Sentenza nella causa sul clima contro la Shell

La sentenza del tribunale distrettuale dell'Aia nel caso Milieudefensie contro Royal Dutch Shell PLC (di seguito: "RDS") è una pietra miliare nel contenzioso sul clima. Per i Paesi Bassi, questo è il passo successivo dopo la rivoluzionaria conferma della sentenza Urgenda da parte della Corte Suprema, in cui allo Stato è stato ordinato di ridurre le proprie emissioni in linea con gli obiettivi dell'accordo di Parigi. Per la prima volta anche un'azienda come RDS è ora obbligata ad agire per contrastare i pericolosi cambiamenti climatici. Questo articolo delineerà gli elementi principali e le implicazioni di questa sentenza.

Sentenza nella causa sul clima contro la Shell

Ricevibilità

In primo luogo, l'ammissibilità della domanda è importante. Prima che un tribunale possa entrare nel merito di una rivendicazione civile, la domanda deve essere ammissibile. Il tribunale ha stabilito che sono ammissibili solo le azioni collettive che servono gli interessi delle generazioni attuali e future di cittadini olandesi. Queste azioni, contrariamente alle azioni che servono gli interessi della popolazione mondiale, avevano un interesse sufficientemente simile. Questo perché le conseguenze che i cittadini olandesi subiranno dal cambiamento climatico differiscono in misura minore rispetto a quelle della popolazione mondiale nel suo insieme. ActionAid non rappresenta sufficientemente gli interessi specifici della popolazione olandese con il suo obiettivo globale ampiamente formulato. Pertanto, la sua richiesta è stata dichiarata inammissibile. Anche i singoli attori sono stati dichiarati irricevibili nelle loro rivendicazioni, perché non hanno dimostrato sufficiente interesse individuale per essere ammissibili oltre alla rivendicazione collettiva.

Circostanze del caso

Ora che alcune delle domande presentate sono state dichiarate ammissibili, il tribunale ha potuto valutarle in modo sostanziale. Per consentire l'affermazione di Milieudefensie secondo cui RDS è obbligata a ottenere una riduzione netta delle emissioni del 45%, la Corte ha dovuto innanzitutto stabilire che tale obbligo spetta a RDS. Ciò doveva essere valutato sulla base dello standard di cura non scritto dell'art. 6: 162 DCC, in cui tutte le circostanze del caso giocano un ruolo. Le circostanze prese in considerazione dalla Corte includevano le seguenti. RDS stabilisce la politica di gruppo per l'intero gruppo Shell che viene successivamente eseguita dalle altre società all'interno del gruppo. Il gruppo Shell, insieme ai suoi fornitori e clienti, è responsabile di notevoli emissioni di CO2, che sono superiori alle emissioni di un certo numero di stati, compresi i Paesi Bassi. Queste emissioni portano al cambiamento climatico, le cui conseguenze sono avvertite dai residenti olandesi (ad esempio sulla loro salute, ma anche come un rischio fisico dovuto, tra le altre cose, all'innalzamento del livello del mare).

Diritti umani

Le conseguenze del cambiamento climatico subite dai cittadini olandesi, tra l'altro, incidono sui loro diritti umani, in particolare il diritto alla vita e il diritto a una vita familiare indisturbata. Sebbene i diritti umani in linea di principio si applichino tra i cittadini e il governo e quindi non vi sia alcun obbligo diretto per le aziende, le aziende devono rispettare questi diritti. Ciò vale anche se gli stati non riescono a proteggersi dalle violazioni. Sono inclusi anche i diritti umani che le aziende devono rispettare legge morbida strumenti come il Principi guida delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani, approvato da RDS e dalle Linee guida OCSE per le imprese multinazionali. Le intuizioni prevalenti da questi strumenti contribuiscono all'interpretazione dello standard di cura non scritto sulla base del quale può essere assunto un obbligo per RDS, secondo il tribunale.

Obbligo

L'obbligo delle aziende di rispettare i diritti umani dipende dalla gravità dell'impatto delle loro attività sui diritti umani. Il tribunale lo ha ritenuto nel caso di RDS sulla base dei fatti sopra descritti. Inoltre, prima che un tale obbligo possa essere assunto, è anche importante che una società abbia sufficienti possibilità e influenza per prevenire la violazione. Il tribunale ha ritenuto che questo fosse il caso perché le società hanno influenza sull'intero catena del valore: sia all'interno dell'azienda / gruppo stesso attraverso la formazione della policy, sia sui clienti e fornitori attraverso la fornitura di prodotti e servizi. Poiché l'influenza è maggiore all'interno dell'azienda stessa, RDS è soggetta all'obbligo di ottenere risultati. RDS deve fare uno sforzo per conto dei fornitori e dei clienti.

La corte ha valutato la portata di questo obbligo come segue. Secondo l'accordo di Parigi e i rapporti dell'IPCC, la norma accettata per il riscaldamento globale è limitata a un massimo di 1.5 gradi Celsius. La pretesa riduzione del 45%, con 2019 a 0, è secondo il tribunale sufficientemente in linea con i percorsi di riduzione proposti dall'IPCC. Pertanto, questo potrebbe essere adottato come un obbligo di riduzione. Tale obbligo può essere imposto dal tribunale solo se RDS non riesce o minaccia di venir meno a tale obbligo. Il tribunale ha indicato che si tratta di quest'ultimo caso, poiché la politica del gruppo non è sufficientemente concreta per escludere una simile minaccia di violazione.

Decisione e difese

Il tribunale ha pertanto ordinato a RDS e alle altre società del gruppo Shell di limitare o far limitare il volume annuale combinato di tutte le emissioni di CO2 nell'atmosfera (Scope 1, 2 e 3) associate alle attività commerciali del gruppo Shell e di vendere energia- recanti prodotti in modo tale che entro la fine dell'anno 2030 questo volume sarà stato ridotto di almeno un 45% netto rispetto al livello dell'anno 2019. Le difese di RDS sono di peso insufficiente per impedire questo ordine. Ad esempio, il tribunale ha considerato l'argomento della sostituzione perfetta, che implica che qualcun altro assumerà le attività del gruppo Shell se viene imposto un obbligo di riduzione, non sufficientemente provato. Inoltre, il fatto che RDS non sia l'unico responsabile del cambiamento climatico non solleva RDS dal pesante dovere di impegno e responsabilità nel limitare il riscaldamento globale assunto dal tribunale.

effetti

Ciò chiarisce anche quali sono le conseguenze di questa sentenza per le altre società. Se sono responsabili di una quantità significativa di emissioni (ad esempio, altre compagnie petrolifere e del gas), possono anche essere portati in tribunale e condannati se la società non compie sforzi sufficienti attraverso la sua politica per limitare queste emissioni. Questo rischio di responsabilità richiede una politica di riduzione delle emissioni più rigorosa in tutto il catena del valore, ovvero per l'azienda e il gruppo stesso, nonché per i suoi clienti e fornitori. Per questa polizza può essere applicata una riduzione simile all'obbligo di riduzione nei confronti di RDS.

La sentenza storica nella causa sul clima di Milieudefensie contro RDS ha conseguenze di vasta portata, non solo per il gruppo Shell ma anche per altre società che danno un contributo significativo al cambiamento climatico. Tuttavia, queste conseguenze possono essere giustificate dall'urgente necessità di prevenire pericolosi cambiamenti climatici. Hai domande su questa sentenza e sulle sue possibili conseguenze per la tua azienda? Allora si prega di contattare Law & More. I nostri avvocati sono specializzati in diritto della responsabilità civile e saranno felici di aiutarti.

Share
Law & More B.V.