Il diritto al silenzio in materia penale

A causa di diversi casi penali di alto profilo che si sono verificati nell'ultimo anno, il diritto del sospettato di rimanere in silenzio è ancora una volta sotto i riflettori. Certamente, con vittime e parenti di reati, il diritto del sospettato di rimanere in silenzio è sotto accusa, il che è comprensibile. L'anno scorso, ad esempio, il persistente silenzio del sospetto di molteplici “omicidi da insulina” nelle case di cura per anziani ha portato a frustrazione e irritazione tra i parenti, che ovviamente volevano sapere cosa fosse successo. Il sospetto ha costantemente invocato il suo diritto di rimanere in silenzio davanti al tribunale distrettuale di Rotterdam. Alla lunga, questo ha infastidito anche i giudici, che hanno comunque continuato a cercare di far lavorare l'indagato.

Il diritto al silenzio in materia penale

Vi sono vari motivi per cui i sospetti, spesso su consiglio dei loro avvocati, invocano il loro diritto a tacere. Ad esempio, questo può essere un motivo puramente strategico o psicologico, ma capita anche che l'indagato tema le conseguenze all'interno dell'ambiente criminale. Indipendentemente dal motivo, il diritto a tacere appartiene a tutti i sospetti. È un diritto classico di un civile, dal 1926 è stato fissato nell'articolo 29 del codice di procedura penale e deve quindi essere rispettato. Questo diritto si basa sul principio secondo cui il sospettato non deve cooperare con la propria convinzione e non può essere costretto a farlo: "Il sospettato non è obbligato a rispondere.' L'ispirazione per questo è il divieto di tortura.

Se l'indagato si avvale di questo diritto, può in tal modo impedire che la sua dichiarazione sia considerata non plausibile e inaffidabile, ad esempio perché si discosta da ciò che altri hanno affermato o da ciò che è incluso nel fascicolo. Se il sospettato rimane in silenzio all'inizio e la sua affermazione viene successivamente inserita nelle altre dichiarazioni e nel fascicolo, aumenta la possibilità di essere creduto dal giudice. L'uso del diritto a tacere può anche essere una buona strategia se l'indagato non è in grado di fornire una risposta plausibile a domande della polizia, ad esempio. Dopotutto, una dichiarazione può sempre essere fatta in tribunale in ritardo.

Tuttavia, questa strategia non è priva di rischi. Anche il sospettato dovrebbe esserne consapevole. Se l'indagato viene arrestato e posto in detenzione preventiva, l'appello al diritto al silenzio può significare che rimane un motivo di indagine per la polizia e le autorità giudiziarie, in base al quale continua la detenzione preliminare per l'indagato. È quindi possibile che l'indagato debba rimanere in detenzione preventiva più a lungo a causa del suo silenzio che se avesse fatto una dichiarazione. Inoltre, è possibile che dopo un licenziamento del caso o un'assoluzione dell'indagato, al sospettato non vengano concessi danni se egli stesso ha la colpa per il proseguimento della detenzione preventiva. Una simile richiesta di risarcimento danni è già stata respinta più volte per tale motivo.

Una volta in tribunale, il silenzio non è privo di conseguenze neanche per il sospettato. Dopo tutto, un giudice può tenere conto del silenzio nel suo verdetto se un sospetto non fornisce alcuna apertura, sia nella dichiarazione delle prove che nella sentenza. Secondo la Corte Suprema olandese, il silenzio del sospettato può anche contribuire alla condanna se ci sono prove sufficienti e il sospettato non ha fornito ulteriori spiegazioni. Dopo tutto, il silenzio del sospettato può essere compreso e spiegato dal giudice come segue: "Il sospetto ha sempre taciuto sul suo coinvolgimento (…) e quindi non si è assunto la responsabilità di quanto ha fatto. " Nel contesto della frase, il sospetto può essere incolpato per il suo silenzio che non si è pentito o si è pentito delle sue azioni. Il fatto che i giudici prendano in considerazione l'uso del diritto al silenzio da parte dell'indagato per la sentenza dipende dalla valutazione personale del giudice e può quindi differire da giudice a giudice.

Usare il diritto di tacere può avere dei vantaggi per il sospettato, ma ciò non è certo privo di rischi. È vero che il diritto del sospettato di rimanere in silenzio deve essere rispettato. Tuttavia, quando si tratta di una causa, i giudici considerano sempre più il silenzio dei sospettati a proprio svantaggio. Dopo tutto, il diritto del sospettato di rimanere in silenzio è in pratica regolarmente in contrasto con il ruolo crescente nei procedimenti penali e l'importanza delle vittime, dei parenti sopravvissuti o della società con risposte chiare alle domande.

Se nel tuo caso sia saggio avvalersi del diritto di tacere durante l'udienza della polizia o all'udienza dipende dalle circostanze del caso. È quindi importante contattare un avvocato penalista prima di decidere in merito al diritto al silenzio. Law & More gli avvocati sono specializzati in diritto penale e sono lieti di fornire consulenza e / o assistenza. Sei una vittima o un parente sopravvissuto e hai domande sul diritto al silenzio? Anche allora Law & MoreGli avvocati di sono pronti per te.

Share