In qualità di datore di lavoro, puoi rifiutarti di denunciare la malattia del tuo dipendente?

Succede regolarmente che i datori di lavoro abbiano dubbi sul fatto che i loro dipendenti segnalino la loro malattia. Ad esempio, perché il dipendente si presenta spesso malato il lunedì o il venerdì o perché c'è una vertenza industriale. Sei autorizzato a mettere in discussione la denuncia di malattia del tuo dipendente e sospendere il pagamento dello stipendio fino a quando non viene accertato che il dipendente è effettivamente malato? Questa è una domanda importante che molti datori di lavoro devono affrontare. È anche una questione importante per i dipendenti. In linea di principio, hanno diritto al pagamento continuato del salario senza che venga svolto alcun lavoro. In questo blog, esamineremo una serie di situazioni di esempio in cui potresti rifiutare la denuncia di malattia del tuo dipendente o cosa è meglio fare in caso di dubbio.

Malato

La notifica di malattia non è stata effettuata conformemente alle norme procedurali applicabili

In generale, un dipendente dovrebbe segnalare la propria malattia personalmente e verbalmente al datore di lavoro. Il datore di lavoro può quindi chiedere al dipendente quanto tempo dovrebbe durare la malattia e, in base a ciò, è possibile prendere accordi sul lavoro in modo che non rimanga in giro. Se il contratto di lavoro o qualsiasi altra normativa applicabile contiene norme aggiuntive in merito alla denuncia di malattia, un dipendente deve, in linea di principio, rispettarle anche. Se un dipendente non si attiene alle norme specifiche per la denuncia di malato, questo può giocare un ruolo nella domanda se tu, come datore di lavoro, hai giustamente rifiutato la denuncia di malattia del tuo dipendente.

L'impiegato infatti non è malato lui stesso, ma denuncia malato

In alcuni casi, i lavoratori riferiscono di essere malati anche se in realtà non sono affatto malati. Ad esempio, potresti pensare a una situazione in cui il tuo dipendente si ammala perché suo figlio è malato e non può organizzare una babysitter. In linea di principio, il tuo dipendente non è malato o inabile al lavoro. Se puoi facilmente determinare dalla spiegazione del tuo dipendente che esiste un altro motivo, diverso dalla disabilità lavorativa del dipendente, che impedisce al dipendente di presentarsi al lavoro, puoi rifiutarti di denunciare la malattia. In tal caso, tieni presente che il tuo dipendente potrebbe avere diritto a un congedo per calamità o un congedo per assenteismo di breve durata. È importante che tu concordi chiaramente quale forma di congedo prenderà il tuo dipendente.

Il dipendente è malato, ma è comunque possibile svolgere le normali attività

Se il tuo dipendente si ammala e puoi dedurre dalla conversazione che in realtà c'è una malattia, ma che non è così grave da non poter svolgere il lavoro abituale, la situazione è un po 'più difficile. La domanda è allora se esiste un'incapacità lavorativa. Un dipendente è inabile al lavoro solo se, a causa di una disabilità fisica o mentale, non è più in grado di svolgere il lavoro che dovrebbe svolgere in base al contratto di lavoro. Puoi pensare a una situazione in cui il tuo dipendente si è slogato una caviglia, ma normalmente ha già una funzione lavorativa da seduto. In linea di principio, tuttavia, il tuo dipendente potrebbe ancora lavorare. In alcuni casi, potrebbe essere necessario rendere disponibili servizi aggiuntivi. La cosa più sensata da fare è prendere accordi al riguardo con il tuo dipendente. Se non è possibile raggiungere accordi insieme e il tuo dipendente mantiene la sua posizione che non può comunque lavorare, il consiglio è di accettare il rapporto di congedo per malattia e chiedere direttamente al tuo medico aziendale o medico di salute e sicurezza sul lavoro un consiglio sull'idoneità del tuo dipendente per la propria funzione o per una funzione adeguata.

Il dipendente è malato per intenzione o per colpa propria

Potrebbero anche esserci situazioni in cui il tuo dipendente è malato per intenzione o per colpa propria. Ad esempio, potresti pensare a situazioni in cui il tuo dipendente si sottopone a interventi di chirurgia estetica o si ammala a causa di un consumo eccessivo di alcol. La legge afferma che tu, come datore di lavoro, non sei obbligato a continuare a pagare lo stipendio se la malattia è causata dall'intenzione da parte del dipendente. Tuttavia, questa intenzione deve essere vista in relazione a ammalarsi, e questo non sarà quasi mai il caso. Anche se è così, è molto difficile per te come datore di lavoro dimostrarlo. Per i datori di lavoro che pagano più del minimo legale in caso di malattia (70% dello stipendio), è opportuno includere nel contratto di lavoro che il lavoratore non ha diritto alla parte extra-legale dello stipendio durante la malattia, se il la malattia è causata da colpa o negligenza del dipendente.

Il dipendente è malato a causa di controversia industriale o scarsa valutazione

Se sospetti che il tuo dipendente stia dichiarando di essere malato a causa di una controversia industriale o, ad esempio, di una recente valutazione negativa, è consigliabile discuterne con il tuo dipendente. Se il tuo dipendente non è aperto a una conversazione, è opportuno accettare la denuncia di malattia e chiamare immediatamente un medico aziendale o un medico di salute e sicurezza sul lavoro. Il medico sarà in grado di valutare se il tuo dipendente è effettivamente inidoneo al lavoro e ti consiglierà sulle possibilità di riportarlo al lavoro il prima possibile.

Non disponi di informazioni sufficienti per poter valutare il rapporto sulla malattia

Non è possibile obbligare un dipendente a fare annunci sulla natura della sua malattia o sul suo trattamento. Se il tuo dipendente non è trasparente su questo, non è un motivo per rifiutarsi di denunciare la sua malattia. Quello che tu, in quanto datore di lavoro, puoi fare in questo caso è chiamare un medico aziendale o un medico di salute e sicurezza sul lavoro il prima possibile. Tuttavia, il dipendente è tenuto a collaborare all'esame da parte del medico aziendale o del medico curante in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di fornire loro le necessarie informazioni (mediche). In qualità di datore di lavoro, puoi chiedere quando il dipendente si aspetta di poter tornare al lavoro, quando e come il dipendente può essere raggiunto, se il dipendente è ancora in grado di svolgere un determinato lavoro e se la malattia è stata causata da una terza parte responsabile .

Hai dubbi sulla notifica di malattia del tuo dipendente o non sei sicuro di essere obbligato a continuare a pagare lo stipendio? Si prega di contattare gli avvocati del diritto del lavoro di Law & More direttamente. I nostri avvocati possono fornirti la giusta consulenza e, se necessario, assisterti nei procedimenti legali. 

Share