Cosa fare in caso di campionamento sonoro non autorizzato?

Cosa fare in caso di campionamento sonoro non autorizzato?

Il campionamento sonoro o il campionamento musicale è una tecnica attualmente ampiamente utilizzata in base alla quale i frammenti sonori vengono copiati elettronicamente per utilizzarli, spesso in forma modificata, in una nuova opera (musicale), solitamente con l'aiuto di un computer. Tuttavia, i frammenti sonori possono essere soggetti a vari diritti, per cui il campionamento non autorizzato può essere illegale.

Il campionamento fa uso di frammenti sonori esistenti. La composizione, i testi, l'esecuzione e la registrazione di questi frammenti sonori possono essere soggetti a copyright. La composizione e i testi possono essere protetti da copyright. La (registrazione della) esecuzione può essere protetta dal relativo diritto dell'esecutore, e il fonogramma (la registrazione) può essere protetto dal relativo diritto del produttore del fonogramma. L'articolo 2 della direttiva UE sul diritto d'autore (2001/29) concede all'autore, all'esecutore e al produttore del fonogramma un diritto esclusivo di riproduzione, che si riduce al diritto di autorizzare o vietare la riproduzione dell'"oggetto" protetto. L'autore può essere il compositore e/o l'autore dei testi, i cantanti e/o musicisti sono solitamente l'artista esecutore (Articolo 1 sotto a del Neighboring Rights Act (NRA)) e il produttore del fonogramma è la persona che effettua la prima registrazione , o ha fatto e si assume il rischio finanziario (articolo 1 lettera d dell'ANR). Quando un artista scrive, esegue, registra e pubblica le proprie canzoni sotto la propria gestione, queste diverse parti sono unite in un'unica persona. I diritti d'autore e di accompagnamento sono quindi nelle mani di una sola persona.

Cosa fare in caso di campionamento sonoro non autorizzato?

Nei Paesi Bassi, la direttiva sul diritto d'autore è stata recepita, tra le altre cose, dal Copyright Act (CA) e dalla NRA. La sezione 1 della CA tutela il diritto di riproduzione dell'autore. Il Copyright Act usa il termine "riproduzione" piuttosto che "copia", ma in pratica entrambi i termini sono simili. Il diritto di riproduzione dell'artista esecutore e del produttore del fonogramma è protetto dalle sezioni 2 e 6, rispettivamente, dell'ANR. Come la direttiva sul diritto d'autore, queste disposizioni non definiscono cosa costituisce una riproduzione (totale o parziale). A titolo esemplificativo: l'articolo 13 del Copyright Act prevede che "qualsiasi elaborazione o imitazione completa o parziale in forma alterata"” costituisce una riproduzione. Quindi una riproduzione include più di una copia 1 contro 1, ma non è chiaro quale criterio debba essere utilizzato per valutare i casi limite. Questa mancanza di chiarezza ha avuto un impatto sulla pratica del campionamento sonoro per lungo tempo. Gli artisti campionati non sapevano quando i loro diritti venivano violati.

Nel 2019, la Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) lo ha in parte chiarito nella Pelham sentenza, a seguito di questioni pregiudiziali sollevate dal Bundesgerichtshof tedesco (BGH) (CGUE 29 luglio 2019, C-476/17, ECLI:EU:C:2019:624). La CGUE ha rilevato, tra l'altro, che un campione può essere una riproduzione di un fonogramma, indipendentemente dalla lunghezza del campione (punto 29). Pertanto, anche un secondo campione può costituire un'infrazione. Inoltre, è stato stabilito che”quando, nell'esercizio della sua libertà di espressione, un utente trascrive un frammento sonoro di un fonogramma per utilizzarlo in una nuova opera, in una forma alterata e irriconoscibile all'orecchio, tale uso dovrebbe essere considerato non costituire una "riproduzione" ai sensi dell'articolo 2, lettera c), della direttiva 2001/29′ (comma 31, dispositivo sub 1). Pertanto, se un campione è stato modificato in modo tale che il frammento sonoro originariamente rilevato non sia più riconoscibile all'orecchio, non si tratta di una riproduzione di un fonogramma. In tal caso, non è necessaria l'autorizzazione per il campionamento sonoro da parte dei titolari dei diritti pertinenti. Dopo un rinvio dalla CGUE, il BGH ha deciso il 30 aprile 2020 in Metall auf Metall IV, in cui specificava l'orecchio per il quale il campione doveva essere irriconoscibile: l'orecchio dell'ascoltatore medio di musica (BGH 30 aprile 2020, I ZR 115/16 (Metall auf Metall IV), par. 29). Sebbene le sentenze della Corte di giustizia e del BGH riguardino il relativo diritto del produttore del fonogramma, è plausibile che i criteri formulati in tali sentenze si applichino anche a una violazione mediante campionamento sonoro del diritto d'autore dell'esecutore e del relativo diritto. Il diritto d'autore e i diritti connessi dell'esecutore hanno una soglia di protezione più elevata, cosicché un ricorso al diritto connesso del produttore del fonogramma avrà, in linea di principio, più successo in caso di presunta violazione mediante campionamento sonoro. Per la protezione del diritto d'autore, ad esempio, un frammento sonoro deve qualificarsi come una "creazione intellettuale propria". Non esiste un tale requisito di protezione per la tutela dei diritti connessi del produttore di fonogrammi.

In linea di principio, quindi, è una violazione del diritto di riproduzione se qualcuno campioni a suono in un modo che è riconoscibile per l'ascoltatore medio di musica. Tuttavia, l'articolo 5 della direttiva sul diritto d'autore contiene diverse limitazioni ed eccezioni al diritto di riproduzione nell'articolo 2 della direttiva sul diritto d'autore, tra cui un'eccezione per la citazione e un'eccezione per la parodia. Il campionamento sonoro in un normale contesto commerciale di solito non è coperto da questo, in considerazione dei severi requisiti legali.

Chi si trova in una situazione in cui vengono campionati i suoi frammenti sonori dovrebbe quindi porsi la seguente domanda:

  • La persona che effettua il campionamento ha il permesso di farlo dai titolari dei diritti pertinenti?
  • Il campione è stato modificato per renderlo irriconoscibile all'ascoltatore medio di musica?
  • Il campione rientra in una delle eccezioni o limitazioni?

In caso di presunta violazione, si può agire nei seguenti modi:

  • Inviare una lettera di citazione per cessare l'infrazione.
    • Un primo passo logico se si desidera che l'infrazione si fermi il prima possibile. Soprattutto se non stai cercando danni ma vuoi solo che l'infrazione si fermi.
  • Negoziare con il presunto trasgressore a pulire campo il campione.
    • Può darsi che il presunto trasgressore non abbia intenzionalmente, o almeno senza pensarci due volte, violato i diritti di qualcuno. In tal caso, il presunto trasgressore può essere citato in giudizio e chiarito che l'infrazione è avvenuta. Da lì, le condizioni possono essere negoziate per la concessione dell'autorizzazione da parte del titolare dei diritti a campionare. Ad esempio, il titolare dei diritti può richiedere l'attribuzione, una remunerazione adeguata o dei diritti d'autore. Questo processo di concessione e ottenimento del permesso di campionare è anche chiamato autorizzazione. Nel normale corso degli eventi, questo processo si verifica prima che si verifichi qualsiasi violazione.
  • Avvio di un'azione civile in tribunale contro il presunto contraffattore.
    • Un ricorso può essere presentato al tribunale in base a una violazione del diritto d'autore o dei diritti connessi. Ad esempio, si può sostenere che l'altra parte ha agito illegittimamente violando (articolo 3:302 del codice civile olandese), si può chiedere un risarcimento (articolo 27 CA, articolo 16 paragrafo 1 dell'ANR) e un profitto possono essere ceduti (articolo 27a AC, articolo 16 capoverso 2 NRA).

Law & More sarà lieto di assistervi con la redazione di una lettera di richiesta, le trattative con il presunto trasgressore e/o l'avvio di procedimenti legali.

Impostazioni privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Informativa Privacy
Law & More B.V.