Il regime pensionistico è obbligatorio?

Il regime pensionistico è obbligatorio?

Sì e no! La regola principale è che un datore di lavoro non è obbligato a offrire un regime pensionistico ai dipendenti. Inoltre, in linea di principio, i dipendenti non sono obbligati a partecipare a un regime pensionistico fornito dal datore di lavoro.

In pratica, tuttavia, ci sono molte situazioni in cui questa regola principale non si applica, lasciando al datore di lavoro poca scelta se offrire o meno un regime pensionistico. Inoltre, un datore di lavoro non può sempre progettare o modificare il regime pensionistico come ritiene opportuno. È importante avere certezze al riguardo.

In quali situazioni è obbligatorio un regime pensionistico?

  • Per l'iscrizione obbligatoria in un fondo pensione del settore;
  • L'obbligo di cui all'a accordo collettivo; Restrizione dovuta a il consiglio di fabbrica's diritto di consenso;
  • Nel caso di un preesistente accordo di attuazione;
  • a seguito di una disposizione statutaria nella legge sulle pensioni.

Obbligo di adesione al fondo pensione di categoria

Quando un'azienda rientra nell'ambito di un fondo pensione obbligatorio del settore, la conseguenza è che un datore di lavoro è obbligato a offrire il regime pensionistico del fondo pensione e ad iscrivere il dipendente a tale fondo. Se un datore di lavoro non aderisce erroneamente a un fondo pensione obbligatorio del settore, ciò può avere conseguenze finanziarie sostanziali per lui e per i suoi dipendenti. Inoltre, il datore di lavoro deve comunque aderire successivamente e registrare retroattivamente i dipendenti. Ciò significa che tutti i contributi pensionistici scaduti devono ancora essere pagati. A volte l'esenzione è possibile, ma poiché varia a seconda del settore, è essenziale ricercarla attentamente. Puoi verificare se la tua impresa è coperta da uno dei fondi obbligatori a prestazione definita su uitvoeringarbeidsvoorwaardenwetgeving.nl.

La maggior parte dei lavoratori olandesi è obbligatoriamente affiliata a uno degli oltre 50 fondi pensione del settore. I fondi pensione del settore più noti sono ABP (per governo e istruzione), PFZW (salute e welfare), BPF Bouw e Metal and Technology Pension Fund.

Obblighi pensionistici basati su un contratto collettivo

Un contratto collettivo può contenere disposizioni e condizioni che il regime pensionistico deve rispettare o può prescrivere obbligatoriamente a quale ente pensionistico deve essere versata la pensione. Le disposizioni del CBA sulle pensioni non possono essere dichiarate generalmente vincolanti. Ciò significa che, in linea di principio, i datori di lavoro ei lavoratori non allineati non sono vincolati da esse. Tuttavia, è sempre importante indagare se il datore di lavoro ei dipendenti possono rientrare nell'ambito di un fondo pensione obbligatorio del settore.

Restrizioni per il datore di lavoro dovute al diritto al consenso del consiglio di fabbrica 

Il cosiddetto diritto del consenso del consiglio di fabbrica limita ulteriormente la libertà contrattuale del datore di lavoro in materia di pensioni. Questo diritto di consenso è regolato nella sezione 27 della legge sui comitati aziendali. Un comitato aziendale è richiesto dalla legge se l'azienda impiega almeno 50 persone. Nel determinare il numero di persone impiegate nell'impresa, non si può fare alcuna distinzione tra chi lavora a tempo pieno e chi lavora a tempo parziale. Ai sensi della legge sui comitati aziendali, il datore di lavoro deve ottenere il consenso del comitato aziendale per qualsiasi decisione di introdurre, modificare o revocare un accordo pensionistico, tra le altre cose.

Il datore di lavoro ha già stipulato un contratto di amministrazione con un istituto di previdenza.

In questa situazione, il datore di lavoro è quasi sempre contrattualmente obbligato a registrare tutti i nuovi dipendenti presso l'istituto di previdenza. Uno dei motivi è che, in linea di principio, un amministratore delle pensioni non è autorizzato a chiedere informazioni sullo stato di salute dei dipendenti. Ora, per evitare di registrare solo i dipendenti con problemi di salute, l'amministratore delle pensioni richiede che tutti i dipendenti - o un gruppo di dipendenti - siano registrati.

Limitazione dovuta a disposizione di legge Legge sulle pensioni

Un datore di lavoro deve informare un nuovo dipendente per iscritto entro un mese dall'adesione se parteciperà o meno a un regime pensionistico. Se questo dipendente appartiene allo stesso gruppo di dipendenti che già partecipano a un regime pensionistico, anche il nuovo dipendente inizierà automaticamente a partecipare a tale regime pensionistico. In pratica, questo di solito è già menzionato nel contratto di lavoro offerto.

Contributo dei dipendenti

Un regime pensionistico obbligatorio copre il datore di lavoro? In tal caso, tale regime o contratto collettivo indicherà il contributo massimo dei dipendenti. Nota! I contributi pensionistici sono deducibiliLa quota del datore di lavoro nei contributi pensionistici dei dipendenti conta come costo del lavoro. Il datore di lavoro può dedurle dall'utile. Di conseguenza, paghi meno tasse.

Obbligo di cura del datore di lavoro

Le informazioni sulla pensione passano attraverso l'ente pensionistico (il fondo pensione o un assicuratore pensionistico). Ma il datore di lavoro deve anche informare i dipendenti su alcune cose. Questo si chiama dovere di diligenza. La cassa pensioni o l'assicuratore pensioni possono spesso aiutare in questo. Il datore di lavoro deve comunicare ai dipendenti la loro pensione:

  • All'inizio dell'occupazione. Il datore di lavoro comunica loro il regime pensionistico e il contributo pensionistico che devono versare autonomamente. E se il trasferimento di valore è possibile. Un nuovo dipendente versa una pensione già maturata nel regime pensionistico del nuovo datore di lavoro.
  • Se stanno già lavorando, ad esempio, sulle opportunità per costruire una pensione extra.
  • Se lasciano il lavoro, il datore di lavoro comunica al datore di lavoro che il regime pensionistico può continuare se il dipendente avvia un'attività in proprio. Inoltre, il datore di lavoro dovrebbe informare il dipendente in merito al trasferimento di valore della pensione al regime pensionistico del nuovo datore di lavoro.

Un dipendente può rifiutare una pensione?

Nella maggior parte dei casi, è quasi impossibile non partecipare a un regime pensionistico. Se nel contratto collettivo è stipulata una pensione di categoria o una partecipazione pensionistica, il lavoratore non può uscirne. Se il datore di lavoro ha stipulato un contratto con un assicuratore pensionistico, di solito c'è anche un accordo sulla partecipazione di tutti i dipendenti. Come dipendente, puoi anche chiederti se sia saggio non partecipare. Oltre al tuo contributo obbligatorio alla cassa pensione, anche il datore di lavoro contribuisce con una quota. Inoltre, il contributo pensionistico proviene dallo stipendio lordo, mentre dovrebbe provenire dal tuo stipendio netto quando inizi a risparmiare.

Detenuti

Un obiettore di coscienza è una persona che non desidera stipulare un'assicurazione a causa delle proprie convinzioni religiose. Questo influisce sulla pensione. Devono quindi avere una dispensa ufficiale dalla Banca delle assicurazioni sociali (SVB). La richiesta di tale esenzione è piuttosto drastica, poiché l'esenzione si applica a tutte le assicurazioni. Sarai anche cancellato per AOW e WW e non potrai più ottenere un'assicurazione sanitaria. Quindi non registrarti come obiettore di coscienza solo per uscire dal tuo contributo pensionistico obbligatorio. Se ricevi un riconoscimento da SVB, non sei necessariamente più economico. Invece della variante assicurata, l'obiettore di coscienza paga un premio per una variante di risparmio. Il premio viene pagato su un conto di risparmio appositamente aperto con un tasso di interesse. Lo ricevono a rate entro l'età pensionabile fino a quando il piatto è vuoto.

Il datore di lavoro non può cambiare il regime pensionistico dall'oggi al domani.

Il regime pensionistico è una condizione di lavoro e il datore di lavoro non è autorizzato a modificarlo in questo modo. Ciò è consentito solo con il consenso dei dipendenti. A volte il regime pensionistico o il contratto collettivo stabilisce che è possibile un adeguamento unilaterale. Ma questo è consentito solo in circostanze gravi, ad esempio se l'azienda rischia di fallire o perché la legislazione o il contratto collettivo di lavoro stanno cambiando. Il datore di lavoro deve quindi informare i propri dipendenti di una proposta di modifica.

Se un regime è applicabile all'interno dell'azienda, è obbligatorio in quasi tutti i casi. Se viene offerta una pensione volontaria, la chiave è garantire che tutti partecipino. Hai qualche domanda dopo aver letto il nostro blog? Sentiti libero di contatti noi; i nostri avvocati parleranno volentieri con te e ti daranno consigli appropriati. 

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.