Il contratto di licenza

Proprietà intellettuale esistono diritti per proteggere le tue creazioni e idee dall'uso non autorizzato da parte di terzi. Tuttavia, in alcuni casi, ad esempio se vuoi che le tue creazioni vengano sfruttate commercialmente, potresti volere che altri possano usarle. Ma quanti diritti vuoi dare ad altri riguardo alla tua proprietà intellettuale? Ad esempio, la terza parte è autorizzata a tradurre, abbreviare o adattare il testo di cui detieni il copyright? O migliorare la tua invenzione brevettata? Il contratto di licenza è un mezzo legale appropriato per stabilire i diritti e gli obblighi reciproci in relazione all'uso e allo sfruttamento della proprietà intellettuale. Questo articolo spiega esattamente cosa comporta il contratto di licenza, quali tipi ci sono e quali aspetti fanno solitamente parte di questo contratto.

Il contratto di licenza

Proprietà intellettuale e licenza

I risultati del lavoro mentale sono chiamati diritti di proprietà intellettuale. I diversi tipi di diritti differiscono per natura, trattamento e durata. Esempi sono copyright, diritti di marchio, brevetti e nomi commerciali. Questi diritti sono i cosiddetti diritti esclusivi, il che significa che terzi possono utilizzarli solo con il permesso della persona che detiene i diritti. Ciò consente di proteggere idee elaborate e concetti creativi. Un modo per concedere l'autorizzazione all'uso a terzi è il rilascio di una licenza. Questo può essere fornito in qualsiasi forma, verbalmente o per iscritto. Si consiglia di indicarlo per iscritto in un contratto di licenza. Nel caso di una licenza di copyright esclusiva, ciò è persino richiesto dalla legge. Una licenza scritta è anche registrabile e desiderabile in caso di controversie e ambiguità riguardo al contenuto della licenza.

Il contenuto del contratto di licenza

Viene concluso un contratto di licenza tra il licenziante (il titolare di un diritto di proprietà intellettuale) e il licenziatario (colui che ottiene la licenza). Il nucleo dell'accordo è che il licenziatario può utilizzare il diritto esclusivo del licenziante entro le condizioni stabilite nell'accordo. Finché il licenziatario aderisce a queste condizioni, il licenziante non invocerà i suoi diritti contro di lui. In termini di contenuto, quindi, c'è molto da regolamentare per limitare l'utilizzo da parte del licenziatario sulla base dei limiti del licenziante. Questa sezione descrive alcuni degli aspetti che possono essere stabiliti in un contratto di licenza.

Parti, ambito e durata

In primo luogo, è importante identificare il file parti nel contratto di licenza. È importante valutare attentamente chi è autorizzato a utilizzare la licenza se si tratta di una società del gruppo. Inoltre, le parti devono essere indicate con i loro nomi legali completi. Inoltre, l'ambito deve essere descritto in dettaglio. In primo luogo, è importante definire chiaramente il file oggetto a cui si riferisce la licenza. Ad esempio, riguarda solo il nome commerciale o anche il software? È quindi consigliabile una descrizione del diritto di proprietà intellettuale nel contratto, nonché, ad esempio, il numero della domanda e / o della pubblicazione se si tratta di un brevetto o di un marchio. In secondo luogo, è importante come può essere utilizzato questo oggetto. Il licenziatario può lasciare sublicenze o sfruttare il diritto di proprietà intellettuale utilizzandolo in prodotti o servizi? In terzo luogo, il territorio (ad esempio, Paesi Bassi, Benelux, Europa, ecc.) in cui la licenza può essere utilizzata deve essere specificata. Infine, il la durata deve essere concordato, che può essere fisso o indefinito. Se il diritto di proprietà intellettuale in questione ha un limite di tempo, anche questo dovrebbe essere preso in considerazione.

Tipi di licenze

L'accordo deve anche indicare di che tipo di licenza si tratta. Esistono varie possibilità, di cui queste sono le più comuni:

  • Esclusivo: Solo il licenziatario acquisisce il diritto di utilizzare o sfruttare il diritto di proprietà intellettuale.
  • Non esclusivo: il licenziante può concedere in licenza ad altre parti oltre al licenziatario e utilizzare e sfruttare il diritto di proprietà intellettuale stesso.
  • Suola: un tipo di licenza semi-esclusivo in cui un licenziatario può utilizzare e sfruttare il diritto di proprietà intellettuale insieme al licenziante.
  • Aperto: qualsiasi parte interessata che soddisfi le condizioni riceverà una licenza.

Spesso è possibile ottenere una tariffa più alta per una licenza esclusiva, ma dipende dalle circostanze specifiche se questa è una buona scelta. Una licenza non esclusiva può offrire maggiore flessibilità. Inoltre, una licenza esclusiva può essere di scarsa utilità se concedi una licenza esclusiva perché ti aspetti che l'altra parte commercializzi la tua idea o concetto, ma il licenziatario non fa nulla con esso. Pertanto, puoi anche imporre determinati obblighi al licenziatario in merito a ciò che deve fare almeno con i tuoi diritti di proprietà intellettuale. A seconda del tipo di licenza, è quindi molto importante stabilire adeguatamente le condizioni alle quali la licenza viene concessa.

Altri aspetti

Infine, potrebbero esserci altri aspetti che vengono solitamente trattati in un contratto di licenza:

  • I tassa e la sua quantità. Se viene addebitata una tariffa, può essere un importo periodico fisso (canone di licenza), royalties (ad esempio, una percentuale del fatturato) o un importo una tantum (una tantum). I periodi e le modalità per il mancato o ritardato pagamento devono essere concordati.
  • Legge applicabile, foro competente or arbitrato / mediazione
  • Informazioni confidenziali e riservatezza
  • Risoluzione delle violazioni. Poiché lo stesso licenziatario non è legalmente autorizzato ad avviare procedimenti senza autorizzazione a farlo, questo deve essere regolato nel contratto, se necessario.
  • Trasferibilità della licenza: se la trasferibilità non è desiderata dal licenziante, deve essere concordata nel contract.
  • Trasferimento di conoscenza: può essere stipulato anche un contratto di licenza per il know-how. Si tratta di conoscenze riservate, generalmente di natura tecnica, che non sono coperte da diritti di brevetto.
  • Nuovi sviluppi. È inoltre necessario concordare se i nuovi sviluppi della proprietà intellettuale siano anche coperti dalla licenza del licenziatario. Può anche accadere che il licenziatario sviluppi ulteriormente il prodotto e il licenziante desideri trarne vantaggio. In tal caso, può essere stipulata una licenza non esclusiva per il licenziante di nuovi sviluppi della proprietà intellettuale.

In sintesi, il contratto di licenza è un contratto in cui un licenziatario concede a un licenziatario i diritti di utilizzare e / o sfruttare la proprietà intellettuale. Ciò è utile nel caso in cui il licenziante desideri commercializzare il suo concetto o lavorare da un altro. Un contratto di licenza non è come un altro. Questo perché si tratta di un accordo dettagliato che può differire in termini di ambito e condizioni. Ad esempio, può applicarsi a diversi diritti di proprietà intellettuale e al modo in cui vengono utilizzati, e ci sono anche differenze in termini di remunerazione ed esclusività. Si spera che questo articolo ti abbia dato una buona idea del contratto di licenza, del suo scopo e degli aspetti più importanti del suo contenuto.

Hai ancora domande su questo accordo dopo aver letto questo articolo? Allora si prega di contattare Law & More. I nostri avvocati sono specializzati in diritto della proprietà intellettuale, in particolare nel campo del diritto d'autore, diritto dei marchi, nomi commerciali e brevetti. Siamo pronti a rispondere a tutte le vostre domande e saremo inoltre lieti di aiutarvi a redigere un adeguato contratto di licenza.

Share
Law & More B.V.