Affidamento preventivo: quando è consentito?

La polizia ti ha trattenuto per giorni e ora ti chiedi se ciò sia fatto rigorosamente da manuale? Ad esempio, perché dubiti della legittimità dei motivi per farlo o perché ritieni che la durata sia stata troppo lunga. È abbastanza normale che tu, i tuoi amici e la tua famiglia, abbiate domande al riguardo. Di seguito vi diciamo quando le autorità giudiziarie possono decidere di trattenere un sospettato, dall'arresto alla reclusione, e quali possibili limiti di tempo si applicano.

Affidamento preventivo: quando è consentito?

Arresto e interrogatorio

Se vieni arrestato, è perché c'è / c'era un sospetto di reato. In caso di sospetto, un sospetto viene portato alla stazione di polizia il prima possibile. Una volta lì, viene arrestato per essere interrogato. È consentita una durata massima di 9 ore. Questa è una decisione che l'ufficiale (ausiliario) stesso può prendere e non ha bisogno del permesso di un giudice.

Prima di pensare che ci sia un arresto più lungo del permesso: il tempo compreso tra le 12.00 e le 09 non conta verso le nove ore. Se, ad esempio, un sospetto viene arrestato per essere interrogato alle 11:00, trascorrerà un'ora tra le 11.00:12 e le 00:09 e il periodo non ricomincerà fino alle 00:5 del giorno successivo. Il periodo di nove ore termina quindi il giorno successivo alle 00:XNUMX

Durante il periodo di detenzione per interrogatorio, l'agente deve fare una scelta: può decidere che l'indagato possa tornare a casa, ma in alcuni casi può anche decidere che l'indagato debba essere trattenuto in custodia cautelare.

restrizioni

Se non ti è stato permesso di avere contatti con nessuno che non sia il tuo avvocato quando sei stato detenuto, ciò ha a che fare con il potere del pubblico ministero di imporre misure restrittive. Il pubblico ministero può farlo dal momento in cui il sospettato viene arrestato, se ciò è nell'interesse delle indagini. Anche l'avvocato del sospettato è vincolato da questo. Ciò significa che quando l'avvocato viene chiamato dai parenti dell'indagato, ad esempio, non è autorizzato a fare alcun annuncio fino al momento in cui le restrizioni sono state revocate. L'avvocato può tentare di ottenere quest'ultimo presentando un atto di opposizione contro le restrizioni. Di solito, questa obiezione viene risolta entro una settimana.

Detenzione provvisoria

L'affidamento preventivo è la fase dell'affidamento preventivo dal momento della custodia cautelare all'affidamento del giudice istruttore. Significa che un sospetto è detenuto in attesa di un procedimento penale. Sei stato incarcerato? Questo non è consentito a tutti! Ciò è consentito solo nel caso di reati specificatamente elencati dalla legge, se vi è un serio sospetto di coinvolgimento in un reato e vi sono anche buone ragioni per tenere qualcuno in custodia cautelare per un periodo di tempo più lungo. L'affidamento preventivo è regolato dalla legge negli articoli 63 e ss. Quante prove esatte ci devono essere per questo serio sospetto non è ulteriormente spiegato dalla legge o dalla giurisprudenza. In ogni caso non sono richieste prove legali e convincenti. Deve esserci un alto grado di probabilità che il sospettato sia coinvolto in un reato.

Custodia

La custodia preventiva inizia con la custodia cautelare. Ciò significa che il sospetto può essere arrestato per un massimo di tre giorni. È un termine massimo, quindi non significa che un sospetto sarà sempre fuori casa per tre giorni dopo la custodia cautelare. La decisione di sottoporre a custodia cautelare l'indagato in custodia è presa anche dal pubblico ministero (sostituto) e non richiede l'autorizzazione di un giudice.

Un sospetto non può essere sottoposto a custodia cautelare per tutti i sospetti. Ci sono tre possibilità nella legge:

  1. La custodia preventiva è possibile in caso di sospetto di reato punibile con una pena detentiva massima di quattro anni o più.
  2. La custodia cautelare è possibile nel caso di diversi reati specificatamente elencati come minaccia (285, comma 1 c.p.), appropriazione indebita (321 c.p.), patteggiamento di colpevolezza (417 bis c.p.), morte o lesioni personali gravi in ​​caso di guida sotto influenza (175, comma 2 c.p.), ecc.
  3. La detenzione provvisoria è possibile se l'indagato non ha una residenza fissa nei Paesi Bassi e può essere inflitta una pena detentiva per il reato che è sospettato di aver commesso.

Ci devono essere anche ragioni per trattenere qualcuno più a lungo. La detenzione provvisoria può essere applicata solo se sono presenti uno o più dei motivi di cui alla sezione 67a del codice di procedura penale olandese, come ad esempio:

  • un grave pericolo per la fuga,
  • un reato punibile con la reclusione fino a 12 anni,
  • un rischio di recidiva per un reato punibile con una pena detentiva non superiore a 6 anni, o
  • una precedente condanna meno di 5 anni fa per reati specificatamente denominati come aggressione, appropriazione indebita, ecc.

Se c'è la possibilità che il rilascio del sospetto possa frustrare o impedire un'indagine di polizia, molto probabilmente verrà fatta la scelta di mantenere il sospetto in custodia cautelare.

Quando i tre giorni sono trascorsi, l'ufficiale ha diverse opzioni. Prima di tutto, può rimandare a casa il sospetto. Se l'indagine non è ancora completata, l'agente può decidere una volta di prolungare il periodo di detenzione per un massimo di tre volte 24 ore. In pratica, questa decisione non viene quasi mai presa. Se l'ufficiale ritiene che l'indagine sia sufficientemente chiara, può chiedere al giudice istruttore di porre il sospettato in stato di detenzione.

Detenzione

L'ufficiale si assicura che una copia del fascicolo pervenga al giudice istruttore e all'avvocato e chiede al giudice istruttore di porre l'indagato in detenzione per quattordici giorni. Il sospetto viene portato dalla stazione di polizia al tribunale e viene ascoltato dal giudice. Anche l'avvocato è presente e può parlare a nome del sospettato. L'udienza non è pubblica.

Il giudice istruttore può prendere tre decisioni:

  1. Può decidere che la richiesta dell'ufficiale debba essere accolta. Il sospetto viene quindi portato in un centro di detenzione per la durata del quattordici giorni;
  2. Può decidere che il reclamo dell'agente debba essere respinto. Il sospetto è quindi spesso autorizzato a tornare a casa immediatamente.
  3. Può decidere di accogliere la domanda del pubblico ministero ma di sospendere il sospetto dalla custodia cautelare. Ciò significa che il giudice istruttore prende accordi con l'indagato. Fintanto che si attiene agli accordi presi, non deve scontare i quattordici giorni che il giudice gli ha assegnato.

Detenzione prolungata

L'ultima parte della custodia preventiva è la detenzione prolungata. Se il pubblico ministero ritiene che l'indagato debba restare in custodia anche dopo i quattordici giorni, può chiedere al tribunale la detenzione. Questo è possibile per un massimo di novanta giorni. Tre giudici valutano questa richiesta e il sospettato e il suo avvocato vengono ascoltati prima che venga presa la decisione. Anche in questo caso ci sono tre opzioni: consentire, rifiutare o consentire in combinazione con una sospensione. La custodia preventiva può essere sospesa sulla base delle circostanze personali dell'indagato. Gli interessi della società nel proseguimento della custodia preventiva sono sempre soppesati con l'interesse dell'indagato a essere rilasciato. I motivi per applicare una sospensione possono includere la cura dei bambini, le condizioni di lavoro e / o di studio, obblighi finanziari e alcuni programmi di supervisione. Alla sospensione della custodia preventiva possono essere subordinate condizioni, come il divieto di strada o di contatto, la consegna del passaporto, la cooperazione con alcune indagini psicologiche o di altro tipo o il servizio di libertà vigilata ed eventualmente il pagamento di una cauzione. 

Dopo il periodo massimo di 104 giorni in totale, il caso deve pervenire all'udienza. Questa è anche chiamata audizione pro forma. In udienza pro forma, il giudice può decidere se l'indagato debba rimanere in custodia cautelare per un periodo più lungo, sempre per un massimo 3 mesi.

Hai ancora domande sulla custodia preventiva dopo aver letto questo articolo? Allora si prega di contattare Law & More. I nostri avvocati hanno molta esperienza con il diritto penale. Siamo pronti a rispondere a tutte le tue domande e difenderemo volentieri i tuoi diritti se sei sospettato di un reato.

Share
Law & More B.V.