Termini e condizioni generali: cosa devi sapere

Quando acquisti qualcosa in un negozio online, anche prima di aver avuto la possibilità di pagare elettronicamente, ti viene spesso chiesto di spuntare una casella con cui dichiari di accettare i termini e le condizioni generali del negozio online. Se spunti la casella senza aver letto i termini e le condizioni generali, sei uno dei tanti; quasi nessuno li legge prima di ticchettare. Tuttavia, questo è rischioso. I termini e le condizioni generali possono contenere contenuti spiacevoli. Termini e condizioni generali, di cosa si tratta?

I termini e le condizioni generali sono spesso chiamati caratteri piccoli di un contratto

Contengono le regole e i regolamenti aggiuntivi che accompagnano un accordo. Nel codice civile olandese si possono trovare le regole che i termini e le condizioni generali devono soddisfare o che cosa esplicitamente non possono affrontare.

L'articolo 6: 231, lettera a), del codice civile olandese fornisce la seguente definizione di termini e condizioni generali:

"Uno o più clausole che sono stati formulati per essere inclusi in una serie di accordi, ad eccezione di clausole trattare gli elementi chiave dell'accordo, per quanto questi ultimi siano chiari e comprensibili ».

All'inizio, l'arte. 6: 231 comma a del codice civile olandese parlava di clausole scritte. Tuttavia, con l'attuazione del regolamento 2000/31 / CE, relativo al commercio elettronico, la parola «scritto» è stata rimossa. Ciò significa che anche i termini e le condizioni generali indirizzati verbalmente sono legali.

La legge parla di «l'utente» e di «controparte». L'utente è colui che utilizza termini e condizioni generali in un accordo (art. 6: 231 sub b del codice civile olandese). Di solito questa è la persona che vende la merce. La controparte è colui che, firmando un documento scritto o in altro modo, conferma di aver accettato i termini e le condizioni generali (art. 6: 231 sub c del codice civile olandese).

I cosiddetti aspetti fondamentali di un accordo non rientrano nell'ambito giuridico dei termini e delle condizioni generali. Questi aspetti non fanno parte dei termini e delle condizioni generali. Questo è il caso in cui le clausole costituiscono l'essenza dell'accordo. Se inclusi nelle regole e condizioni generali, non sono validi. Un aspetto fondamentale riguarda aspetti di un accordo che sono così essenziali che senza di essi l'accordo non sarebbe mai stato realizzato e l'intenzione di entrare nell'accordo non sarebbe stata raggiunta.

Esempi di argomenti che si trovano negli aspetti fondamentali sono: il prodotto che viene scambiato, il prezzo che la controparte deve pagare e la qualità o la quantità dei beni venduti / acquistati.

L'obiettivo del regolamento legale delle condizioni generali è triplice:

  • Rafforzare il controllo giudiziario sul contenuto delle condizioni generali per proteggere le (contro) parti alle quali si applicano le condizioni generali, in particolare i consumatori.
  • Fornire la massima sicurezza legale in merito all'applicabilità e (non) accettabilità del contenuto delle condizioni generali.
  • Stimolare il dialogo tra gli utenti dei termini e delle condizioni generali e ad esempio le parti che mirano a migliorare gli interessi delle persone coinvolte, come le organizzazioni dei consumatori.

È bene informare che le disposizioni legali relative alle condizioni generali non si applicano ai contratti di lavoro, ai contratti collettivi di lavoro e alle transazioni commerciali internazionali.

Quando un problema relativo a termini e condizioni generali viene portato in tribunale, l'utente deve dimostrare la validità dei suoi punti di vista. Ad esempio, può sottolineare che i termini e le condizioni generali sono stati utilizzati in precedenza in altri accordi. Un punto centrale nella sentenza è il significato che le parti possono ragionevolmente rispettare i termini e le condizioni generali e ciò che possono aspettarsi l'uno dall'altro. In caso di dubbio, prevale la formulazione più positiva per il consumatore (art. 6: 238 clausola 2 del codice civile olandese).

L'utente è tenuto a informare la controparte sui termini e le condizioni generali (art. 6: 234 del codice civile olandese). Può adempiere a tale obbligo consegnando i termini e le condizioni generali alla controparte (art. 6: 234 clausola 1 del codice civile olandese). L'utente deve essere in grado di dimostrare di averlo fatto. Se la consegna non è possibile, l'utente deve, prima che venga stabilito l'accordo, informare la controparte che esistono termini e condizioni generali e dove questi possono essere trovati e letti, ad esempio presso la Camera di commercio o l'amministrazione giudiziaria (art. 6: 234 clausola 1 del codice civile olandese) o può inviarli alla controparte quando gli viene chiesto.

Ciò deve essere fatto immediatamente ea spese dell'utente. In caso contrario, il tribunale può dichiarare non validi i termini e le condizioni generali (art. 6: 234 del codice civile olandese), a condizione che l'utente possa ragionevolmente soddisfare tale requisito. Fornire l'accesso ai termini e condizioni generali può anche essere effettuato elettronicamente. Questo è stabilito nell'art. 6: 234 clausole 2 e 3 del codice civile olandese. In ogni caso, la fornitura elettronica è consentita quando l'accordo è stato stabilito elettronicamente.

In caso di fornitura elettronica, la controparte deve essere in grado di memorizzare i termini e le condizioni generali e deve disporre di tempo sufficiente per leggerli. Quando l'accordo non viene stabilito elettronicamente, la controparte deve concordare con la disposizione elettronica (art. 6: 234 clausola 3 del codice civile olandese).

Il regolamento sopra descritto è esaustivo? Da una sentenza della Corte suprema olandese (ECLI: NL: HR: 1999: ZC2977: Geurtzen / Kampstaal) si può dedurre che il regolamento doveva essere esaustivo. Tuttavia, in un emendamento l'Alta Corte stessa smentisce questa conclusione. Nell'emendamento si afferma che quando si può presumere che la controparte conosca o ci si possa aspettare che conosca i termini e le condizioni generali, dichiarare invalidi i termini e le condizioni generali non è un'opzione.

Il codice civile olandese non specifica cosa deve essere incluso nei termini e condizioni generali, ma indica cosa non può essere incluso. Come indicato sopra, questo è tra gli altri aspetti fondamentali dell'accordo, come il prodotto acquistato, il prezzo e la durata dell'accordo. Inoltre, a lista nera , lista grigia sono utilizzati nella valutazione (art. 6: 236 e art. 6: 237 del codice civile olandese) contenente clausole irragionevoli. Va notato che la lista nera e la lista grigia sono applicabili quando termini e condizioni generali si applicano agli accordi tra una società e un consumatore (B2C).

lista nera (art. 6: 236 del codice civile olandese) contiene clausole che, se incluse nei termini e condizioni generali, sono considerate non ragionevoli dalla legge.

La lista nera ha tre sezioni:

  1. Regolamenti che privano la controparte di diritti e competenze. Un esempio è la privazione del diritto all'adempimento (art. 6: 236 sub a del Codice civile olandese) o l'esclusione o la limitazione del diritto di scioglimento dell'accordo (art. 6: 236 sub b del Codice civile olandese).
  2. Regolamenti che garantiscono all'utente ulteriori diritti o competenze. Ad esempio, una clausola che consente all'utente di aumentare il prezzo di un prodotto entro tre mesi dalla stipula dell'accordo, a meno che la controparte non sia autorizzata a sciogliere l'accordo in tal caso (art. 6: 236 sub i del Civil olandese Codice).
  3. Una varietà di regolamenti di diverso valore probatorio (art. 6: 236 sub k del codice civile olandese). Ad esempio, la continuazione automatica di un abbonamento su un giornale o periodico, senza una procedura corretta per annullare l'abbonamento (art. 6: 236 subp e q del codice civile olandese).

lista grigia dei termini e condizioni generali (art. 6: 237 del codice civile olandese) contiene regolamenti che, se inclusi nei termini e condizioni generali, sono ritenuti irragionevolmente onerosi. Queste clausole non sono per definizione irragionevoli e gravose.

Esempi di questo sono clausole che comportano una limitazione essenziale degli obblighi dell'utente nei confronti della controparte (art. 6: 237 sub b del codice civile olandese), clausole che consentono all'utente un insolito lungo termine per l'adempimento dell'accordo ( art. 6: 237 sub e del codice civile olandese) o clausole che impegnano la controparte a un periodo di cancellazione più lungo dell'utente (art. 6: 237 sub l del codice civile olandese)).

Contatti

In caso di ulteriori domande o commenti dopo aver letto questo articolo, non esitate a contattare sig. Maxim Hodak, avvocato presso Law & More via [email protected] o sig. Tom Meevis, avvocato presso Law & More via [email protected] oppure chiamaci al numero +31 (0) 40-3690680.

Share
Law & More B.V.