L'audizione preliminare dei testimoni: la pesca delle prove

sommario

Esame preliminare del testimone

Secondo la legge olandese, un tribunale può ordinare un esame preliminare del testimone su richiesta di una delle parti (interessate). Durante tale audizione, si è obbligati a dire la verità. Non è per niente che la sanzione legale per falsa pena è una pena di sei anni. Vi sono, tuttavia, alcune eccezioni all'obbligo di testimoniare. Ad esempio, la legge conosce un privilegio professionale e familiare. Una richiesta di esame preliminare di un testimone può anche essere respinta quando tale richiesta è accompagnata da una mancanza di interesse, in caso di abuso di legge, in caso di conflitto con i principi del giusto processo o quando vi sono altri interessi pesanti che giustificare un rifiuto. Ad esempio, una richiesta per un esame preliminare del testimone può essere respinta quando si cerca di scoprire segreti commerciali del concorrente o quando si tenta di avviare un cosiddetto spedizione di pesca. Nonostante queste regole, possono verificarsi situazioni angoscianti; ad esempio nel settore fiduciario.

L'audizione preliminare

Settore fiduciario

Nel settore dei trust, gran parte delle informazioni circolanti è solitamente riservata; non per nulla l'informazione dei clienti di un ufficio fiduciario. Inoltre, un ufficio fiduciario riceve spesso l'accesso ai conti bancari, il che ovviamente richiede un alto grado di riservatezza. In un'importante sentenza, il tribunale ha stabilito che uno stesso ufficio fiduciario non è soggetto a privilegi legali (derivati). La conseguenza di ciò è che il "segreto di fiducia" può essere aggirato richiedendo un esame preliminare del testimone. Il motivo per cui il tribunale non ha voluto concedere al settore fiduciario e ai suoi dipendenti un privilegio legale derivato è evidentemente il fatto che l'importanza di trovare la verità conta di più in un caso del genere, il che può essere visto come problematico. Di conseguenza, una parte come l'autorità fiscale, pur non essendo in possesso di prove sufficienti per avviare una procedura, può, richiedendo un esame preliminare del testimone, raccogliere molte informazioni (classificate) da una serie di dipendenti di un ufficio fiduciario in per rendere più praticabile una procedura. Tuttavia, il contribuente stesso può negare l'accesso alle sue informazioni di cui all'articolo 47 AWR sulla base della riservatezza del suo contatto con una persona con un obbligo legale di riservatezza (avvocato, notaio, ecc.) A cui si è rivolto. L'ufficio fiduciario può quindi fare riferimento a questo diritto di rifiuto del contribuente, ma in tal caso l'ufficio fiduciario deve comunque rivelare in chi è il contribuente in questione. Questa possibilità di aggirare il "segreto fiduciario" è spesso vista come un grosso problema e in questo momento ci sono solo un numero limitato di soluzioni e possibilità per i dipendenti di un ufficio fiduciario di rifiutarsi di rivelare informazioni riservate durante un esame preliminare dei testimoni.

Soluzioni

Come già accennato, tra queste possibilità sta affermando che la controparte sta iniziando spedizioni di pesca, che la controparte sta cercando di scoprire i segreti dell'azienda o che la controparte ha un caso di interesse troppo debole. Inoltre, in determinate circostanze non è necessario testimoniare contro se stesso. Spesso tali motivi, tuttavia, non saranno pertinenti nel caso specifico. In una delle sue relazioni del 2008, il comitato consultivo del diritto processuale civile ("Adviescommissie van het Burgerlijk Procesrecht") propone un motivo diverso: la proporzionalità. Secondo il comitato consultivo, dovrebbe essere possibile rifiutare una richiesta di cooperazione quando il risultato sarebbe chiaramente sproporzionato. Questo è un criterio equo, ma rimarrebbe comunque la domanda fino a che punto questo criterio sarebbe efficace. Tuttavia, fintanto che il tribunale non seguirà comunque questa traccia, il regime rigoroso della legge e della giurisprudenza rimarranno in vigore. Ferma ma giusta? Questa è la domanda.

La versione completa di questo white paper è disponibile in olandese tramite questo link.

Contatti

In caso di ulteriori domande o commenti dopo aver letto questo articolo, non esitate a contattare sig. Maxim Hodak, avvocato presso Law & More via [email protected] o sig. Tom Meevis, avvocato presso Law & More via [email protected] oppure chiamaci al numero +31 (0) 40-3690680.

 

Share
Law & More B.V.