Blog

Indennità di transizione per un contratto di lavoro: come funziona?

In determinate circostanze, un dipendente il cui contratto di lavoro termina ha diritto a un risarcimento legalmente determinato. Questo è indicato anche come pagamento di transizione, che ha lo scopo di facilitare il passaggio a un altro lavoro o per un'eventuale formazione. Ma quali sono le regole in merito a questa indennità di transizione: quando ne ha diritto il lavoratore e a quanto ammonta esattamente la rata di transizione? Le regole relative al pagamento transitorio (contratto a tempo determinato) sono discusse successivamente in questo blog.

Diritto al pagamento di transizione

Ai sensi dell'art. 7:673 paragrafo 1 del codice civile olandese, un dipendente ha diritto a un pagamento transitorio, che può essere utilizzato anche per scopi non lavorativi. Arte. 7:673 BW specifica in quali casi un datore di lavoro è obbligato a pagarlo.

* Il lavoratore ha diritto a un'indennità di transizione solo se questa è il risultato di atti o omissioni gravemente colpevoli da parte del datore di lavoro. Questo è il caso solo in casi molto gravi come le molestie sessuali e il razzismo.

Eccezioni

In alcuni casi, tuttavia, un datore di lavoro non deve un pagamento di transizione. Le eccezioni sono:

  • il lavoratore ha meno di diciotto anni e ha lavorato in media meno di dodici ore settimanali;
  • il contratto di lavoro con un dipendente che ha raggiunto l'età pensionabile è risolto;
  • la risoluzione del contratto di lavoro è conseguenza di atti gravemente colpevoli del lavoratore;
  • il datore di lavoro è stato dichiarato fallito o in moratoria;
  • il contratto collettivo di lavoro prevede che al posto di un'indennità transitoria si possa ricevere un'indennità sostitutiva se il licenziamento è avvenuto per motivi economici. Questa struttura sostitutiva è ovviamente soggetta a determinate condizioni.

Importo del pagamento di transizione

L'indennità di transizione è pari a 1/3 della retribuzione mensile lorda per anno di servizio (dal 1° giorno lavorativo).

Per tutti i giorni rimanenti, ma anche per il rapporto di lavoro di durata inferiore a un anno, viene utilizzata la seguente formula: (retribuzione lorda percepita sulla restante parte del contratto di lavoro / retribuzione mensile lorda) x (1/3 retribuzione mensile lorda /12 ) .

L'importo esatto del pagamento di transizione dipende quindi dallo stipendio e dalla durata che il lavoratore ha lavorato per il datore di lavoro. Quando si tratta della retribuzione mensile, vanno aggiunti anche l'indennità di ferie e altre indennità come bonus e indennità di straordinario. Per quanto riguarda l'orario di lavoro, al computo degli anni di servizio vanno aggiunti anche i successivi contratti del lavoratore con lo stesso datore di lavoro. Devono essere sommati anche i contratti di un datore di lavoro successivo, ad esempio se il lavoratore ha inizialmente lavorato per il datore di lavoro tramite un'agenzia di collocamento. Se tra due contratti di lavoro del dipendente è intercorso un intervallo superiore a 6 mesi, il vecchio contratto non è più incluso nel computo degli anni di servizio prestati per il computo della rata di transizione. Nel numero di anni di servizio sono inclusi anche gli anni di malattia del dipendente. Dopotutto, se un dipendente è stato a lungo malato con il pagamento dello stipendio e il datore di lavoro lo licenzia dopo due anni, il dipendente ha ancora diritto a un pagamento di transizione.

L'indennità di transizione massima che un datore di lavoro deve pagare è di € 84,000 (nel 2021) e viene adeguata annualmente. Qualora il dipendente superi tale importo massimo in base al suddetto metodo di calcolo, riceverà quindi solo 84,000 euro di indennità transitoria nel 2021.

Dal 1° gennaio 2020 non si applica più che il contratto di lavoro debba essere durato almeno due anni per avere diritto al pagamento transitorio. Dal 2020 ogni lavoratore dipendente, compreso quello a tempo determinato, ha diritto a un'indennità transitoria a partire dal primo giorno lavorativo.

Sei un dipendente e pensi di avere diritto a un pagamento transitorio (e non l'hai ricevuto)? Oppure sei un datore di lavoro e ti stai chiedendo se sei obbligato a pagare al tuo dipendente un pagamento di transizione? Si prega di contattare Law & More per telefono o e-mail. I nostri avvocati specializzati ed esperti nel campo del diritto del lavoro sono felici di aiutarti.

Share