Un dipendente si ammala dopo un conflitto.

Ci possono essere situazioni in cui il datore di lavoro differisce dal dipendente su quando il lavoro può essere ripreso (parzialmente). Di conseguenza, l'assenteismo può portare a conflitti. Al contrario, anche un conflitto sul posto di lavoro può essere motivo di malattia. Il dipendente si ammala dopo uno scontro o un disaccordo all'interno del posto di lavoro? In tal caso, chiedere al medico competente di valutare se il dipendente è inabile al lavoro. Un medico aziendale può suggerire un periodo di riposo a seconda della situazione e dei disturbi di salute. Durante questo periodo si può tentare, eventualmente attraverso la mediazione, di risolvere il conflitto. Il datore di lavoro e il dipendente non sono d'accordo e c'è il desiderio di risolvere il contratto con il dipendente? Quindi di solito segue una conversazione riguardante un accordo di risoluzione. Questo non ha successo? Quindi il datore di lavoro chiederà al tribunale subdistrettuale di risolvere il contratto con il dipendente. In questo caso, è essenziale che venga compilato un fascicolo di assenteismo accurato sul dipendente.

Il lavoratore ha diritto all'indennità transitoria (indennità di licenziamento) sia in caso di cessazione del contratto sia in caso di cessazione per via intergiudiziale.

Congedo per malattia con contratto a tempo determinato

Il dipendente è ancora malato alla scadenza del contratto di lavoro? Quindi il datore di lavoro non deve più pagare loro lo stipendio. Il dipendente quindi se ne va insoddisfatto. Il datore di lavoro deve denunciare la malattia del dipendente all'UWV l'ultimo giorno lavorativo. Il dipendente riceve quindi un'indennità di malattia dall'UWV.

Consigli sull'assenteismo

L'impossibilità di lavorare a causa di una malattia spesso causa molti "problemi". È importante essere vigili, quindi. Quali diritti e doveri si applicano e cosa è ancora possibile e cosa non è più possibile? Hai una domanda sul congedo per malattia e vorresti un consiglio? Allora contattaci. Nostro avvocati del lavoro sarà felice di aiutarti!

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.