Richiesta di fallimento

Una domanda di fallimento è un potente strumento per il recupero crediti. Se un debitore non paga e il credito non è stato contestato, spesso è possibile utilizzare un'istanza di fallimento per riscuotere un credito in modo più rapido ed economico. L'istanza di fallimento può essere presentata sia su richiesta del firmatario che su richiesta di uno o più creditori. Se sussistono motivi di interesse pubblico, anche la Procura della Repubblica può dichiarare fallimento.

Perché un file del creditore presenta bancarotta?

Se il tuo debitore non riesce a pagare e non sembra che la fattura in sospeso verrà pagata, puoi presentare istanza di fallimento del tuo debitore. Ciò aumenta le possibilità che il debito venga (parzialmente) saldato. Dopotutto, una società in difficoltà finanziarie per la maggior parte del tempo ha ancora denaro, ad esempio, in fondi e immobili. In caso di fallimento, tutto questo sarà venduto per la realizzazione di denaro per pagare le fatture in sospeso. Una richiesta di fallimento di un debitore è gestita da un avvocato. Un avvocato deve chiedere al tribunale di dichiarare il tuo debitore in bancarotta. Il tuo avvocato lo presenta con una petizione di fallimento. Nella maggior parte dei casi, il giudice deciderà direttamente in tribunale se il tuo debitore è dichiarato fallito.

Richiesta di fallimento

Quando ti candidi?

È possibile presentare istanza di fallimento se il debitore:

  • Ha 2 o più debiti, di cui 1 rivendicabile (il termine di pagamento è scaduto);
  • Ha 2 o più creditori; e
  • È nelle condizioni in cui ha smesso di pagare.

La domanda che si sente spesso è se una domanda di fallimento richiede più di un creditore. La risposta è no. Un singolo creditore può anche applicare fo il fallimento di un debitore. Tuttavia, il fallimento può essere solo dichiarata dal tribunale se ci sono più creditori. Questi creditori non devono necessariamente essere co-richiedenti. Se un imprenditore chiede il fallimento del suo debitore, è sufficiente dimostrare durante l'elaborazione che ci sono più creditori. Chiamiamo questo "requisito di pluralità". Ciò può essere fatto mediante dichiarazioni di sostegno di altri creditori o anche mediante una dichiarazione del debitore che non è più in grado di pagare i suoi creditori. Un richiedente deve quindi avere "richieste di sostegno" oltre alla propria domanda. Il tribunale lo verificherà in modo breve e conciso.

Durata della procedura fallimentare

In generale, l'udienza giudiziale nelle procedure fallimentari si svolge entro 6 settimane dalla presentazione della petizione. La decisione segue durante l'udienza o il più presto possibile in seguito. Durante l'audizione, alle parti può essere concesso un ritardo fino a 8 settimane.

Costi delle procedure fallimentari

Per questi procedimenti si pagano le spese processuali oltre alle spese di un avvocato.

Come si sviluppa la procedura fallimentare?

La procedura fallimentare inizia con la presentazione di una domanda di fallimento. Il tuo avvocato avvia la procedura presentando una petizione al tribunale chiedendo la dichiarazione di fallimento del tuo debitore per tuo conto. Sei il firmatario.

La petizione deve essere presentata al tribunale della regione in cui è domiciliato il debitore. Per richiedere la bancarotta in qualità di creditore, il debitore deve essere stato convocato più volte ed eventualmente dichiarato inadempiente.

Invito all'audizione

Entro poche settimane, il tribunale sarà invitato dal tribunale a partecipare all'udienza. Questo avviso indicherà quando e dove si svolgerà l'udienza. Anche il tuo debitore verrà avvisato.

Il debitore non è d'accordo con la petizione fallimentare? Lui o lei può rispondere presentando una difesa scritta o una difesa orale durante l'udienza.

L'udito

Non è obbligatorio che il debitore sia presente all'udienza, ma è raccomandato. Se un debitore non appare, può essere dichiarato fallito in una sentenza in contumacia.

Tu e / o il tuo avvocato dovete comparire in udienza. Se in udienza non compare nessuno, la richiesta può essere respinta dal giudice. L'audizione non è pubblica e il giudice di solito prende la sua decisione durante l'udienza. Se ciò non è possibile, la decisione seguirà il più presto possibile, di solito entro 1 o 2 settimane. L'ordine verrà inviato a te, al debitore e agli avvocati coinvolti.

Rifiuto

Se sei un creditore, non sei d'accordo con la decisione respinta dai tribunali, puoi presentare un ricorso.

assegnazione

Se il tribunale acconsente alla richiesta e dichiara il debitore in bancarotta, il debitore può presentare ricorso. Se il debitore fa appello, il fallimento avverrà comunque. Con decisione del tribunale:

  • Il debitore è immediatamente fallito;
  • Il giudice nomina un liquidatore; e
  • Il giudice nomina un giudice di controllo.

Dopo che il fallimento è stato dichiarato dal tribunale, la persona (legale) dichiarata fallita perderà la cessione e la gestione dei beni e sarà dichiarata non autorizzata. Il liquidatore è l'unico a cui è ancora consentito agire da quel momento in poi. Il liquidatore agirà al posto del fallito (la persona dichiarata fallita), gestirà la liquidazione del patrimonio fallimentare e prenderà cura degli interessi dei creditori. In caso di gravi fallimenti, possono essere nominati diversi liquidatori. Per alcuni atti, il liquidatore deve chiedere l'autorizzazione al giudice di vigilanza, ad esempio nel caso del licenziamento del personale e della vendita di effetti o beni familiari.

In linea di principio, qualsiasi reddito percepito dal debitore durante il fallimento verrà aggiunto al patrimonio. In pratica, tuttavia, il curatore lo fa in accordo con il debitore. Se un privato viene dichiarato fallito, è importante sapere cosa è coperto dal fallimento e cosa no. Le prime necessità e parte del reddito, ad esempio, non sono comprese nel fallimento. Il debitore può anche compiere atti giuridici ordinari; ma i beni del fallito non sono vincolati da questo. Inoltre, il curatore renderà pubblica la decisione del tribunale registrandola presso la cancelleria fallimentare e presso la Camera di Commercio, e inserendo un annuncio su un quotidiano nazionale. La cancelleria fallimentare registrerà la sentenza nel Registro centrale fallimenti (CIR) e la pubblicherà sulla Gazzetta Ufficiale. Questo è sviluppato per dare ad altri possibili creditori l'opportunità di denunciare il curatore e di presentare le loro richieste.

Il compito del giudice di vigilanza in questo procedimento è di supervisionare il processo di gestione e liquidazione delle attività insolventi e le azioni del liquidatore. Su raccomandazione del giudice di vigilanza, il tribunale può ordinare di ostaggio del fallito. Il giudice supervisore può anche convocare e ascoltare testimoni. Insieme al liquidatore, il giudice di vigilanza prepara le cosiddette riunioni di verifica, in cui fungerà da presidente. L'incontro di verifica si svolge in tribunale ed è un evento in cui verranno stabilite le liste di debito redatte dal liquidatore.

Come saranno distribuiti gli asset?

Il liquidatore definisce l'ordine in cui i creditori saranno pagati: l'ordine della classifica dei creditori. Quanto più alto sei classificato, maggiore è la possibilità che verrai pagato come creditore. L'ordine di classificazione dipende dal tipo di credito richiesto dal creditore.

In primo luogo, per quanto possibile, verranno pagati i debiti patrimoniali. Ciò include lo stipendio, l'affitto e lo stipendio del liquidatore dopo la data del fallimento. Il saldo rimanente va ai crediti privilegiati, comprese le tasse e le indennità governative. Il resto va ai creditori non garantiti ("ordinari"). Una volta pagati i suddetti creditori, l'eventuale resto va ai creditori subordinati. Se è rimasto denaro, verrà pagato agli azionisti se si tratta di una NV o di una BV. In caso di fallimento di una persona fisica, il resto va al fallito. Tuttavia, questa è una situazione eccezionale. In molti casi, non resta molto per i creditori chirografari, per non parlare del fallimento.

Eccezione: separatisti

I separatisti sono creditori con:

  • Diritto ipotecario:

La proprietà commerciale o residenziale è una garanzia per il mutuo e il fornitore del mutuo può richiedere tale garanzia in caso di mancato pagamento.

  • Diritto di pegno:

La banca ha concesso un credito a condizione che se non viene effettuato alcun pagamento, ha il diritto di impegnarsi, ad esempio, sull'inventario aziendale o sullo stock.

Il reclamo di un separatista (cosa già implica la parola) è separato da un fallimento e può essere rivendicato immediatamente, senza prima richiederlo da un liquidatore. Tuttavia, il liquidatore può chiedere al separatista di attendere un periodo ragionevole.

Conseguenze

Per te come creditore, la decisione del tribunale ha le seguenti conseguenze:

  • Non puoi più impadronirti del debitore
  • Tu o il tuo avvocato presenterete il reclamo con prove documentali al liquidatore
  • Nel corso della riunione di verifica, viene redatto l'elenco definitivo dei reclami
  • Vieni pagato in base all'elenco dei debiti del liquidatore
  • Un debito residuo può essere riscosso dopo il fallimento

Se il debitore è una persona fisica, in alcuni casi è possibile che, dopo il fallimento, il debitore presenti una richiesta al tribunale per la conversione del fallimento in ristrutturazione del debito.

Per il debitore, la decisione del tribunale ha le seguenti conseguenze:

  • Sequestro di tutti i beni (tranne le necessità)
  • Il debitore perde la gestione e la cessione dei suoi beni
  • La corrispondenza va direttamente al liquidatore

Come termina la procedura fallimentare?

Il fallimento può finire nei seguenti modi:

  • Liquidazione per mancanza di beni: se non ci sono abbastanza beni per essere in grado di pagare nient'altro che i debiti di beni, il fallimento sarà risolto per mancanza di beni.
  • Risoluzione dovuta a seguito di un accordo con i creditori: il fallito può proporre ai creditori un accordo unico. Tale proposta implica che il fallito paga una percentuale del credito pertinente, a fronte del quale viene liberato dai suoi debiti per il resto del credito.
  • Annullamento a causa dell'effetto vincolante dell'elenco di distribuzione finale: questo è quando le attività non hanno un volume sufficiente per distribuire i creditori non garantiti, ma i creditori prioritari possono essere pagati (in parte).
  • Determinazione della decisione della corte regolata dalla decisione della Corte d'appello
  • Annullamento su richiesta del fallito e contestuale dichiarazione dell'applicazione dell'accordo di ristrutturazione del debito.

Nota: una persona fisica può anche essere nuovamente citata in giudizio per i debiti, anche dopo che il fallimento è stato sciolto. Se si è verificata una riunione di verifica, la legge offre l'opportunità in un'esecuzione, poiché il rapporto della riunione di verifica ti dà il diritto a un titolo di esecuzione che può essere applicato. In tal caso, non è più necessario un verdetto per l'esecuzione. Certo, la domanda rimane; cosa si può ancora ottenere dopo un fallimento?

Cosa succede se un debitore non collabora durante la procedura fallimentare?

Il debitore è tenuto a collaborare ea fornire al curatore tutte le informazioni necessarie. Questo è il cosiddetto "obbligo di informazione". Se il liquidatore viene ostacolato, può adottare misure di esecuzione come un interrogatorio di bancarotta o una presa di ostaggi in un centro di detenzione. Se il debitore ha compiuto determinati atti prima della dichiarazione di fallimento, in conseguenza dei quali i creditori hanno meno possibilità di reclamare i debiti, il curatore può annullare tali atti ("bankruptcypauliana"). Questo deve essere un atto legale che il debitore (il fallimento successivo) ha compiuto senza alcun obbligo, prima della dichiarazione di fallimento, e compiendo questo atto il debitore sapeva o avrebbe dovuto sapere che ciò avrebbe comportato uno svantaggio per i creditori.

In caso di persona giuridica, se il liquidatore trova prove che gli amministratori hanno abusato della persona giuridica fallita, questi possono essere ritenuti responsabili privatamente. Inoltre, su questo puoi leggere nel nostro blog precedentemente scritto: Responsabilità degli amministratori nei Paesi Bassi.

Contatti

Vorresti sapere cosa Law & More puoi fare per te?
Vi preghiamo di contattarci telefonicamente al numero +31 40 369 06 80 o di inviarci una e-mail:

Tom Meevis, avvocato presso Law & More - tom.meevis@lawandmore.nl
Ruby van Kersbergen, avvocato presso Law & More - ruby.van.kersbergen@lawandmore.nl

Share