Responsabilità degli azionisti nei Paesi Bassi

La responsabilità dei dirigenti di una società nei Paesi Bassi è sempre un argomento molto discusso. Molto meno si dice sulla responsabilità degli azionisti. Tuttavia, accade che gli azionisti possano essere responsabili per le loro azioni all'interno di una società secondo la legge olandese. Quando un azionista può essere ritenuto responsabile delle sue azioni, ciò riguarda la responsabilità personale, che può avere conseguenze importanti sulla vita personale di un azionista. Pertanto, è importante essere consapevoli dei rischi in relazione alla responsabilità degli azionisti. Le diverse situazioni in cui può sorgere la responsabilità degli azionisti nei Paesi Bassi saranno discusse in questo articolo.

1. Obblighi degli azionisti

Un azionista detiene le azioni di una persona giuridica. Secondo il codice civile olandese, un'entità giuridica equivale a una persona fisica quando si tratta di diritti di proprietà. Ciò significa che un'entità legale può avere gli stessi diritti e gli stessi obblighi di una persona fisica e può quindi svolgere azioni legali, come ottenere proprietà, stipulare un contratto o intentare un'azione legale. Poiché un'entità legale esiste solo su carta, l'entità legale deve essere rappresentata da una persona fisica, il direttore (i). Mentre l'entità legale è in linea di principio responsabile per eventuali danni derivanti dalle sue azioni, in alcuni casi gli amministratori possono anche essere ritenuti responsabili in base alla responsabilità degli amministratori. Tuttavia, ciò solleva la questione se un azionista possa essere ritenuto responsabile per le sue azioni nei confronti dell'entità giuridica. Al fine di determinare la responsabilità degli azionisti, è necessario stabilire gli obblighi degli azionisti. Possiamo distinguere tre tipi di obbligazioni specifiche per gli azionisti: obbligazioni legali, obbligazioni che derivano dall'atto costitutivo e obbligazioni derivanti dal patto parasociale.

Responsabilità degli azionisti

1.1 Obblighi degli azionisti derivanti dalla legge

Secondo il codice civile olandese, gli azionisti hanno un obbligo importante: l'obbligo di pagare alla società le azioni che acquistano. Tale obbligo deriva dall'articolo 2: 191 del codice civile olandese ed è l'unico obbligo esplicito per gli azionisti che deriva dalla legge. Tuttavia, ai sensi dell'articolo 2: 191 del codice civile olandese, è possibile stabilire nell'atto costitutivo che le azioni non devono essere interamente pagate immediatamente:

Alla sottoscrizione di un'azione, il relativo importo nominale deve essere corrisposto alla società. È possibile stabilire che l'importo nominale, o una parte dell'importo nominale, debba essere pagato solo dopo un certo periodo di tempo o dopo che la società ha chiesto il pagamento.

Tuttavia, se tale clausola è incorporata nell'atto costitutivo, esiste una disposizione che protegge i terzi in caso di fallimento. Se la società fallisce e le azioni non sono interamente pagate dagli azionisti, sia a causa di una clausola nello statuto di coincidenza, il curatore nominato è tenuto a richiedere il pagamento completo di tutte le azioni dagli azionisti. Ciò deriva dall'articolo 2: 193 Codice civile olandese:

Il curatore di una società ha il potere di richiamare e riscuotere tutti i pagamenti obbligatori non ancora effettuati in relazione alle azioni. Questo potere esiste indipendentemente da ciò che è specificato al riguardo negli articoli di incorporazione o è stabilito ai sensi dell'articolo 2: 191 Codice civile olandese.

L'obbligo legale per gli azionisti di pagare interamente le azioni richieste implica che gli azionisti sono in linea di principio responsabili solo dell'importo delle azioni che hanno assunto. Non possono essere ritenuti responsabili per le azioni dell'azienda. Ciò deriva anche dall'articolo 2:64 del codice civile olandese e dall'articolo 2: 175 del codice civile olandese:

Un azionista non è personalmente responsabile di ciò che viene eseguito in nome della società e non è obbligato a contribuire alle perdite della società per un importo superiore a quello che ha pagato o deve ancora pagare sulle sue azioni.

1.2 Obblighi degli azionisti derivanti dall'atto costitutivo

Come spiegato sopra, gli azionisti hanno un solo obbligo legale esplicito: il pagamento delle loro azioni. Tuttavia, oltre a questo obbligo legale, gli obblighi per gli azionisti possono essere stipulati nell'atto costitutivo. Questo è secondo l'articolo 2: 192, comma 1 Codice civile olandese:

L'atto costitutivo può, per quanto riguarda tutte le azioni o azioni di un certo tipo:

  1. specificare che determinati obblighi, da adempiere nei confronti della società, nei confronti di terzi o tra azionisti reciprocamente, sono allegati alla partecipazione azionaria;
  2. allegare requisiti all'azionariato;
  3. determinare che un azionista, nelle situazioni specificate nell'atto costitutivo, è obbligato a trasferire le proprie azioni o parte di essa o fare un'offerta per tale trasferimento di azioni.

Secondo questo articolo, l'atto costitutivo può stabilire che un azionista può essere ritenuto personalmente responsabile per i debiti della società. Inoltre, possono essere stabilite condizioni per il finanziamento dell'azienda. Tali disposizioni estendono la responsabilità degli azionisti. Tuttavia, disposizioni come questa non possono essere stipulate contro la volontà degli azionisti. Possono essere stipulati solo quando gli azionisti concordano con le disposizioni. Ciò deriva dall'articolo 2: 192, comma 1 del codice civile olandese:

Un obbligo o un requisito di cui alla precedente frase ai punti (a), (b) o (c) non può essere imposto all'azionista contro la sua volontà, nemmeno in una condizione o termine.

Al fine di stipulare ulteriori obblighi per gli azionisti nell'atto costitutivo, l'assemblea generale degli azionisti deve deliberare sull'azionista. Se un azionista vota contro la stipula di ulteriori obblighi o requisiti per gli azionisti nell'atto costitutivo, non può essere ritenuto responsabile in relazione a tali obblighi o requisiti.

1.3 Obblighi degli azionisti derivanti dal patto parasociale

Gli azionisti hanno la possibilità di redigere un accordo tra azionisti. Un accordo tra azionisti è concluso e contiene diritti e obblighi aggiuntivi per gli azionisti. Il patto parasociale si applica solo agli azionisti, non riguarda terzi. Se un azionista non rispetta il patto parasociale, può essere ritenuto responsabile per danni derivanti da tale inadempienza. Questa responsabilità si baserà sul mancato rispetto di un accordo, che deriva dall'articolo 6:74 del codice civile olandese. Tuttavia, se esiste un unico azionista che detiene tutte le azioni di una società, non è ovviamente necessario redigere un accordo tra azionisti.

2. Responsabilità per azioni illecite

Oltre a questi obblighi specifici per gli azionisti, nel determinare la responsabilità degli azionisti si deve tener conto anche della responsabilità relativa ad azioni illecite. Tutti sono obbligati ad agire secondo la legge. Quando una persona agisce illegalmente, può essere ritenuta responsabile in base all'articolo 6: 162 del codice civile olandese. Un azionista ha l'obbligo di agire legalmente nei confronti di creditori, investitori, fornitori e altre terze parti. Se un azionista agisce in modo illecito, può essere ritenuto responsabile per questa azione. Quando un azionista agisce in modo tale da poter presentare una grave accusa nei suoi confronti, può essere accettata la recitazione illegale. Un esempio di un'azione illegale da parte di un azionista può essere l'erogazione di profitti mentre è evidente che la società non può più pagare i creditori dopo questo pagamento.

Inoltre, gli atti illeciti degli azionisti possono talvolta derivare dalla vendita di azioni a terzi. Si prevede che un azionista, in una certa misura, avvierà un'indagine sulla persona o sulla società a cui desidera vendere le proprie azioni. Se tale indagine rivela che la società di cui detiene le azioni non sarà probabilmente in grado di adempiere ai propri obblighi dopo il trasferimento di azioni, si prevede che l'azionista terrà conto degli interessi dei creditori. Ciò implica che in determinate circostanze un azionista può essere ritenuto personalmente responsabile quando trasferisce le sue azioni a una terza parte e tale trasferimento fa sì che la società non sia in grado di pagare i suoi creditori.

3. Responsabilità dei responsabili politici

Infine, la responsabilità degli azionisti può sorgere quando un azionista agisce come un decisore politico. In linea di principio, gli amministratori hanno il compito di condurre il normale corso degli eventi all'interno dell'azienda. Questo non è un compito degli azionisti. Tuttavia, gli azionisti hanno la possibilità di dare istruzioni agli amministratori. Questa possibilità deve essere inclusa nell'atto costitutivo. Ai sensi dell'articolo 2: 239, comma 4 del codice civile olandese, gli amministratori devono seguire le istruzioni degli azionisti, a meno che tali istruzioni non siano contrarie agli interessi dell'azienda:

L'atto costitutivo può prevedere che il consiglio di amministrazione debba agire secondo le istruzioni di un altro organo della società. Il consiglio di amministrazione è obbligato a seguire le istruzioni a meno che non siano in conflitto con gli interessi della società o dell'impresa ad essa collegata.

Tuttavia, è molto importante che gli azionisti forniscano solo istruzioni generali.[1] Gli azionisti non possono dare istruzioni su argomenti o azioni specifici. Ad esempio, un azionista non può dare a un direttore le istruzioni per licenziare un dipendente. Gli azionisti non possono assumere il ruolo di amministratore. Se gli azionisti agiscono come amministratori e svolgono il normale corso degli eventi della società, vengono classificati come responsabili politici e saranno trattati come amministratori. Ciò significa che possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dalla politica condotta. Pertanto, possono essere ritenuti responsabili in base alla responsabilità degli amministratori in caso di fallimento della società.[2] Ciò deriva dall'articolo 2: 138, paragrafo 7 Codice civile olandese e dall'articolo 2: 248, paragrafo 7 Codice civile olandese:

Ai fini del presente articolo, una persona che ha effettivamente determinato o co-determinato la politica della società come se fosse un amministratore, è equiparata a un direttore.

L'articolo 2: 216, comma 4, del codice civile olandese stabilisce inoltre che una persona che ha determinato o co-determinato la politica della società è equiparata a un amministratore e può quindi essere ritenuta responsabile in base alla responsabilità degli amministratori.

4. Συμπέρασμα

In linea di principio, una società è responsabile per i danni derivanti dalle sue azioni. In determinate circostanze, gli amministratori possono anche essere ritenuti responsabili. Tuttavia, è importante tenere presente che gli azionisti di una società possono anche essere ritenuti responsabili per danni in determinate situazioni. Un azionista non può compiere tutti i tipi di azioni senza impunità. Sebbene ciò possa sembrare logico, in pratica si presta poca attenzione alla responsabilità degli azionisti. Gli azionisti hanno obbligazioni derivanti dalla legge, dallo statuto e dal patto parasociale. Quando gli azionisti non rispettano tali obblighi, possono essere ritenuti responsabili per i danni risultanti.

Inoltre, gli azionisti, come ogni altra persona, devono agire secondo la legge. L'azione illecita può comportare la responsabilità dell'azionista. Infine, un azionista dovrebbe agire come azionista e non come amministratore. Quando un azionista inizia a condurre il normale corso degli eventi all'interno della società, verrà identificato con un direttore. In tal caso, la responsabilità degli amministratori può applicarsi anche agli azionisti. Sarebbe saggio per gli azionisti tenere presente questi rischi, per evitare la responsabilità degli azionisti.

Contattaci

Se avete domande o commenti dopo aver letto questo articolo, non esitate a contattare mr. Maxim Hodak, avvocato presso Law & More via maxim.hodak@lawandmore.nl, or mr. Tom Meevis, lawyer at Law & More via tom.meevis@lawandmore.nl, or call +31 (0)40-3690680.

[1] ECLI: NL: HR: 1955: AG2033 (Forumbank).

[2] ECLI: NL: HR: 2015: 522 (Hollandse Glascentrale Beheer BV).

Condividi