Spiegazione della legge olandese sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo

Il primo agosto 2018, la legge olandese sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo (olandese: Wwft) è in vigore da dieci anni. Lo scopo principale di Wwft è mantenere pulito il sistema finanziario; la legge mira a impedire che il sistema finanziario venga utilizzato a fini criminali di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo. Il riciclaggio di denaro significa che i beni ottenuti illegalmente sono resi legali per oscurare l'origine illegale. Il finanziamento del terrorismo si verifica quando il capitale viene utilizzato per facilitare le attività terroristiche. Secondo la Wwft, le organizzazioni sono tenute a segnalare transazioni insolite. Tali relazioni contribuiscono all'individuazione e al perseguimento del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo. Il Wwft ha un grande impatto sulle organizzazioni attive nei Paesi Bassi. Le organizzazioni devono attivamente adottare misure per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Questo articolo discuterà quali istituzioni rientrano nell'ambito di applicazione della Wwft, quali obblighi hanno queste istituzioni secondo la Wwft e quali sono le conseguenze quando le istituzioni non si conformano alla Wwft.

Spiegazione della legge olandese sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo

1. Istituzioni che rientrano nell'ambito di applicazione della Wwft

Alcuni istituti sono tenuti a rispettare le disposizioni della Wwft. Al fine di valutare se un ente è soggetto alla Wwft, vengono esaminati il ​​tipo di ente e le attività svolte dall'ente. A un'istituzione soggetta alla Wwft può essere richiesto di eseguire la dovuta diligenza di un cliente o di segnalare una transazione. Le seguenti istituzioni potrebbero essere soggette alla Wwft:

  • venditori di merci;
  • intermediari nell'acquisto e nella vendita di beni;
  • periti immobiliari;
  • agenti immobiliari e intermediari immobiliari;
  • operatori del banco dei pegni e fornitori di domicilio;
  • istituzioni finanziarie;
  • professionisti indipendenti.[1]

Venditori di merci

I venditori di beni sono obbligati a svolgere la dovuta diligenza dei clienti quando il prezzo dei beni da vendere è pari o superiore a € 15,000 e il pagamento viene effettuato in contanti. Non importa se il pagamento avviene in termini o in una sola volta. Quando viene effettuato un pagamento in contanti di almeno € 25,000 durante la vendita di beni specifici, come navi, veicoli e gioielli, il venditore deve sempre segnalare questa transazione. Quando un pagamento non viene effettuato in contanti, non vi è alcun obbligo di Wwft. Tuttavia, un deposito in contanti sul conto bancario del venditore è visto come un pagamento in contanti.

Intermediari per l'acquisto e la vendita di beni

Se mediate nell'acquisto o nella vendita di determinati beni, siete soggetti alla Wwft e siete tenuti a condurre la dovuta diligenza del cliente. Ciò include la vendita e l'acquisto di veicoli, navi, gioielli, oggetti d'arte e oggetti d'antiquariato. Non importa quanto sia alto il prezzo da pagare e se il prezzo è stato pagato in contanti. Quando si verifica una transazione con un pagamento in contanti di almeno € 25,000, tale transazione deve essere sempre segnalata.

Periti di beni immobili

Quando un perito valuta beni immobili e scopre fatti e circostanze insoliti che possono riguardare il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo, questa transazione deve essere segnalata. Tuttavia, i periti non sono obbligati a condurre la dovuta diligenza del cliente.

Agenti immobiliari e intermediari immobiliari

Le persone che mediano nell'acquisto e nella vendita di beni immobili sono soggette alla Wwft e devono condurre due diligence del cliente per ogni incarico. L'obbligo di diligenza del cliente si applica anche nei confronti della controparte del cliente. Se si sospetta che un'operazione possa comportare riciclaggio di denaro o finanziamento del terrorismo, tale transazione deve essere segnalata. Ciò vale anche per le transazioni in cui un importo di € 15,000 o più viene ricevuto in contanti. Non importa se questo importo è per l'agente immobiliare o per una terza parte.

Operatori del banco dei pegni e fornitori di domicilio

Gli operatori del banco dei pegni che offrono impegni professionali o commerciali devono condurre la dovuta diligenza del cliente ad ogni transazione. Se una transazione è insolita, questa transazione deve essere segnalata. Questo vale anche per tutte le transazioni che ammontano a € 25,000 o più. I fornitori di domicilio che mettono a disposizione di terzi un indirizzo o un indirizzo postale per motivi di lavoro o professionali, devono anche svolgere la dovuta diligenza del cliente per ciascun cliente. Se si sospetta che possano essere previsti riciclaggio o finanziamento del terrorismo nel fornire il domicilio, la transazione deve essere segnalata.

Istituzioni finanziarie

Gli istituti finanziari includono banche, uffici di cambio, casinò, uffici fiduciari, istituti di investimento e determinati assicuratori. Queste istituzioni devono sempre condurre la dovuta diligenza dei clienti e devono segnalare transazioni insolite. Tuttavia, alle banche possono essere applicate regole diverse.

Professionisti indipendenti

La categoria dei professionisti indipendenti comprende le seguenti persone: notai, avvocati, commercialisti, consulenti fiscali e uffici amministrativi. Questi gruppi professionali devono eseguire la dovuta diligenza dei clienti e segnalare transazioni insolite.

Anche le istituzioni o i professionisti che svolgono autonomamente attività su base professionale, che corrispondono alle attività svolte dalle istituzioni sopra menzionate, possono essere soggetti alla Wwft. Ciò può includere le seguenti attività:

  • consulenza alle società sulla struttura del capitale, strategia aziendale e attività connesse;
  • consulenza e prestazione di servizi in materia di fusioni e acquisizioni di società;
  • la costituzione o gestione di società o persone giuridiche;
  • acquisto o vendita di società, persone giuridiche o azioni di società;
  • l'acquisizione totale o parziale di società o persone giuridiche;
  • attività fiscali.

Al fine di determinare se un'istituzione è soggetta o meno alla Wwft, è importante tenere presente le attività svolte dall'ente. Se un'istituzione fornisce solo informazioni, in linea di principio l'istituzione non è soggetta alla Wwft. Se un'istituzione offre consulenza ai clienti, l'istituzione può essere soggetta alla Wwft. Tuttavia, esiste una linea sottile tra la fornitura di informazioni e la consulenza. Inoltre, la due diligence obbligatoria del cliente deve aver luogo prima che un'istituzione stipuli un accordo commerciale con un cliente. Quando un'istituzione inizialmente pensa che solo le informazioni debbano essere fornite a un cliente, ma in seguito sembra che sia stata fornita una consulenza o che debba essere data anche, l'obbligo di condurre la dovuta diligenza del cliente precedente non è soddisfatto. È anche molto rischioso dividere le attività di un'istituzione in attività che sono soggette alla Wwft e attività che non sono soggette alla Wwft, poiché il confine tra queste attività è molto vago. Inoltre, può anche accadere che attività separate non siano soggette alla Wwft, ma che tali attività comportino un obbligo Wwft quando sono riunite insieme. È quindi importante determinare in anticipo se la tua istituzione è soggetta o meno alla Wwft.

In determinate circostanze, un ente può rientrare nell'ambito del Dutch Trust Office Supervision Act (Wtt) piuttosto che del Wwft. Il Wtt contiene requisiti più rigorosi in materia di due diligence del cliente e le istituzioni che sono soggette al Wtt hanno bisogno di un permesso per svolgere le loro attività. Secondo il Wtt, le istituzioni che forniscono il domicilio e che svolgono anche attività aggiuntive sono soggette al Wtt. Queste attività aggiuntive consistono nel fornire consulenza legale, prendersi cura delle dichiarazioni fiscali, svolgere attività relative alla redazione, valutazione e monitoraggio dei conti annuali o mantenere l'amministrazione o acquisire un amministratore per una società o persona giuridica. In pratica, fornire domicilio e svolgere attività aggiuntive è spesso gestito da due diverse istituzioni, per garantire che tali istituzioni non rientrino nell'ambito di applicazione del Wtt. Tuttavia, ciò non sarà più possibile quando entrerà in vigore il Wtt modificato. Dopo l'entrata in vigore di questo emendamento legislativo, anche le istituzioni che dividono la prova del domicilio e lo svolgimento di attività aggiuntive tra due istituzioni saranno soggette al Wtt. Ciò riguarda le istituzioni che svolgono autonomamente attività aggiuntive, ma rimandano il cliente a un'altra istituzione per la fornitura o il domicilio (o viceversa), nonché le istituzioni che agiscono come intermediari mettendo un cliente in contatto con varie parti che possono fornire domicilio e possono condurre attività aggiuntive.[2] È importante che le istituzioni abbiano una buona visione d'insieme delle loro attività, al fine di determinare quale legge si applica a loro.

2. Due diligence del cliente

Secondo la Wwft, un'istituzione soggetta alla Wwft deve condurre la dovuta diligenza del cliente. La due diligence del cliente deve essere eseguita prima che l'ente stipuli un accordo commerciale con il cliente e prima che i servizi siano forniti. La dovuta diligenza del cliente implica, tra l'altro, che un'istituzione deve richiedere l'identità dei propri clienti, deve controllare queste informazioni, registrarle e conservarle per cinque anni.

La due diligence del cliente secondo Wwft è orientata al rischio. Ciò significa che un ente deve assumersi i rischi in relazione alla natura e alle dimensioni della propria società e ai rischi in relazione alla relazione d'affari specifica o alla transazione. L'intensità della dovuta diligenza deve essere conforme a questi rischi.[3] Wwft prevede tre livelli di due diligence del cliente: standard, semplificato e migliorato. Sulla base dei rischi, un ente deve determinare quale delle due diligence del cliente di cui sopra deve essere eseguita. Oltre all'interpretazione basata sul rischio della due diligence del cliente che deve essere effettuata in casi standard, una valutazione del rischio può anche rivelarsi un motivo per eseguire una due diligence del cliente semplificata o migliorata. Nel valutare i rischi, devono essere presi in considerazione i seguenti punti: i clienti, i paesi e le ragioni geografiche in cui opera l'ente e i prodotti e servizi forniti.[4]

La Wwft non specifica quali misure gli enti devono adottare per bilanciare la dovuta diligenza del cliente con la sensibilità al rischio della transazione. Tuttavia, è importante che gli enti stabiliscano procedure basate sul rischio al fine di determinare con quale intensità deve essere eseguita la dovuta diligenza del cliente. Ad esempio, possono essere implementate le seguenti misure: stabilire una matrice di rischio, formulare una politica o un profilo di rischio, installare procedure per l'accettazione del cliente, adottare misure di controllo interno o una combinazione di queste misure. Inoltre, si consiglia di eseguire la gestione dei file e di tenere un registro di tutte le transazioni e delle corrispondenti valutazioni del rischio. L'autorità responsabile nei confronti della Wwft, la Financial Intelligence Unit (FIU), può richiedere a un ente di fornire la propria identificazione e valutazione dei rischi in relazione al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo. Un ente è tenuto a soddisfare tale richiesta.[5] Il Wwft contiene anche puntatori che indicano con quale intensità deve essere condotta la dovuta diligenza del cliente.

2.1 Due diligence standard del cliente

Normalmente, gli enti devono condurre la dovuta diligenza dei clienti standard. Questa due diligence è costituita dai seguenti elementi:

  • determinare, verificare e registrare l'identità del cliente;
  • determinare, verificare e registrare l'identità del Ultimate Beneficiary Owner (UBO);
  • determinare e registrare lo scopo e la natura dell'incarico o della transazione.

Identità del cliente

Per sapere a chi vengono forniti i servizi, l'identità del cliente deve essere determinata prima che l'istituzione inizi a fornire i suoi servizi. Per identificare il cliente, è necessario richiedere al cliente i dettagli della sua identità. Successivamente, l'identità del client deve essere verificata. Per una persona fisica, questa verifica può essere effettuata richiedendo un passaporto originale, una patente di guida o una carta d'identità. Ai clienti che sono persone giuridiche deve essere richiesto di fornire un estratto del registro di commercio o altri documenti o dati affidabili che sono consueti nel traffico internazionale. Queste informazioni devono quindi essere conservate dall'istituzione per cinque anni.

Identità del UBO

Se il cliente è una persona giuridica, società di persone, fondazione o trust, l'UBA deve essere identificato e verificato. L'UBA di una persona giuridica è una persona fisica che:

  • detiene una partecipazione superiore al 25% nel capitale del cliente; o
  • può esercitare il 25% o più delle azioni o dei diritti di voto nell'assemblea generale degli azionisti del cliente; o
  • può esercitare il controllo effettivo in un client; o
  • è il beneficiario del 25% o più del patrimonio di una fondazione o di un trust; o
  • ha un controllo speciale su almeno il 25% delle attività dei clienti.

L'UBA di una società di persone è la persona fisica che, allo scioglimento della società, ha diritto a una quota degli attivi del 25% o più o ha diritto a una quota degli utili del 25% o più. Con un trust, il regolatore (i) e il fiduciario (i) devono essere identificati.

Quando viene determinata l'identità della UBO, questa identità deve essere verificata. Un ente deve valutare i rischi in relazione al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo; la verifica dell'UBA deve avvenire in base a questi rischi. Questo si chiama verifica basata sul rischio. La forma più profonda di verifica è determinare mediante documenti sottostanti, come atti, contratti e registrazioni in registri pubblici o altre fonti affidabili, che l'UBO in questione sia effettivamente autorizzato per il 25% o più. Queste informazioni possono essere richieste in presenza di un rischio elevato in relazione al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo. Quando esiste un rischio basso, un ente può far firmare al cliente una dichiarazione UBO. Firmando questa dichiarazione, il cliente conferma la correttezza dell'identità della UBO.

Scopo e natura dell'incarico o della transazione

Gli enti devono condurre ricerche sullo sfondo e sullo scopo di una relazione o transazione commerciale prevista. Ciò dovrebbe impedire che i servizi delle istituzioni vengano utilizzati per il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo. L'indagine sulla natura dell'incarico o della transazione dovrebbe essere basata sul rischio.[6] Quando è stata determinata la natura dell'assegnazione o della transazione, questa deve essere registrata in un registro.

2.2 Due diligence cliente semplificata

È anche possibile che un'istituzione si conformi alla Wwft conducendo una due diligence del cliente semplificata. Come già discusso, l'intensità della conduzione della due diligence del cliente sarà determinata sulla base di un'analisi del rischio. Se questa analisi mostra che il rischio di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo è basso, è possibile eseguire la due diligence del cliente semplificata. Secondo la Wwft, la due diligence del cliente semplificata è comunque sufficiente se il cliente è una banca, un'assicurazione sulla vita o un altro istituto finanziario, una società quotata o un ente governativo dell'UE. In tali casi, solo l'identità del cliente e lo scopo e la natura della transazione devono essere determinati e registrati nel modo descritto al punto 2.1. In questo caso non sono necessarie la verifica del cliente e l'identificazione e la verifica dell'UBA.

2.3 Maggiore due diligence del cliente

Può anche essere necessario condurre una maggiore due diligence nei confronti dei clienti. Questo è il caso in cui il rischio di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo è elevato. Secondo la Wwft, la due diligence del cliente rafforzata deve essere condotta nelle seguenti situazioni:

  • in anticipo, si sospetta un aumento del rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo;
  • il cliente non è fisicamente presente all'identificazione;
  • il cliente o UBO è una persona politicamente esposta.

Sospetto di un aumentato rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo

Quando l'analisi del rischio mostra che esiste un elevato rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, è necessario attuare una maggiore due diligence nei confronti dei clienti. Questa maggiore due diligence del cliente può essere condotta, ad esempio, richiedendo al cliente un Certificato di buona condotta, indagando ulteriormente le autorità e le funzioni del consiglio di amministrazione e i delegati o indagando sull'origine e la destinazione dei fondi, compresa la richiesta della banca dichiarazioni. Le misure da prendere dipendono dalla situazione.

Il cliente non è fisicamente presente all'identificazione

Se un cliente non è fisicamente presente all'identificazione, ciò comporta un rischio maggiore di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo. In tal caso, devono essere adottate misure per compensare questo rischio specifico. La Wwft indica quali opzioni gli enti devono compensare il rischio:

  • identificare il cliente sulla base di ulteriori documenti, dati o informazioni (ad esempio una copia autenticata del passaporto o delle apostille);
  • valutare l'autenticità dei documenti presentati;
  • assicurare che il primo pagamento relativo al rapporto d'affari o alla transazione sia effettuato per conto oa spese di un conto del cliente presso una banca che abbia sede legale in uno Stato membro o con una banca in uno stato designato che detiene un licenza per condurre affari in questo stato.

Se viene effettuato un pagamento di identificazione, parliamo di identificazione derivata. Ciò significa che un ente può utilizzare i dati della due diligence del cliente eseguita in precedenza. L'identificazione derivata è consentita perché la banca in cui ha luogo il pagamento di identificazione è anche un istituto soggetto alla Wwft o ad una vigilanza analoga in un altro Stato membro. In linea di principio, il cliente è già identificato dalla banca quando esegue questo pagamento di identificazione.

Il cliente o UBO è una persona politicamente esposta

Le persone politicamente esposte (PEP) sono persone che occupano una posizione politica di rilievo nei Paesi Bassi o all'estero o che hanno ricoperto tale posizione fino a un anno fa, e

  • vivono all'estero (indipendentemente dal fatto che abbiano o meno la nazionalità olandese o un'altra nazionalità);

OR

  • vive nei Paesi Bassi ma non ha la nazionalità olandese.

È necessario verificare se una persona è un PEP sia per il cliente che per qualsiasi UBO del cliente. Le seguenti persone sono in ogni caso PEP:

  • capi di stato, capi di governo, ministri e segretari di stato;
  • parlamentari;
  • membri di alte autorità giudiziarie;
  • membri di uffici di revisione contabile e consigli di amministrazione di banche centrali;
  • ambasciatori, incaricati d'affari e alti ufficiali dell'esercito;
  • membri di organi amministrativi, sia esecutivi che di vigilanza;
  • organi di società pubbliche;
  • familiari immediati o stretti collaboratori delle suddette persone.[7]

Quando è coinvolto un PEP, l'istituzione dovrebbe raccogliere e verificare più dati per ridurre e controllare in modo sufficiente l'alto rischio di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.[8]

3. Segnalazione di una transazione insolita

Quando la due diligence del cliente è completata, l'ente deve determinare se la transazione proposta è insolita. In tal caso, e potrebbero essere coinvolti il ​​riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo, la transazione deve essere segnalata.

Se la dovuta diligenza del cliente non ha fornito i dati prescritti dalla legge o se vi sono indicazioni di coinvolgimento nel riciclaggio di denaro o nel finanziamento del terrorismo, la transazione deve essere segnalata all'UIF. Questo è secondo Wwft. Le autorità olandesi hanno stabilito indicazioni soggettive e obiettive sulla base delle quali le istituzioni possono determinare se si verificano operazioni insolite. Se uno degli indicatori è in questione, si presume che la transazione sia insolita. Questa transazione deve quindi essere segnalata all'UIF il più presto possibile. Sono stabiliti i seguenti indicatori:

Indicatori soggettivi

  1. Una transazione in cui l'ente ha motivo di presumere che possa riguardare il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo. La Task Force di azione finanziaria ha inoltre identificato vari paesi a rischio.

Indicatori oggettivi

  1. Anche le transazioni segnalate alla polizia o al pubblico ministero in relazione al riciclaggio di denaro o al finanziamento del terrorismo devono essere segnalate all'UIF; dopo tutto, si presume che tali transazioni possano essere correlate al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo.
  2. Una transazione di o a beneficio di una persona (legale) residente o avente il suo indirizzo registrato in uno stato che è designato dal regolamento ministeriale come uno stato con carenze strategiche nella prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo.
  3. Una transazione in cui uno o più veicoli, navi, oggetti d'arte o gioielli sono venduti per un pagamento in contanti (parziale), in cui l'importo da pagare in contanti è pari o superiore a € 25,000.
  4. Una transazione per un importo pari o superiore a € 15,000, in cui lo scambio di denaro avviene per un'altra valuta o da piccoli a grandi tagli.
  5. Un deposito in contanti per un importo di almeno € 15,000 a favore di una carta di credito o di uno strumento di pagamento prepagato.
  6. L'uso di una carta di credito o di uno strumento di pagamento prepagato in relazione a una transazione per un importo di € 15,000 o più.
  7. Una transazione di importo pari o superiore a € 15,000, pagata all'istituto o tramite contanti, con assegni al portatore, con uno strumento prepagato o con mezzi di pagamento simili.
  8. Una transazione in cui un bene o più beni vengono portati sotto il controllo di un banco dei pegni, con l'importo messo a disposizione dal banco dei pegni in cambio di almeno 25,000 €.
  9. Una transazione di importo pari o superiore a € 15,000, pagata all'istituto o tramite contanti, con assegni, con uno strumento prepagato o in valuta estera.
  10. Deposito di monete, banconote o altri oggetti di valore per un importo di € 15,000 o più.
  11. Una transazione di pagamento di giro per un importo di € 15,000 o più.
  12. Un trasferimento di denaro per un importo pari o superiore a 2,000 €, a meno che non riguardi un trasferimento di denaro da un istituto che lascia il regolamento per tale trasferimento a un altro istituto soggetto all'obbligo di segnalare una transazione insolita, derivante dalla Wwft.[9]

Non tutti gli indicatori si applicano a tutte le istituzioni. Dipende dal tipo di istituzione quali indicatori si applicano all'istituzione. Quando una delle operazioni sopra descritte ha luogo in un determinato istituto, questa è considerata una transazione insolita. Questa transazione deve essere segnalata all'UIF. La FIU registra il rapporto come un rapporto sulle transazioni insolito. L'UIF quindi valuta se la transazione insolita è sospetta e deve essere indagata da un'autorità investigativa penale o da un servizio di sicurezza.

4.Indennizzo

Se un istituto segnala un'operazione insolita all'UIF, questo rapporto comporta un indennizzo. Secondo la Wwft, i dati o le informazioni forniti all'UIF in buona fede nel contesto di una relazione, non possono servire da base o ai fini di un'indagine o procedimento giudiziario dell'istituzione che ha riferito in merito a un sospetto di riciclaggio di denaro o finanziamento del terrorismo da parte di questa istituzione. Inoltre, questi dati non possono servire come accusa. Ciò vale anche per i dati forniti all'UIF da un'istituzione, nel ragionevole presupposto che ciò comporterebbe il rispetto dell'obbligo di comunicazione derivante dalla Wwft. Ciò significa che le informazioni fornite da un'istituzione all'UIF, nel contesto di una segnalazione di un'operazione insolita, non possono essere utilizzate contro l'istituzione in un'indagine penale sul riciclaggio di denaro o sul finanziamento del terrorismo. Tale indennità si applica anche alle persone che lavorano per l'istituzione che ha fornito i dati e le informazioni all'UIF. Segnalando una transazione insolita in buona fede, viene concessa l'indennità penale.

Inoltre, un ente che ha segnalato un'operazione inusuale o fornito informazioni aggiuntive sulla base della Wwft non è responsabile per eventuali danni subiti da terzi. Ciò significa che un'istituzione non può essere ritenuta responsabile per il danno che un cliente subisce a seguito della segnalazione della transazione insolita. Pertanto, ottemperando all'obbligo di denunciare un'operazione insolita, viene concesso all'ente anche l'indennizzo civile. Tale indennizzo civile si applica anche alle persone che lavorano per l'istituzione che ha segnalato l'operazione insolita o fornito le informazioni all'UIF.

5. Altri obblighi derivanti dalla Wwft

Oltre all'obbligo di condurre la dovuta diligenza del cliente e di segnalare operazioni insolite all'UIF, la Wwft comporta anche un obbligo di riservatezza e un obbligo di formazione per le istituzioni.

Obbligo di riservatezza

L'obbligo di riservatezza implica che un'istituzione non può informare nessuno in merito a una segnalazione all'UIF e al sospetto che il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo siano coinvolti in una transazione. L'istituzione è anche vietata di informare il cliente interessato di questo. La ragione di ciò è che la FIU avvierà un'indagine sulla transazione insolita. L'obbligo di riservatezza è istituito per impedire alle parti oggetto di ricerca di avere la possibilità, ad esempio, di disporre delle prove.

Obbligo di formazione

Secondo la Wwft, le istituzioni hanno un obbligo di formazione. Questo obbligo di formazione implica che i dipendenti dell'istituzione devono avere familiarità con le disposizioni della Wwft, nella misura in cui ciò è rilevante per l'esercizio delle loro funzioni. I dipendenti devono inoltre essere in grado di condurre correttamente la dovuta diligenza del cliente e di riconoscere una transazione insolita. Per raggiungere questo obiettivo è necessario seguire una formazione periodica.

6. Conseguenze dell'inosservanza di Wwft

Diversi obblighi derivano da Wwft: condurre due diligence del cliente, segnalare operazioni insolite, un obbligo di riservatezza e un obbligo di formazione. Vari dati devono anche essere registrati e archiviati e un'istituzione deve adottare misure per ridurre il rischio di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

Se un ente non ottempera agli obblighi sopra elencati, saranno prese misure. A seconda del tipo di istituzione, la supervisione del rispetto della Wwft è effettuata dalle autorità fiscali / vigilanza dell'ufficio di presidenza Wwft, dalla banca centrale olandese, dall'autorità olandese per i mercati finanziari, dall'ufficio di vigilanza finanziaria o dall'ordine degli avvocati olandese. Queste autorità di vigilanza svolgono indagini di vigilanza per verificare se un istituto si conforma correttamente alle disposizioni della Wwft. In queste indagini, viene valutata la struttura e l'esistenza di una politica di rischio. L'inchiesta mira inoltre a garantire che gli enti segnalino effettivamente transazioni insolite. In caso di violazione delle disposizioni della Wwft, le autorità di vigilanza sono autorizzate a imporre un ordine soggetto a una sanzione incrementale o una sanzione amministrativa. Hanno anche la possibilità di istruire un'istituzione a seguire un certo corso di azione riguardante lo sviluppo di procedure interne e la formazione dei dipendenti.

Se un'istituzione non ha segnalato una transazione insolita, si verificherà una violazione della Wwft. Non importa se la mancata segnalazione è stata intenzionale o accidentale. Se un'istituzione viola la Wwft, ciò comporta un reato economico secondo la legge olandese sui reati economici. L'UIF può inoltre condurre ulteriori indagini sul comportamento di segnalazione di un ente. In casi gravi, le autorità di vigilanza possono persino denunciare la violazione al pubblico ministero olandese, che può quindi avviare un'indagine penale sull'istituzione. L'istituzione sarà quindi perseguita perché non ha rispettato le disposizioni della Wwft.

7. Συμπέρασμα

La Wwft è una legge che si applica a molte istituzioni. Pertanto, è importante che queste istituzioni sappiano quali obblighi devono soddisfare per conformarsi alla Wwft. Conduzione della dovuta diligenza del cliente, segnalazione di transazioni inusuali, obbligo di riservatezza e obbligo di formazione derivante da Wwft. Tali obblighi sono stati stabiliti per garantire che il rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo sia il più piccolo possibile e che possano essere intraprese azioni immediate quando si sospetta che tali attività siano in corso. Per gli enti, è importante valutare i rischi e adottare le misure di conseguenza. A seconda del tipo di istituzione e delle attività che un'istituzione svolge, possono essere applicate regole diverse.

La Wwft non implica solo che le istituzioni devono ottemperare agli obblighi derivanti dalla Wwft, ma comporta anche altre conseguenze per le istituzioni. Quando un rapporto all'UIF viene presentato in buona fede, l'indennità penale e civile viene concessa all'istituzione. In tal caso, le informazioni fornite dall'istituzione non possono essere utilizzate contro di essa. È inoltre esclusa la responsabilità civile per danni al cliente derivanti da una denuncia all'UIF. D'altra parte, ci sono conseguenze quando viene violata la Wwft. Nel peggiore dei casi, un'istituzione può persino essere perseguita penalmente. Pertanto, è molto importante che le istituzioni rispettino le disposizioni della Wwft, non solo per ridurre il rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, ma anche per proteggersi.
_____________________________

[1] "Wat is de Wwft", Belastingdienst 09-07-2018, www.belastingdienst.nl.

[2] Kamerstukken II 2017/18, 34, 910 (Nota van Wijziging).

[3] Kamerstukken II 2017/18, 34, 808, pag. 3 (MvT).

[4] Kamerstukken II 2017/18, 34, 808, pag. 3 (MvT).

[5] Kamerstukken II 2017/18, 34, 808, pag. 3 (MvT).

[6] Kamerstukken II 2017/18, 34, 808, pag. 3 (MvT).

[7] "Wat is een PEP", Autorità dei mercati finanziari 09-07-2018, www.afm.nl.

[8] Kamerstukken II 2017/18, 34, 808, pag. 3 (MvT).

[9] 'Meldergroepen', FIU 09-07-2018, www.fiu-nederland.nl.

Condividi