Contratto di lavoro a tempo determinato

Contratto di lavoro a tempo determinato

Mentre i contratti di lavoro a tempo determinato erano l'eccezione, sembrano essere diventati la regola. Un contratto di lavoro a tempo determinato è anche chiamato contratto di lavoro a tempo determinato. Tale contratto di lavoro è concluso per un periodo limitato. Spesso è concluso per sei mesi o un anno. Inoltre, questo contratto può essere concluso anche per la durata dei lavori. A cosa dovresti prestare attenzione quando offri il contratto di lavoro? Cosa ci metti dentro? E come finisce il contratto di lavoro?

Che cos'è?

Viene stipulato un contratto di lavoro a tempo determinato per un determinato periodo. Questo può durare pochi mesi ma anche diversi anni. Successivamente, il contratto di lavoro a tempo determinato termina. Pertanto, termina automaticamente e nessuna ulteriore azione deve essere intrapresa né dal datore di lavoro né dal dipendente. Tuttavia, il datore di lavoro può essere tenuto al risarcimento dei danni se non rispetta il termine di preavviso alla scadenza del contratto di lavoro a tempo determinato. La conseguenza della scadenza 'automatica' è che i dipendenti hanno meno certezze con un contratto di lavoro a tempo determinato perché il datore di lavoro non ha più bisogno di dare preavviso (tramite un permesso di licenziamento dell'UWV) o sciogliere (tramite il tribunale distrettuale) per liberarsi del dipendente. La risoluzione o lo scioglimento del rapporto di lavoro deve avvenire in caso di contratto di lavoro a tempo indeterminato. Ci sono parecchie condizioni associate a queste forme di cessazione.

Soprattutto in periodi di crisi economica, il contratto di lavoro a tempo determinato è diventato un'opzione interessante per i datori di lavoro.

Offrire un contratto a tempo determinato.

Ci sono diversi punti essenziali da considerare prima di offrire un contratto:

Concatenamento: numero di contratti a tempo determinato

Devi considerare la cosiddetta regola della filiera con un contratto di lavoro a tempo determinato. Questo determina quando un contratto di lavoro a tempo determinato si trasforma in un contratto di lavoro a tempo indeterminato. In base a questo regolamento, puoi concludere un massimo di tre contratti di lavoro a tempo determinato consecutivi in ​​36 mesi. Altre disposizioni possono essere applicate nel contratto collettivo

Stipuli più di tre contratti di lavoro a tempo determinato consecutivi? Oppure i contratti di lavoro superano i 36 mesi, compresi gli intervalli fino a 6 mesi? E non c'è nessuna disposizione nel contratto collettivo che aumenti il ​​numero di contratti o questo periodo? Quindi l'ultimo contratto di lavoro a tempo determinato si trasforma automaticamente in un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I contratti di lavoro sono successivi se l'indisponibilità del lavoratore non è superiore a sei mesi tra di essi. Vuoi spezzare la catena dei contratti di lavoro? Quindi devi garantire più di sei mesi.

Cao

Un contratto collettivo di lavoro (CAO) a volte contiene disposizioni per l'offerta di un contratto di lavoro a tempo determinato. Ad esempio, un contratto collettivo può includere eccezioni alla regola della catena di contratti. Si pensi alle disposizioni che consentono contratti di lavoro più temporanei per periodi prolungati. La tua azienda o settore ha un contratto collettivo di lavoro? Quindi controlla cosa è regolamentato in quest'area.

Trattamento uguale

I dipendenti dovrebbero poter contare sulla parità di trattamento. Questo vale anche quando si offre un contratto di lavoro a tempo determinato. Ad esempio, è vietato non rinnovare il contratto di lavoro a tempo determinato di una lavoratrice gestante o malata cronica per gravidanza o malattia cronica.

Successivi datori di lavoro

Ci sono datori di lavoro successivi? Poi la catena dei contratti di lavoro continua (e si può contare). I datori di lavoro successivi possono essere il caso di un'acquisizione aziendale. O se un dipendente è assunto da un'agenzia di collocamento e successivamente direttamente da un datore di lavoro. Il dipendente ottiene quindi un datore di lavoro diverso ma continua a svolgere lo stesso lavoro o un lavoro simile.

Contenuto del contratto

Il contenuto del contratto di lavoro corrisponde in gran parte a quello di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Tuttavia, ci sono alcune particolarità:

Durata

Un contratto di lavoro a tempo determinato deve indicare la durata del contratto di lavoro. Il termine è solitamente indicato con una data di inizio e una data di fine.

È anche possibile che un contratto di lavoro temporaneo non contenga una data di scadenza, ad esempio nel caso di un contratto di lavoro per la durata di un progetto. Oppure per sostituire un dipendente malato da lungo tempo fino a quando non potrà riprendere il lavoro in autonomia. In questi casi, devi essere in grado di determinare oggettivamente la fine del progetto o il ritorno del dipendente malato di lunga data. La fine del rapporto di lavoro dipende quindi da tale determinazione oggettiva e non dalla volontà del lavoratore o del datore di lavoro.

Clausola di preavviso

È saggio includere una clausola di risoluzione provvisoria in un contratto di lavoro a tempo determinato. Questa clausola dà la possibilità di risolvere anticipatamente il contratto di lavoro. Non dimenticare di nominare il periodo di preavviso. Tieni presente che non solo un datore di lavoro può recedere anticipatamente da un contratto di lavoro, ma anche un dipendente.

Prova

Un periodo di prova è consentito solo a volte in un contratto di lavoro a tempo determinato. Puoi accettare un periodo di prova solo nei contratti di lavoro a tempo determinato con la seguente durata contrattuale:

  • Più di sei mesi ma meno di due anni: periodo di prova massimo di un mese;
  • 2 anni o più: massimo due mesi di periodo di prova;
  • Senza data di fine: periodo di prova massimo di un mese.

Clausola di concorrenza

Dal 1° gennaio 2015 è vietato inserire una clausola di non concorrenza in un contratto di lavoro a tempo determinato. L'eccezione a questa regola principale è che una clausola di non concorrenza può essere inclusa in un contratto di lavoro a tempo determinato se la clausola di non concorrenza è accompagnata da una motivazione che dimostri che la clausola è necessaria a causa di interessi commerciali o di servizi sostanziali su la parte del datore di lavoro. Pertanto, una clausola di non concorrenza può essere inserita in un contratto di lavoro a tempo determinato solo in casi eccezionali.

Quando un contratto veloce si trasforma in un contratto a tempo indeterminato?

Contratto a tempo indeterminato dopo tre contratti a tempo determinato consecutivi

Un dipendente riceve automaticamente un contratto a tempo indeterminato se:

  • ha avuto più di tre contratti a tempo determinato con lo stesso datore di lavoro, oppure;
  • Ha avuto più di tre contratti a tempo determinato con successivi datori di lavoro per lo stesso tipo di lavoro. (Ad esempio, se un dipendente lavora prima tramite un'agenzia di collocamento e poi si unisce direttamente al datore di lavoro), e;
  • La pausa (intervallo) tra i contratti è di un massimo di 6 mesi. Per il lavoro temporaneo ricorrente (non limitato al lavoro stagionale) che può essere svolto per un massimo di 9 mesi all'anno, possono esserci un massimo di 3 mesi tra i contratti. Tuttavia, questo deve essere incluso nel contratto collettivo, e;
  • Il 3° contratto del dipendente termina a partire dal 1° gennaio 2020 e;
  • Non ci sono altre condizioni nel contratto collettivo, in quanto gli accordi nel contratto collettivo hanno la precedenza.

Contratto a tempo indeterminato dopo tre anni di contratti a tempo determinato

Un dipendente ottiene automaticamente un contratto a tempo indeterminato se:

  • Ha ricevuto più contratti a tempo determinato con lo stesso datore di lavoro per oltre tre anni. Oppure per lo stesso tipo di lavoro con successivi datori di lavoro;
  • C'è un massimo di 6 mesi tra i contratti (l'intervallo). Per il lavoro temporaneo ricorrente (non limitato al lavoro stagionale) che può essere svolto per un massimo di 9 mesi all'anno, possono esserci un massimo di 3 mesi tra i contratti. Tuttavia, questo deve essere incluso nel contratto collettivo;
  • Non ci sono altri termini e condizioni nel contratto collettivo.

Eccezioni

La regola della catena si applica solo ad alcuni. Non hai diritto a una proroga automatica di un contratto a tempo indeterminato nelle seguenti situazioni:

  • Per un contratto di apprendistato per un corso BBL (formazione professionale);
  • Età inferiore a 18 anni con orario di lavoro fino a 12 ore settimanali;
  • Un lavoratore interinale con clausola di agenzia;
  • Sei uno stagista;
  • Sei un insegnante supplente di una scuola primaria in caso di malattia di un insegnante o del personale di supporto alla didattica;
  • Hai un'età AOW. Un datore di lavoro può concedere al dipendente sei contratti a tempo determinato in 4 anni dall'età pensionabile statale.

Fine del contratto di lavoro a tempo determinato

Un contratto di lavoro a tempo determinato termina alla fine del periodo concordato o dopo il completamento di un progetto. È un contratto di lavoro a tempo determinato di 6 mesi o più? In caso affermativo, è necessario dare un preavviso, ovvero comunicare per iscritto se si desidera continuare il contratto di lavoro e, in caso affermativo, a quali condizioni. Ad esempio, se non proroghi il contratto di lavoro a tempo determinato. Sarebbe meglio che tu dessi disdetta non più tardi di un mese prima della fine del contratto di lavoro. Se non lo fai, devi un compenso pari a un mese di stipendio. Oppure, in caso di disdetta troppo tardiva, un importo pro rata. Spetta al datore di lavoro dimostrare di aver dato tempestiva comunicazione scritta. Si consiglia pertanto di inviare la comunicazione tramite raccomandata e di conservare la ricevuta di tracciabilità. Attualmente viene spesso utilizzata anche una e-mail con conferma di ricezione e lettura.

Conclusione

È consigliabile che sia il datore di lavoro che il dipendente abbiano contratti necessari (come contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato) redatti da un avvocato. Soprattutto per un datore di lavoro, una singola stesura può creare un modello che può utilizzare per tutti i futuri contratti di lavoro. Per inciso, se nel frattempo sorgono problemi (ad es. licenziamento o questioni relative alla catena di custodia), è anche consigliabile rivolgersi a un avvocato. Un buon avvocato può prevenire ulteriori problemi e risolvere problemi che sono già sorti.

Hai domande sui contratti a tempo determinato o desideri stipulare un contratto? In tal caso, ti preghiamo di contattarci. I nostri avvocati sono specializzati in diritto del lavoro e saremo felici di aiutarti!

 

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.