Conflitto di tequila

Una nota causa legale del 2019 [1]: L'ente di regolamentazione messicano CRT (Consejo Regulador de Tequila) aveva avviato una causa contro Heineken che menzionava la parola Tequila sulle sue bottiglie Desperados. Desperados appartiene al gruppo selezionato di marchi internazionali di Heineken e, secondo il produttore, è una "birra aromatizzata alla tequila". Desperados non è commercializzato in Messico, ma è venduto nei Paesi Bassi, in Spagna, Germania, Francia, Polonia e altri paesi. Secondo Heineken, il loro aroma contiene la giusta tequila che acquistano dai fornitori messicani che sono membri di CRT. Garantiscono inoltre che il prodotto sia pienamente conforme a tutte le regole e requisiti per l'etichettatura. Secondo CRT, Heineken viola le regole progettate per proteggere i nomi dei prodotti locali. CRT è convinto che la birra Heineken Desperados al gusto di tequila stia danneggiando il buon nome della tequila.

Conflitto di tequila

Esaltatori di gusto

Secondo il direttore della CRT Ramon Gonzalez, Heineken afferma che il 75 percento del sapore è tequila, ma una ricerca del CRT e di un centro sanitario a Madrid indica che Desperados non contiene tequila. Il problema sembra essere con la quantità di esaltatori di sapidità aggiunti alla birra e la ricetta utilizzata. CRT afferma in questa procedura che il prodotto Desperados non è conforme alle normative messicane, che è richiesto per tutti i prodotti contenenti Tequila. Tequila è un nome geografico protetto, il che significa che solo la Tequila prodotta da aziende certificate a tale scopo in Messico può essere chiamata Tequila. Ad esempio, le agavi utilizzate durante la distillazione devono provenire da un'area appositamente selezionata in Messico. Inoltre, dal 25 al 51 percento di una bevanda mista deve contenere tequila per avere il nome sull'etichetta. CRT crede, tra le altre cose, che i consumatori vengano fuorviati perché Heineken darebbe l'impressione che ci sarebbe più tequila nella birra di quanto non ce ne sia in realtà.

È straordinario che CRT abbia aspettato così a lungo prima di agire. Desperados è sul mercato dal 1996. Secondo Gonzalez, ciò era dovuto ai costi legali coinvolti, poiché si tratta di un caso internazionale.

Convalida

La Corte ha stabilito che sebbene la parola "tequila" appaia in primo piano sulla parte anteriore della confezione e nelle pubblicità di Desperados, i consumatori continueranno a capire che la tequila è usata esclusivamente come condimento nel Desperados e che la percentuale di tequila è bassa. L'affermazione che ci sia Tequila nel prodotto è corretta secondo il tribunale. In effetti, anche la Tequila che è stata aggiunta a Desperados proviene da un produttore approvato da CRT. Né il consumatore è fuorviato, perché l'etichetta sul retro della bottiglia afferma che si tratta di "birra aromatizzata con tequila", secondo il tribunale distrettuale. Tuttavia, non è chiaro quale percentuale di tequila sia contenuta in Desperados. Dalla sentenza del tribunale sembra che il CRT abbia reso poco chiaro che la Tequila non è usata in quantità sufficiente per conferire alla bevanda una caratteristica essenziale. Questa è una domanda fondamentale per determinare se una specifica è consentita o se è considerata fuorviante.

Conclusione

Nella sentenza del 15 maggio 2019, ECLI: NL: RBAMS: 2019: 3564, il tribunale distrettuale di Amsterdam ha concluso che le pretese di CRT non erano cedibili su una delle basi stabilite da CRT. Le richieste sono state respinte. Come risultato di questo risultato, CRT è stata condannata a pagare le spese legali di Heineken. Anche se Heineken ha vinto questa causa, l'etichettatura delle bottiglie Desperado è stata modificata. Il grassetto stampato "Tequila" sulla parte anteriore dell'etichetta è stato sostituito in "Aromatizzato con Tequila".

In chiusura

Se scopri che qualcun altro sta utilizzando o ha registrato il tuo marchio, devi agire. Le possibilità di successo diminuiscono quanto più a lungo aspetti per agire. Se desideri saperne di più su questo argomento, contattaci. Abbiamo gli avvocati giusti che possono consigliarti e supportarti. Puoi pensare all'assistenza in caso di violazione del marchio, stesura di un contratto di licenza, atto di trasferimento o scelta di un nome e / o logo per un marchio.

[1] Tribunale di Amsterdam, 15 maggio 2019

ECLI: NL: RBAMS: 2019: 3564

Condividi