Riserva di proprietà

La proprietà è il diritto più completo che una persona può avere su un bene, secondo il codice civile. Prima di tutto, ciò significa che gli altri devono rispettare la proprietà di quella persona. Come conseguenza di questo diritto, spetta al proprietario determinare cosa succede ai suoi beni. Ad esempio, il proprietario può decidere di trasferire la proprietà del suo bene a un'altra persona mediante un contratto di acquisto. Tuttavia, per un trasferimento valido devono essere soddisfatte una serie di condizioni legali. La condizione che alla fine trasferisce la proprietà del bene è la consegna del bene in questione, ad esempio consegnandolo letteralmente all'acquirente, e non il pagamento del prezzo di acquisto come generalmente si pensa. In altre parole, l'acquirente diventa proprietario del bene al momento della sua consegna.

Riserva di proprietà Immagine

Nessuna riserva di proprietà concordata

In particolare, quanto sopra sarà il caso se non hai concordato con l'acquirente in termini di riserva di proprietà. Certamente, oltre alla consegna, nel contratto di acquisto vengono concordati il ​​prezzo di acquisto nonché il termine entro il quale deve essere effettuato il pagamento da parte dell'acquirente. Tuttavia, a differenza della consegna, (il pagamento del) prezzo di acquisto non è un requisito legale per il trasferimento di proprietà. È quindi possibile che l'acquirente diventi inizialmente proprietario della tua merce, senza averne pagato (l'intero importo). L'acquirente non pagherà dopo? Quindi non puoi semplicemente reclamare i tuoi beni, ad esempio. Dopo tutto, l'acquirente gratuito può semplicemente invocare il diritto di proprietà acquisito su quel bene e questa volta ci si aspetta che tu rispetti il ​​suo diritto di proprietà sull'oggetto in questione. In altre parole, in quel caso sarai senza il tuo bene o pagamento e quindi a mani vuote. Lo stesso vale se l'acquirente intende pagare, ma prima che abbia luogo l'effettivo pagamento, si trovi di fronte al fallimento. Questa è una situazione spiacevole che può essere evitata tra l'altro.

Riserva di proprietà come misura precauzionale

Dopo tutto, prevenire è meglio che curare. Ecco perché è saggio utilizzare le possibilità che sono disponibili. Ad esempio, il proprietario del bene può concordare con l'acquirente che la proprietà passerà all'acquirente solo se l'acquirente soddisfa determinate condizioni. Tale condizione può, ad esempio, riguardare anche il pagamento del prezzo di acquisto ed è anche chiamata riserva di proprietà. La riserva di proprietà è regolata dall'articolo 3:92 del codice civile olandese e, se concordato, ha quindi l'effetto che il venditore rimane legalmente proprietario della merce fino a quando l'acquirente non ha pagato l'intero prezzo concordato per la merce. La riserva di proprietà serve quindi come misura precauzionale: l'acquirente non paga? O l'acquirente dovrà affrontare il fallimento prima di pagare il venditore? In tal caso, il venditore ha il diritto di reclamare i suoi beni dall'acquirente a seguito della riserva di proprietà stipulata. Se l'acquirente non collabora alla consegna della merce, il venditore può procedere al sequestro e all'esecuzione con mezzi legali. Poiché il venditore è sempre rimasto proprietario, il suo bene non rientra nella massa fallimentare dell'acquirente e può essere reclamata da quella proprietà. La condizione di pagamento è soddisfatta dall'acquirente? Quindi (solo) la proprietà del bene passerà all'acquirente.

Un esempio di riserva di proprietà: acquisto rateale

Una delle transazioni più comuni in cui le parti si avvalgono della riserva di proprietà è l'acquisto a riscatto, ovvero l'acquisto, ad esempio, di un'auto a pagamento regolato dall'articolo 7A: 1576 BW. L'acquisto rateale, quindi, comporta l'acquisto e la vendita rateale, per cui le parti convengono che la proprietà del bene venduto non viene trasferita solo mediante consegna, ma solo soddisfacendo la condizione del pagamento integrale di quanto dovuto dall'acquirente in base al contratto di acquisto. Ciò non include le transazioni relative a tutti i beni immobili e alla maggior parte dei beni registrati. Queste operazioni sono escluse per legge dall'acquisto rateale. In definitiva, il regime di acquisto rateale mira, con le sue disposizioni obbligatorie, a proteggere l'acquirente, ad esempio, di un'auto dal prendere troppo alla leggera un acquisto a riscatto, nonché il venditore da una posizione di forza troppo unilaterale da parte dell'acquirente .

Efficacia della riserva di proprietà

Per l'efficace operazione di riserva di proprietà, è importante che sia registrata per iscritto. Questo può essere fatto nel contratto di acquisto stesso o in un contratto completamente separato. Tuttavia, la riserva di proprietà è generalmente stabilita nei termini e condizioni generali. In tal caso, tuttavia, si deve tenere presente che devono essere soddisfatti i requisiti legali relativi alle condizioni generali. Ulteriori informazioni sui termini e condizioni generali e sui requisiti legali applicabili sono disponibili in uno dei nostri blog precedenti: Termini e condizioni generali: cosa devi sapere su di loro.

È anche importante nel contesto dell'efficacia che sia valida anche la riserva di proprietà da includere. A tal fine, devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:

  • il caso deve essere determinabile o identificabile (descritto)
  • il caso potrebbe non essere stato incorporato in un nuovo caso
  • il caso potrebbe non essere stato convertito in un nuovo caso

Inoltre, è importante non formulare disposizioni in materia di riserva di proprietà in modo troppo restrittivo. Quanto più ristretta è la riserva di proprietà, tanto maggiori sono i rischi lasciati aperti. Se più articoli vengono consegnati al venditore, è quindi saggio, ad esempio, fare in modo che il venditore rimanga proprietario di tutti gli articoli consegnati fino al completo pagamento del prezzo di acquisto, anche se una parte di questi articoli è già stata pagata da Il compratore. Lo stesso vale per le merci dell'acquirente in cui le merci consegnate dal venditore sono, o almeno vengono elaborate. In questo caso, si parla anche di riserva di proprietà estesa.

Alienazione da parte dell'acquirente soggetta a riserva di proprietà come importante punto di attenzione

Poiché l'acquirente non è ancora il proprietario a causa di una riserva di proprietà concordata, in linea di principio non è nemmeno in grado di fare un altro proprietario legale. In effetti, l'acquirente può ovviamente farlo vendendo la merce a terzi, cosa che avviene anche regolarmente. Per inciso, dato il rapporto interno con il venditore, l'acquirente può comunque essere autorizzato a trasferire la merce. In entrambi i casi, il proprietario non può reclamare i suoi beni da terzi. Dopo tutto, la riserva di proprietà è stata stipulata solo dal venditore nei confronti dell'acquirente. Inoltre, la terza parte può, nel contesto della protezione contro tale pretesa dell'acquirente, fare affidamento sulla disposizione dell'articolo 3:86 del codice civile, o in altre parole sulla buona fede. Ciò sarebbe diverso solo se questa terza parte conoscesse la riserva di proprietà tra l'acquirente e il venditore o sapesse che è consuetudine nel settore che le merci consegnate siano consegnate con riserva di proprietà e che l'acquirente fosse finanziariamente malato.

La riserva di proprietà è una costruzione legalmente utile ma difficile. È quindi opportuno consultare un avvocato esperto prima di stipulare una riserva di proprietà. Hai a che fare con la riserva di proprietà o hai bisogno di aiuto per redigerla? Quindi contattare Law & More. A Law & More comprendiamo che l'assenza di tale riserva di proprietà o l'errata registrazione della stessa può avere conseguenze di vasta portata. I nostri avvocati sono esperti nel campo del diritto contrattuale e sono felici di aiutarti con un approccio personale.

Share