Quali sono gli obblighi del datore di lavoro ai sensi della legge sulle condizioni di lavoro?

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro ai sensi della legge sulle condizioni di lavoro?

Ogni dipendente di un'azienda deve poter lavorare in sicurezza e in salute.

La legge sulle condizioni di lavoro (in seguito abbreviata in Arbowet) fa parte della legge sulla salute e sicurezza sul lavoro, che consiste in regole e linee guida per promuovere un ambiente di lavoro sicuro. La legge sulle condizioni di lavoro contiene obblighi che devono essere rispettati da datori di lavoro e dipendenti. Queste valgono per tutti i luoghi in cui si svolge lavoro (quindi anche per associazioni e fondazioni e per i lavoratori part-time e flex, i lavoratori a chiamata e le persone con contratto a 0 ore). Il datore di lavoro di un'azienda è responsabile di garantire il rispetto della legge sulla salute e sicurezza sul lavoro all'interno dell'azienda.

Tre livelli

La legislazione sulle condizioni di lavoro è suddivisa in tre livelli: la legge sulle condizioni di lavoro, il decreto sulle condizioni di lavoro e il regolamento sulle condizioni di lavoro.

  • La legge sulla salute e sicurezza sul lavoro costituisce la base ed è anche una legge quadro. Ciò significa che non contiene norme su rischi specifici. Ogni organizzazione e settore può decidere come implementare la propria politica di salute e sicurezza e inserirla in un catalogo di salute e sicurezza. Tuttavia, il decreto sulle condizioni di lavoro e il regolamento sulle condizioni di lavoro specificano regole precise.
  • Il decreto sulle condizioni di lavoro è un'elaborazione della legge sulle condizioni di lavoro. Contiene le regole a cui devono attenersi datori di lavoro e lavoratori per contrastare i rischi professionali. Ha anche regole specifiche per diversi settori e categorie di dipendenti.
  • L'ordinanza per la salute e la sicurezza è ancora un'ulteriore elaborazione del Decreto Salute e Sicurezza. Si tratta di regolamenti dettagliati. Ad esempio, i requisiti che le attrezzature di lavoro devono soddisfare o esattamente come un servizio di salute e sicurezza sul lavoro deve svolgere i propri compiti legali. Queste norme sono obbligatorie anche per datori di lavoro e dipendenti.

Catalogo salute e sicurezza

In un catalogo sulla salute e la sicurezza, le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori descrivono accordi congiunti su come (saranno) conformi alle normative di riferimento del governo per un lavoro sano e sicuro. Un regolamento target è uno standard legale che le aziende devono rispettare, ad esempio il livello massimo di rumore. Il catalogo descrive tecniche e modalità, buone pratiche, sbarre e guide pratiche per lavorare in sicurezza e salute e può essere realizzato a livello di settore o di azienda. I datori di lavoro ei dipendenti sono responsabili del contenuto e della distribuzione di un catalogo di salute e sicurezza.

Responsabilità dei datori di lavoro

Di seguito è riportato un elenco delle responsabilità e degli obblighi generali per i datori di lavoro inclusi nella legislazione. Accordi specifici su queste responsabilità possono variare da un'organizzazione e da un settore all'altro.

  • Ogni datore di lavoro deve essere convenzionato con un servizio di salute e sicurezza o medico aziendale: il contratto primario. Tutti i lavoratori devono avere accesso a un medico aziendale e ogni azienda deve collaborare con un medico aziendale. Inoltre, tutti i dipendenti possono richiedere un secondo parere al medico aziendale. Il contratto primario tra il datore di lavoro e il servizio per la salute e la sicurezza sul lavoro o il medico aziendale stabilisce quali altri servizi per la salute e sicurezza sul lavoro o il medico oi medici aziendali possono essere consultati per ottenere un secondo parere.
  • Adattare il più possibile la progettazione dei luoghi di lavoro, i metodi di lavoro, le attrezzature di lavoro utilizzate e il contenuto del lavoro alle caratteristiche personali dei dipendenti. Ciò vale anche per i dipendenti con limitazioni strutturali e funzionali dovute ad esempio a malattia.
  • Il datore di lavoro deve limitare il più possibile il lavoro monotono ea ritmi serrati ('può essere ragionevolmente richiesto).
  • Il datore di lavoro deve prevenire e mitigare per quanto possibile gli incidenti gravi che coinvolgono sostanze pericolose, il datore di lavoro.
  • I lavoratori dovrebbero ricevere informazioni e istruzioni. L'informazione e l'educazione possono riguardare l'uso delle attrezzature di lavoro o dei dispositivi di protezione individuale, ma anche il modo in cui l'aggressività, la violenza e le molestie sessuali vengono affrontate in azienda.
  • Il datore di lavoro deve garantire la notifica e la registrazione degli infortuni e delle malattie professionali.
  • Il datore di lavoro è responsabile della prevenzione di pericoli per terzi in relazione al lavoro dei dipendenti. I datori di lavoro possono anche stipulare un'assicurazione per questo scopo.
  • Il datore di lavoro deve garantire lo sviluppo e l'attuazione di una politica di salute e sicurezza. La politica di salute e sicurezza è un piano d'azione dettagliato che descrive come le aziende possono eliminare i fattori di rischio. Con una politica di salute e sicurezza, puoi dimostrare costantemente che all'interno dell'azienda vengono intraprese azioni sicure e responsabili. Una politica di salute e sicurezza comprende l'inventario e la valutazione dei rischi (RI&E), la politica di congedo per malattia, il servizio interno di risposta alle emergenze (BH)V, il responsabile della prevenzione e il PAGO.
  • Il datore di lavoro deve registrare i rischi dei dipendenti dell'azienda in un inventario e valutazione dei rischi (RI&E). Questo indica anche come i dipendenti sono protetti da questi rischi. Tale inventario indica se la salute e la sicurezza sono messe in pericolo, ad esempio, da impalcature instabili, pericolo di esplosione, ambiente rumoroso o lavoro troppo lungo al monitor. Il RI&E deve essere sottoposto a revisione da parte di un servizio di salute e sicurezza sul lavoro o di un esperto certificato.
  • Parte del RI&E è un piano d'azione. Questo stabilisce cosa sta facendo l'azienda in queste situazioni ad alto rischio. Ciò può comportare la fornitura di dispositivi di protezione individuale, la sostituzione di macchinari dannosi e la fornitura di buone informazioni.
  • Dove si lavora si può verificare anche l'assenteismo per malattia. Nell'ambito del quadro di continuità aziendale, il datore di lavoro deve spiegare come viene gestita l'assenza per malattia in una politica di congedo per malattia. Condurre una politica di congedo per malattia è un obbligo legale implicitamente definito per il datore di lavoro ed è esplicitamente menzionato nel decreto sulle condizioni di lavoro (articolo 2.9). Secondo questo articolo, l'arbodienst consiglia di condurre condizioni di lavoro strutturate, sistematiche e adeguate e una politica di congedo per malattia. L'arbodienst deve contribuire alla sua attuazione, tenendo conto in particolare di gruppi unici di dipendenti.
  • Ad esempio, i soccorritori interni (ufficiali FAFS) forniscono il primo soccorso in caso di incidente o incendio. Il datore di lavoro deve garantire che ci siano abbastanza ufficiali FAFS. Deve inoltre garantire che possano svolgere correttamente i loro compiti. Non ci sono particolari requisiti di formazione. Il datore di lavoro può assumersi personalmente i compiti della risposta interna alle emergenze. Deve nominare almeno un dipendente che lo sostituisca in sua assenza.
  • I datori di lavoro sono obbligati a designare uno dei loro dipendenti come responsabile della prevenzione. Un addetto alla prevenzione lavora all'interno di un'azienda – di solito in aggiunta al suo lavoro “normale” – per aiutare a prevenire gli incidenti e l'assenteismo. I doveri statutari di un responsabile della prevenzione includono: (co-)redazione e realizzazione del RI&E, consulenza e collaborazione stretta con il consiglio di fabbrica/rappresentanti del personale sulla politica delle buone condizioni di lavoro, consulenza e collaborazione con il medico aziendale e altri responsabili della salute sul lavoro e fornitori di servizi di sicurezza. Il datore di lavoro può fungere da responsabile della prevenzione se l'azienda ha 25 dipendenti o meno.
  • Il datore di lavoro deve consentire al lavoratore di sottoporsi a visita periodica di salute sul lavoro (PAGO). Per inciso, il dipendente non è obbligato a partecipare a questo.

Ispettorato del lavoro dei Paesi Bassi

L'ispettorato del lavoro dei Paesi Bassi (NLA) controlla regolarmente se i datori di lavoro e i dipendenti rispettano le norme in materia di salute e sicurezza. La loro priorità sono le situazioni lavorative che comportano gravi rischi per la salute. In caso di violazione, la NLA può imporre diverse misure, che vanno dall'ammonizione alla multa o addirittura all'interruzione dei lavori.

Importanza della politica di salute e sicurezza

Avere e attuare una politica di salute e sicurezza chiaramente descritta è essenziale. Ciò previene gli effetti negativi sulla salute e contribuisce all'occupabilità e alla produttività sostenibili dei dipendenti. Se un dipendente subisce un danno a causa del lavoro, può ritenere responsabile l'azienda e chiedere un risarcimento. Il datore di lavoro deve poi essere in grado di dimostrare di aver fatto quanto ragionevolmente praticabile – in termini operativi ed economici – per prevenire tale danno.

Vuoi sapere come applicare la legge sulla salute e sicurezza sul lavoro all'interno della tua azienda? I nostri avvocati del lavoro sono felice di rispondere alle tue domande. Possiamo analizzare i fattori di rischio della tua azienda e consigliarti su come ridurli. 

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa sulla Privacy
Law & More B.V.