Il Consiglio di Sorveglianza

L'Organismo di Vigilanza (di seguito "SB") è un organo della BV e della NV che ha una funzione di supervisione sulla politica del consiglio di amministrazione e sugli affari generali della società e della sua impresa affiliata (articolo 2: 140/250 paragrafo 2 del codice civile olandese ("DCC")). Lo scopo di questo articolo è fornire una spiegazione generale di questo ente. In primo luogo, viene spiegato quando un SB è obbligatorio e come è impostato. In secondo luogo, vengono affrontati i principali compiti dell'OdV. Successivamente, vengono illustrati i poteri legali dell'OdV. Vengono quindi discussi i poteri estesi dell'OdV in una società di consiglio a due livelli. Infine, questo articolo si conclude con un breve riassunto.

Il Consiglio di Sorveglianza

L'impostazione facoltativa e le sue esigenze

In linea di principio, la nomina di un OdV non è obbligatoria per NV e BV. Questo è diverso nel caso di un file società di bordo a due livelli obbligatoria (vedi anche sotto). Può anche essere un obbligo derivante da diversi regolamenti settoriali (come per le banche e gli assicuratori ai sensi dell'articolo 3:19 della legge sulla vigilanza finanziaria). Gli amministratori di vigilanza possono essere nominati solo se esiste una base legale per farlo. Tuttavia, la Camera delle imprese può nominare un direttore di supervisione come disposizione speciale e finale in la procedura di richiesta, per il quale tale base non è richiesta. Qualora si opti per istituzione facoltativa dell'OdV, occorre quindi includere tale organo nello statuto (all'atto della costituzione della società o successivamente mediante modifica dello statuto). Ciò può essere fatto, ad esempio, creando l'organo direttamente nello statuto o rendendolo dipendente da una delibera di un organo aziendale come l'assemblea generale degli azionisti ("GMS"). È anche possibile far dipendere l'ente da una disposizione di tempo (ad esempio un anno dopo la costituzione della società) dopo la quale non è richiesta una risoluzione aggiuntiva. Contrariamente al consiglio, non è possibile nominare persone giuridiche come amministratori di vigilanza.

Amministratori di vigilanza vs. amministratori non esecutivi

Oltre a un SB in una struttura a due livelli, è anche possibile optare per una struttura di bordo a un livello. In tal caso il consiglio è composto da due tipi di amministratori, vale a dire amministratori esecutivi e amministratori non esecutivi. I compiti degli amministratori non esecutivi coincidono con quelli degli amministratori delegati dell'OdV. Pertanto, questo articolo si applica anche agli amministratori non esecutivi. A volte si sostiene che, poiché gli amministratori esecutivi e non esecutivi siedono nello stesso organo, vi è una soglia inferiore di responsabilità degli amministratori non esecutivi a causa di una migliore possibilità di informazione. Tuttavia, le opinioni sono divise su questo punto e, inoltre, dipende molto dalle circostanze del caso. Non è possibile avere sia amministratori non esecutivi che un OdV (articolo 2: 140/250 comma 1 DCC).

Compiti dell'Organismo di Vigilanza

I doveri statutari dell'OdV si riassumono in compiti di vigilanza e di consulenza nei confronti del consiglio di amministrazione e degli affari generali della società (art. 2: 140/250 comma 2 del DCC). Inoltre, l'OdV ha anche un dovere di datore di lavoro del consiglio di amministrazione, perché decide o almeno ha un'influenza maggiore sulla selezione, (ri) nomina, sospensione, licenziamento, remunerazione, divisione dei compiti e valorizzazione dei membri del consiglio di gestione. . Tuttavia, non esiste un rapporto gerarchico tra il consiglio di gestione e l'OdV. Sono due diversi organi sociali, ciascuno con i propri compiti e poteri. I compiti fondamentali dell'OdV sono trattati più dettagliatamente di seguito.

Compito di vigilanza

Il compito di vigilanza implica che l'OdV monitori la politica di gestione e l'andamento generale degli eventi. Ciò include, ad esempio, il funzionamento della direzione, la strategia aziendale, la situazione finanziaria e la relativa rendicontazione, i rischi dell'azienda, la conformità e la politica sociale. Inoltre, la vigilanza dell'OdV nella capogruppo si estende anche alla policy di gruppo. Inoltre, non si tratta solo di supervisione a posteriori, ma anche di valutare la politica (a lungo termine) ancora da attuare (ad esempio, piani di investimento o di politica) in modo ragionevole entro i confini dell'autonomia di gestione. Esiste anche una supervisione collegiale per gli amministratori di vigilanza gli uni rispetto agli altri.

Ruolo consultivo

Inoltre, vi è il compito consultivo dell'OdV, che riguarda anche le linee generali di politica gestionale. Ciò non significa che sia necessaria una consulenza per ogni decisione presa dalla direzione. Dopotutto, prendere decisioni sulla gestione quotidiana dell'azienda fa parte del compito della direzione. Tuttavia, l'OdV può fornire consigli sollecitati e non richiesti. Questo consiglio non deve essere seguito perché il consiglio, come detto, è autonomo nelle sue decisioni. Tuttavia, il consiglio dell'OdV dovrebbe essere seguito seriamente in considerazione del peso che l'OdV attribuisce al consiglio.

I compiti dell'OdV non includono il potere di rappresentanza. In linea di principio, né l'OdV né i singoli membri di esso sono autorizzati a rappresentare la BV o la NV (a parte alcune eccezioni legali). Pertanto, questo non può essere incluso nello statuto, a meno che non derivi dalla legge.

Poteri dell'Organismo di Vigilanza

Inoltre, l'OdV ha una serie di poteri derivanti dalla legge o dallo statuto. Questi sono alcuni degli importanti poteri statutari dell'OdV:

  • Potere di sospensione degli amministratori, salvo diversa disposizione statutaria (articolo 2: 147/257 DCC): sospensione temporanea dell'amministratore dai suoi doveri e poteri, come la partecipazione ai processi decisionali e di rappresentanza.
  • Prendere decisioni in caso di conflitto di interessi dei membri del consiglio di amministrazione (articolo 2: 129/239 comma 6 DCC).
  • Approvazione e sottoscrizione di una proposta di gestione per fusione o scissione (articolo 2: 312 / 334f sub 4 DCC).
  • Approvazione dei conti annuali (articolo 2: 101/210 comma 1 DCC).
  • Nel caso di una società quotata: rispetto, mantenimento e divulgazione della struttura di governo societario della società.

Il consiglio di sorveglianza nella società a due livelli statutaria

Come accennato in precedenza, è obbligatorio costituire un OdV presso la società biposto statutaria. Inoltre, questo consiglio ha poi poteri statutari aggiuntivi, a spese dell'autorità dell'Assemblea degli Azionisti. Nell'ambito del sistema consiliare dualistico, l'OdV ha il potere di approvare importanti decisioni gestionali. Inoltre, nell'ambito del sistema del consiglio di amministrazione a due livelli completo, l'OdV ha il potere di nominare e revocare i membri del consiglio di amministrazione (articolo 2: 162/272 DCC), mentre nel caso di una società a due livelli regolare o limitata questo è il potere del GMS (articolo 2: 155/265 DCC). Infine, in una società a due livelli statutaria, l'OdV è nominato anche dall'Assemblea degli Azionisti, ma ha il diritto statutario di nominare gli amministratori di vigilanza per la nomina (articolo 2: 158/268 (4) DCC). Nonostante il GMS e il Comitato aziendale possano formulare una raccomandazione, l'OdV non è vincolato da questo, ad eccezione della nomina vincolante per un terzo dell'OdV da parte del WC. Il GMS può rifiutare la candidatura a maggioranza assoluta dei voti e se questa rappresenta un terzo del capitale.

Conclusione

Si spera che questo articolo ti abbia dato una buona idea dello SB. In sintesi, quindi, salvo che un obbligo derivi da una normativa specifica o quando si applichi il sistema consiliare dualistico, la nomina di un OdV non è obbligatoria. Lo desideri? In tal caso, questo può essere incluso nello statuto in vari modi. Invece di un SB, può essere scelta anche una struttura di bordo a un livello. I compiti principali dell'OdV sono la supervisione e la consulenza, ma in aggiunta l'OdV può essere visto anche come il datore di lavoro del management. Molti poteri derivano dalla legge e possono derivare dagli statuti, i più importanti dei quali abbiamo elencato di seguito. Infine, abbiamo indicato che nel caso di una società di consiglio a due livelli, alcuni poteri sono conferiti dal GMS all'OdV e ciò che essi comportano.

Hai ancora domande dopo aver letto questo articolo sul consiglio di sorveglianza (i suoi doveri e poteri), l'istituzione di un consiglio di sorveglianza, il sistema di consiglio monistico e duplice o la società di consiglio a due livelli obbligatoria? Puoi contattare Law & More per tutte le tue domande su questo argomento, ma anche su molti altri. I nostri avvocati sono ampiamente specializzati, tra l'altro, in diritto societario e sono sempre pronti ad assistervi.

Share
Law & More B.V.