Proprietà entro (e dopo) il matrimonio

Proprietà entro (e dopo) il matrimonio

Sposarsi è quello che fai quando sei follemente innamorato l'uno dell'altro. Sfortunatamente, capita abbastanza spesso che dopo un po' le persone non vogliano più sposarsi. Il divorzio di solito non va liscio come l'inizio di un matrimonio. In molti casi, le persone discutono di quasi tutto ciò che è coinvolto in un divorzio. Una di queste cose è la proprietà. Chi ha diritto a cosa succede se tu e il tuo partner vi separate?

Al momento della conclusione del matrimonio possono essere presi diversi accordi, il che ha un impatto significativo sulla proprietà di te e del tuo (ex) partner durante e dopo il matrimonio. Sarebbe saggio pensarci attentamente prima del matrimonio, poiché possono avere conseguenze di vasta portata. Questo blog discute i diversi regimi patrimoniali tra coniugi e le loro conseguenze sulla proprietà. Va notato che tutto ciò che viene discusso in questo blog si applica in modo simile a un'unione registrata.

Comunità di beni

Secondo la legge, la comunione legale dei beni si applica automaticamente quando le parti si sposano. Ciò ha l'effetto che tutti i beni posseduti da te e dal tuo partner ti appartengono congiuntamente dal momento del matrimonio. Tuttavia, qui è importante distinguere tra matrimoni prima e dopo il 1° gennaio 2018. Se ti sei sposato prima del 1° gennaio 2018, un comune dei beni si applica. Ciò significa che TUTTA la proprietà appartiene a te insieme. Non importa se l'hai acquisito prima o durante il matrimonio. Questo non è diverso quando si tratta di un regalo o di un'eredità. Quando successivamente divorzi, tutta la proprietà deve essere divisa. Entrambi avete diritto alla metà della proprietà. Vi siete sposati dopo il 1 gennaio 2018? Poi il comunità limitata di beni si applica. Solo i beni che avete acquisito durante il matrimonio vi appartengono insieme. I beni antecedenti al matrimonio restano del convivente cui appartenevano prima del matrimonio. Ciò significa che avrai meno proprietà da dividere in caso di divorzio.

Condizioni matrimoniali

Tu e il tuo partner volete mantenere intatta la vostra proprietà? In tal caso, puoi stipulare accordi prematrimoniali al momento del matrimonio. Questo è semplicemente un contratto tra due coniugi in cui vengono stipulati accordi sulla proprietà, tra le altre cose. Si può fare una distinzione tra tre diversi tipi di accordi prematrimoniali.

Esclusione fredda

La prima possibilità è l'esclusione a freddo. Ciò implica concordare nell'accordo prematrimoniale che non vi è alcuna comunione di proprietà. I soci poi fanno in modo che i loro redditi e la loro proprietà non fluiscano insieme o non siano compensati in alcun modo. Quando finisce un matrimonio di esclusione a freddo, gli ex partner hanno poco da dividere. Questo perché non esiste una proprietà comune.

Clausola liquidativa periodica

Inoltre, l'accordo prematrimoniale può contenere una clausola di conciliazione periodica. Ciò significa che ci sono beni separati, e quindi proprietà, ma che il reddito durante il matrimonio deve essere diviso annualmente. Ciò significa che durante il matrimonio, si deve concordare ogni anno quali soldi sono stati guadagnati quell'anno e quali nuovi oggetti appartengono a chi. In caso di divorzio, quindi, in quel caso, solo i beni e il denaro di quell'anno devono essere divisi. In pratica, tuttavia, i coniugi spesso non riescono a fare l'accordo annuale durante il loro matrimonio. Di conseguenza, al momento del divorzio, tutti i soldi e le cose comprati o ricevuti durante il matrimonio devono ancora essere divisi. Poiché è difficile accertare in seguito quale proprietà sia stata ottenuta e quando, questo è spesso un punto di discussione durante il divorzio. È quindi importante, se nell'accordo prematrimoniale è prevista una clausola conciliativa periodica, effettuare effettivamente la divisione annualmente.

Clausola conciliativa finale

Infine, è possibile inserire nel contratto prematrimoniale una clausola di calcolo finale. Ciò significa che, in caso di divorzio, tutte le proprietà ammissibili alla liquidazione saranno divise come se ci fosse una comunione di proprietà. L'accordo prematrimoniale stabilisce spesso anche quali immobili rientrano in questo accordo. Ad esempio, si può convenire che determinati beni appartengano a uno dei coniugi e non debbano essere regolati, oppure che vengano regolati solo i beni acquisiti al momento del matrimonio. Le proprietà oggetto della clausola transattiva saranno poi divise per metà al momento del divorzio.

Desiderate consigli sui diversi tipi di accordi sulla proprietà coniugale? O hai bisogno di assistenza legale per il tuo divorzio? Quindi contattare Law & More. Il nostro avvocati di famiglia sarà felice di aiutarti!

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.