Divorzio attraverso la mediazione

Il divorzio è spesso accompagnato da disaccordo tra i partner. Quando tu e il tuo partner vi separerete e non riuscirete a concordarvi, sorgeranno conflitti che in alcuni casi possono persino intensificarsi. A volte un divorzio può far emergere il male in qualcuno a causa delle sue emozioni. In tal caso, puoi chiamare un avvocato per ottenere i tuoi diritti legali. Sarà in grado di avviare procedimenti legali per tuo conto. Tuttavia, ci sono buone probabilità che i tuoi figli, ad esempio, possano soffrire molto di conseguenza. Per evitare queste tensioni, puoi anche optare per il divorzio tramite la mediazione. In pratica, questo è spesso indicato come mediazione di divorzio.

Divorzio attraverso la mediazione

Cos'è la mediazione?

Chiunque abbia una controversia vuole liberarsene il prima possibile. Spesso una controversia ha già raggiunto un livello così elevato che entrambe le parti non vedono più una soluzione. La mediazione può cambiarlo. La mediazione è la risoluzione congiunta di una controversia con l'aiuto di un mediatore di conflitti neutri: il mediatore. Maggiori informazioni sulla mediazione in generale sono disponibili sul nostro pagina di mediazione.

Quali sono i vantaggi della mediazione in caso di divorzio?

Un divorzio mal organizzato può causare dolore e frustrazione per gli anni a venire. La mediazione è un modo per giungere a una soluzione comune in consultazione, ad esempio su come trattare i bambini, la distribuzione del denaro, i possibili alimenti e gli accordi sulla pensione.
Quando le parti possono giungere ad accordi in un processo di mediazione, lo includeremo in un accordo transattivo. Successivamente, gli accordi stipulati possono essere ratificati dal tribunale.

In un divorzio in cui le parti si affrontano in tribunale, una delle parti avrà spesso la sua strada e l'altra parte è il perdente, per così dire. Nella mediazione, non ci sono perdenti. Nella mediazione, viene fatto un tentativo di risolvere i problemi insieme, in modo che una situazione vantaggiosa per entrambe le parti. Ciò è particolarmente importante nel caso in cui le parti dovranno confrontarsi molto dopo il divorzio. Pensa, ad esempio, alla situazione in cui sono coinvolti i bambini. In tal caso, è importante che gli ex soci possano ancora varcare una porta insieme dopo il divorzio. Un altro vantaggio della mediazione è che è spesso più economico e meno oneroso dei lunghi procedimenti legali.

Come funziona la mediazione?

Nella mediazione, le parti si parlano tra loro sotto la guida di un mediatore professionista. Il mediatore è un mediatore indipendente che, insieme alle parti, cerca una soluzione accettabile per tutti. Il mediatore non solo esamina il lato legale del caso, ma anche eventuali problemi di fondo. Le parti giungono quindi a una soluzione comune, che il mediatore registra in un accordo transattivo. Il mediatore non esprime un'opinione. La mediazione si basa quindi sulla volontà di raggiungere accordi insieme, in piena fiducia. Questo processo di mediazione è più agevole di un processo in tribunale. Ora che gli accordi vengono stipulati insieme, vi è anche una maggiore possibilità che le parti aderiscano ad essi.

Il mediatore assicura che entrambe le parti possano raccontare la propria storia e che si ascoltino a vicenda. Durante le conversazioni con il mediatore ci sarà sufficiente attenzione per le emozioni delle parti. Le emozioni devono essere discusse prima di poter concludere buoni accordi. Inoltre, un mediatore garantisce che gli accordi presi dalle parti siano legalmente corretti.

I quattro passi nella mediazione

  1. Il colloquio di assunzione. Nella prima intervista, il mediatore spiega chiaramente cos'è la mediazione. Quindi le parti firmano un accordo di mediazione. In questo accordo, le parti concordano che le conversazioni sono confidenziali, che parteciperanno volontariamente e che parteciperanno attivamente alle conversazioni. Le parti sono libere di interrompere il processo di mediazione in qualsiasi momento.
  2. La fase di ricognizione. Sotto la guida del mediatore, il conflitto viene analizzato fino a quando tutti i punti di vista e gli interessi sono chiari.
  3. La fase di negoziazione. Entrambe le parti escogitano possibili soluzioni. Ricordano che la soluzione deve essere valida per entrambe le parti. In questo modo vengono presi gli accordi necessari.
  4. Fissare appuntamenti. Il mediatore alla fine metterà tutti questi accordi su carta in, ad esempio, un accordo transattivo, un piano genitoriale o un patto di divorzio. Questo viene quindi sottoposto al tribunale per la ratifica.

Vuoi organizzare il divorzio anche prendendo accordi congiunti? O vorresti sapere se la mediazione può essere una buona soluzione per te? Sentiti libero di contattare il nostro ufficio. Saremo felici di aiutarti a fare una scelta per la mediazione.  

Share