Procedura di valutazione dei danni

I verdetti dei tribunali contengono spesso ordini per una delle parti di pagare i danni determinati dallo stato. Le parti del procedimento sono quindi alla base di un nuovo procedimento, ossia il procedimento di accertamento del risarcimento del danno. Tuttavia, in quel caso le parti non sono tornate al punto di partenza. Infatti, il procedimento di accertamento del danno può essere considerato come una continuazione del procedimento principale, che mira semplicemente a determinare gli elementi del danno e l'entità del risarcimento da risarcire. Questa procedura può, ad esempio, riguardare se un determinato elemento di danno è ammissibile al risarcimento o in che misura l'obbligo di risarcimento è ridotto a causa delle circostanze della parte lesa. Sotto questo aspetto, il procedimento di accertamento del danno è diverso dal procedimento principale, che riguarda la determinazione della base di responsabilità e quindi la ripartizione del risarcimento.

Procedura di valutazione dei danni

Se è stato stabilito il fondamento della responsabilità nella causa principale, i giudici possono deferire le parti alla procedura di valutazione del risarcimento del danno. Tuttavia, un simile rinvio non rientra sempre nelle possibilità del giudice del procedimento principale. Il principio di base è che il giudice deve, in linea di principio, valutare il danno stesso nella sentenza in cui è condannato al risarcimento. Solo se la valutazione del danno non è possibile nella causa principale, ad esempio perché riguarda un danno futuro o perché sono necessarie ulteriori indagini, il giudice della causa principale può discostarsi da questo principio e deferire le parti alla procedura di valutazione del danno. Inoltre, la procedura di valutazione del danno può essere applicata solo agli obblighi legali di risarcimento dei danni, come quelli per inadempienza o illecito. Pertanto, la procedura di valutazione del danno non è possibile quando si tratta di un obbligo di risarcimento dei danni derivanti da un atto giuridico, come un accordo.

Ci sono molti vantaggi nella possibilità di una procedura di valutazione del danno separata ma successiva. In effetti, la divisione tra la procedura di valutazione del danno principale e la seguente consente di discutere in primo luogo la questione della responsabilità senza la necessità di affrontare anche l'entità del danno e sostenere costi significativi per comprovarlo. Dopo tutto, non si può escludere che il giudice rifiuterà la responsabilità dell'altra parte. In tal caso, la discussione sull'entità del danno e sui costi sostenuti sarebbe stata vana. Inoltre, è possibile che le parti raggiungano successivamente un accordo extragiudiziale sull'importo del risarcimento, se la responsabilità è stata determinata dal tribunale. In tal caso, vengono risparmiate le spese e gli sforzi della valutazione. Un altro vantaggio importante per l'attore risiede nell'ammontare delle spese legali. Quando l'attore nella causa principale si limita a litigare sulla questione della responsabilità, le spese del procedimento sono abbinate a una domanda di valore indeterminato. Ciò comporta costi inferiori rispetto a quelli che sarebbero stati immediatamente richiesti nella causa principale per un importo sostanziale di risarcimento.

Sebbene la procedura di valutazione del danno possa essere considerata come una continuazione del procedimento principale, dovrebbe essere avviata come una procedura indipendente. Questo viene fatto inviando la dichiarazione dei danni all'altra parte. Devono essere considerati i requisiti legali imposti anche su un mandato di comparizione. In termini di contenuto, la dichiarazione di danni include "l'andamento del danno per il quale si chiede la liquidazione, è specificato in dettaglio", in altre parole una panoramica degli elementi di danno rivendicati. In linea di principio non è necessario richiedere il rimborso del risarcimento o indicare l'importo esatto per ciascun elemento danneggiato. Dopotutto, il giudice dovrà stimare in modo indipendente il danno sulla base dei fatti presunti. Tuttavia, i motivi del reclamo devono essere specificati nella dichiarazione dei danni. La dichiarazione di danni redatta non è in linea di principio vincolante ed è possibile aggiungere nuove voci anche dopo che la dichiarazione di danno è stata notificata.

L'ulteriore corso della procedura di valutazione del danno è simile alla procedura giudiziaria ordinaria. Ad esempio, c'è anche l'ordinario cambio di conclusione e l'udienza in tribunale. In questa procedura possono essere richieste anche prove o relazioni di esperti e le spese del tribunale verranno nuovamente addebitate. È necessario che il convenuto ristabilisca un avvocato in questo procedimento. Se il convenuto non compare nella procedura di accertamento del danno, può essere data in contumacia. Quando si tratta del verdetto finale, in cui può essere ordinato di pagare tutte le forme di risarcimento, si applicano anche le solite regole. La sentenza nella procedura di valutazione del danno prevede anche un titolo esecutivo e ha come conseguenza che il danno è stato determinato o risarcito.

Quando si tratta della procedura di valutazione del danno, è consigliabile consultare un avvocato. Nel caso dell'imputato, questo è persino necessario. Non è strano. Dopo tutto, la dottrina della valutazione del danno è molto ampia e complessa. Hai a che fare con una stima del danno o desideri maggiori informazioni sulla procedura di valutazione del danno? Si prega di contattare gli avvocati di Law & More. Law & More gli avvocati sono esperti in diritto processuale e valutazione dei danni e sono lieti di fornirti consulenza o assistenza legale durante la procedura di reclamo.

Condividi