Blog

La Legge Fallimentare e le sue procedure

Prima abbiamo scritto a blog sulle circostanze in cui è possibile presentare istanza di fallimento e su come funziona questa procedura. Oltre al fallimento (regolato nel titolo I), la legge fallimentare (in olandese il Faillissementswet, di seguito denominato "Fw") prevede altre due procedure. Vale a dire: la moratoria (Titolo II) e il regime di ristrutturazione del debito per le persone fisiche (Titolo III, noto anche come Debt Rescheduling Natural Persons Act o in olandese il Wet Schuldsanering Natuurlijke Personen 'WSNP'). Qual è la differenza tra queste procedure? In questo articolo lo spiegheremo.

Fallimento

Il Fw disciplina innanzitutto la procedura concorsuale. Tali procedimenti comportano un pignoramento generale dell'intero patrimonio del debitore a beneficio dei creditori. Si tratta di un ricorso collettivo. Sebbene esista sempre la possibilità per i creditori di chiedere un risarcimento individualmente al di fuori del fallimento sulla base delle disposizioni del codice di procedura civile (in olandese Wetboek van Burgerlijke Rechtsvordering o 'Rv'), questa non è sempre un'opzione socialmente desiderabile. Se viene messo in atto un meccanismo di ricorso collettivo, si risparmiano molti procedimenti separati per ottenere un titolo esecutivo e la sua esecuzione. Inoltre, i beni del debitore sono equamente ripartiti tra i creditori, contrariamente al ricorso individuale, dove non esiste un ordine di precedenza.

La legge include una serie di disposizioni per questa procedura di ricorso collettivo. Se viene disposto il fallimento, il debitore perde la disposizione e la gestione dei beni (il patrimonio) che possono essere recuperati ai sensi dell'articolo 23 Fw. Inoltre, non è più possibile per i creditori presentare ricorso individualmente e vengono annullati tutti i pignoramenti effettuati prima del fallimento (art. 33 Fw). L'unica possibilità per i creditori del fallimento di ottenere il pagamento dei propri crediti è di presentare tali crediti per la verifica (articolo 26 Fw). Viene nominato un curatore curatore del fallimento che decide sull'accertamento e gestisce e liquida il patrimonio a favore dei creditori congiunti (art. 68 Fw).

Sospensione del pagamento

In secondo luogo, il FW propone un'altra procedura: la sospensione dei pagamenti. Questa procedura non ha lo scopo di distribuire i proventi del debitore come un fallimento, ma di mantenerli. Se è ancora possibile uscire dal rosso e quindi evitare il fallimento, questo è possibile per un debitore solo se conserva effettivamente i suoi beni. Un debitore può quindi chiedere una moratoria se non si trova in una situazione in cui ha smesso di pagare i suoi debiti, ma se prevede che si troverà in tale situazione in futuro (articolo 214 Fw).

Se la domanda di moratoria viene accolta, il debitore non può essere obbligato a pagare i crediti coperti dalla moratoria, i pignoramenti sono sospesi e tutti i pignoramenti (cautelativi ed esecutivi) sono annullati. L'idea alla base è che, togliendo la pressione, c'è spazio per la riorganizzazione. Tuttavia, nella maggior parte dei casi ciò non va a buon fine, perché è ancora possibile far valere i crediti a cui è attribuita la priorità (ad esempio nel caso di un diritto di ritenzione o di un diritto di pegno o ipotecario). La richiesta di moratoria può far scattare un campanello d'allarme per questi creditori e quindi incoraggiarli a insistere sul pagamento. Inoltre, il debitore può riorganizzare i suoi dipendenti solo in misura limitata.

La ristrutturazione del debito delle persone fisiche

La terza procedura del Fw, ristrutturazione del debito per le persone fisiche, è simile alla procedura fallimentare. Poiché le società vengono sciolte con la chiusura della procedura fallimentare, i creditori non hanno più un debitore e non possono ottenere i loro soldi. Questo, ovviamente, non è il caso di una persona fisica, il che significa che alcuni debitori potrebbero essere perseguiti dai creditori per il resto della loro vita. Ecco perché, dopo una conclusione positiva, il debitore può iniziare da zero con la procedura di ristrutturazione del debito.

Una tabula rasa significa che i debiti non pagati del debitore sono convertiti in obbligazioni naturali (articolo 358 Fw). Questi non sono applicabili per legge, quindi possono essere visti come meri obblighi morali. Al fine di ottenere questa tabula rasa, è importante che il debitore si impegni al massimo durante la durata dell'accordo per raccogliere il maggior reddito possibile. Una gran parte di questi beni viene poi liquidata, proprio come nella procedura concorsuale.

Una richiesta di ristrutturazione del debito sarà accolta solo se il debitore ha agito in buona fede nei cinque anni precedenti la richiesta. Molte circostanze sono prese in considerazione in questa valutazione, incluso se i debiti o il mancato pagamento sono riprovevoli e l'entità dello sforzo per pagare questi debiti. La buona fede è importante anche durante e dopo il procedimento. In caso di mancanza di buona fede durante il procedimento, il procedimento può essere chiuso (art. 350 cpv. 3 Fw). La buona fede alla fine e dopo il procedimento è anche un prerequisito per la concessione e il mantenimento della tabula rasa.

In questo articolo abbiamo dato una breve spiegazione delle diverse procedure nel Fw. Da un lato ci sono le procedure di liquidazione: la procedura fallimentare generale e la procedura di ristrutturazione del debito che si applica solo alle persone fisiche. In tali procedimenti i beni del debitore sono liquidati collettivamente a beneficio dei creditori solidali. Dall'altro, c'è la procedura di sospensione del pagamento che, 'sospendendo' gli obblighi di pagamento nei confronti dei creditori chirografari, può consentire al debitore di mettere ordine nei propri affari ed evitare così un possibile fallimento. Avete domande sul Fw e sulle procedure che prevede? Allora per favore contatta Law & More. I nostri avvocati sono specializzati in diritto fallimentare e saranno felici di aiutarti!

Share