Atto di dimissioni

Il divorzio implica molto. La procedura di divorzio consiste in una serie di passaggi. Quali passi devi fare dipende dal fatto che tu abbia figli e se hai concordato in anticipo un accordo con il tuo futuro ex partner. In generale, dovrebbe essere seguita la seguente procedura standard. Prima di tutto, una domanda di divorzio deve essere presentata al tribunale. Questa può essere un'applicazione unilaterale o un'applicazione congiunta. Con la prima opzione, un partner presenta solo la petizione. Se viene presentata una petizione congiunta, tu e il tuo ex partner presentate la petizione e concordate tutte le disposizioni. Puoi far stabilire questi accordi in un patto di divorzio da un mediatore o da un avvocato. In quel caso non ci sarà udienza in tribunale, ma riceverai una decisione di divorzio. Dopo aver ricevuto la decisione di divorzio puoi far redigere un atto di dimissioni da un avvocato. Un atto di dimissioni è una dichiarazione che hai preso atto della decisione di divorzio emessa dal tribunale e che non presenterai ricorso contro la decisione, il che significa che può essere registrata immediatamente presso il comune. Sarai divorziato per legge solo una volta che la decisione sarà stata inserita negli atti di stato civile del comune. Finché la decisione di divorzio non è stata registrata, sei ancora formalmente sposato.

Atto di dimissioni

Dopo la sentenza del tribunale, inizia in linea di principio un periodo di ricorso di 3 mesi. Entro questo periodo puoi presentare ricorso contro la decisione di divorzio se non sei d'accordo. Se le parti concordano immediatamente con la decisione di divorzio, questo periodo di 3 mesi può essere ritardato. Questo perché la decisione del tribunale può essere registrata solo una volta che la sentenza è diventata definitiva. Una sentenza diventa definitiva solo una volta scaduto il periodo di ricorso di 3 mesi. Tuttavia, se entrambe le parti firmano l'accordo di dimissioni, entrambe rinunciano a presentare ricorso. Le parti si "dimettono" alla sentenza del tribunale. Il giudizio è quindi definitivo e può essere registrato senza dover attendere il periodo di 3 mesi. Se non sei d'accordo con la decisione di divorzio, è importante non firmare l'atto di dimissioni. La sottoscrizione dell'atto non è quindi obbligatoria. Dopo la decisione del tribunale ci sono le seguenti possibilità in materia di dimissioni:

  • Entrambe le parti firmano un atto di dimissioni:
    In tal modo, le parti dichiarano di non voler presentare ricorso contro la decisione di divorzio. In questo caso, il periodo di ricorso di 3 mesi scade e la procedura di divorzio è più rapida. Il divorzio può essere iscritto immediatamente negli atti di stato civile del comune.
  • Una delle due parti firma un atto di dimissioni, l'altra no. Ma lui o lei non propone nemmeno ricorso:
    Rimane aperta la possibilità di ricorso. Occorre attendere il periodo di ricorso di 3 mesi. Se il tuo (futuro) ex partner non presenta ricorso, il divorzio può ancora essere registrato definitivamente presso il comune dopo 3 mesi.
  • Una delle due parti firma un atto di dimissioni, l'altra parte propone ricorso:
    In questo caso, il procedimento entra in una fase completamente nuova e il tribunale riesaminerà il caso in appello.
  • Nessuna delle parti firma un atto di dimissioni, ma le parti non presentano appello:
    Al termine del periodo di appello di 3 mesi, tu o il tuo avvocato dovete inviare la decisione di divorzio all'ufficiale di stato civile delle nascite, dei matrimoni e dei decessi per la registrazione definitiva negli atti di stato civile.

Il decreto di divorzio diventa irrevocabile allo scadere del periodo di ricorso di 3 mesi. Una volta che la decisione è diventata irrevocabile, deve essere inserita negli atti di stato civile entro 6 mesi. Se la decisione di divorzio non viene registrata in tempo, la decisione scadrà e il matrimonio non verrà sciolto!

Decorso il termine per il ricorso, sarà necessario un atto di non domanda per far registrare il divorzio presso il Comune. È necessario presentare domanda per questo atto di non applicazione al tribunale che ha pronunciato la sentenza nel procedimento di divorzio. Con tale atto il giudice dichiara che le parti non hanno impugnato la sentenza. La differenza con l'atto di dimissioni è che l'atto di non domanda è richiesto al tribunale dopo la scadenza del periodo di ricorso, mentre l'atto di dimissioni deve essere redatto dagli avvocati delle parti prima della scadenza del periodo di ricorso.

Per consigli e indicazioni durante il divorzio puoi rivolgerti agli avvocati del diritto di famiglia di Law & More. A Law & More comprendiamo che il divorzio e gli eventi successivi possono avere conseguenze di vasta portata sulla tua vita. Ecco perché adottiamo un approccio personale. I nostri avvocati possono anche assistervi in ​​qualsiasi procedimento. Gli avvocati di Law & More sono esperti nel campo del diritto di famiglia e sono felici di guidarti, possibilmente insieme al tuo partner, attraverso un processo di divorzio.

Share