Divorzio con figli

Quando divorziate, molti cambiamenti nella vostra famiglia. Se hai figli, l'impatto del divorzio sarà molto grande anche per loro. I bambini più piccoli, in particolare, possono avere difficoltà quando i genitori divorziano. In tutti i casi, è importante che l'ambiente domestico stabile dei bambini venga danneggiato il meno possibile. È importante e persino un obbligo legale stringere accordi con i bambini sulla vita familiare dopo il divorzio. La misura in cui ciò può essere fatto insieme ai bambini dipende ovviamente dall'età dei bambini. Il divorzio è anche un processo emotivo per i bambini. I bambini sono spesso fedeli a entrambi i genitori e spesso non esprimeranno i loro veri sentimenti durante il divorzio. Pertanto, anche loro meritano un'attenzione speciale.

Per i bambini piccoli, all'inizio non sarà del tutto chiaro cosa significherà per loro un divorzio. Tuttavia, è importante che i bambini sappiano dove si trovano e che possano esprimere la propria opinione sulla propria situazione di vita dopo il divorzio. Certo, sono i genitori che alla fine devono prendere una decisione.

Divorzio con figli

Piano genitoriale

I genitori che divorziano sono spesso tenuti per legge a elaborare un piano genitoriale. È in ogni caso obbligatorio per i genitori che sono sposati o in una unione registrata (con o senza affidamento congiunto) e per convivere genitori con affidamento congiunto. Un piano di genitorialità è un documento in cui i genitori registrano accordi sull'esercizio della loro genitorialità.

In ogni caso, il piano genitoriale deve contenere accordi su:

  • come hai coinvolto i bambini nella stesura del piano genitoriale;
  • come dividere l'assistenza e l'educazione (regolamento sull'assistenza) o come trattare i bambini (regolamento sull'accesso);
  • come e con quale frequenza vi fornite reciprocamente informazioni su vostro figlio;
  • come prendere decisioni insieme su argomenti importanti, come la scelta della scuola;
  • i costi dell'assistenza e dell'educazione (sostegno all'infanzia).

Inoltre, i genitori possono anche scegliere di includere altri appuntamenti nel piano genitoriale. Ad esempio, ciò che voi genitori ritenete importante nell'educazione, determinate regole (ora di andare a letto, compiti a casa) o opinioni sulla punizione. Accordi sul contatto con entrambe le famiglie possono anche essere inclusi nel piano genitoriale.

Regolamento di cura o disposizione dei contatti

Parte del piano genitoriale è il regolamento di cura o il regolamento di contatto. I genitori che hanno l'autorità parentale congiunta possono concordare un accordo di cura. Queste normative contengono accordi su come i genitori dividono le attività di cura e educazione. Se solo un genitore ha l'autorità parentale, questo viene definito accordo di contatto. Ciò significa che il genitore che non ha l'autorità dei genitori può continuare a vedere il bambino, ma quel genitore non è responsabile della cura e dell'educazione del bambino.

Redigere un piano genitoriale

In pratica, spesso accade che i genitori non siano in grado di prendere accordi sui figli insieme e quindi registrarli in un piano genitoriale. Se non sei in grado di prendere accordi con il tuo ex-partner sulla genitorialità dopo il divorzio, puoi chiamare l'aiuto dei nostri avvocati o mediatori esperti. Saremo felici di aiutarti a consigliare e redigere un piano genitoriale.

Adeguamento del piano genitoriale

È consuetudine che il piano genitoriale debba essere adeguato dopo un certo numero di anni. Dopotutto, i bambini sono in costante sviluppo e le situazioni ad essi correlate possono cambiare. Pensa ad esempio alla situazione in cui uno dei genitori diventa disoccupato, si trasferisce di casa, ecc. Potrebbe quindi essere saggio concordare in anticipo che il piano genitoriale, ad esempio, verrà rivisto ogni due anni e adattato se necessario.

Alimenti

Hai figli con il tuo partner e stai andando in pezzi? Rimane quindi l'obbligo di mantenimento per prendersi cura dei propri figli. Non importa se sei stato sposato o vissuto esclusivamente con il tuo ex-partner. Ogni genitore ha l'obbligo di prendersi cura anche dei propri figli finanziariamente. Se i bambini vivono di più con il tuo ex-partner, dovrai contribuire al mantenimento dei bambini. Hai un obbligo di manutenzione. L'obbligo di sostenere i bambini si chiama sostegno dei figli. La manutenzione dei bambini continua fino a quando i bambini hanno 21 anni.

Importo minimo del mantenimento figli

L'importo minimo dell'assistenza all'infanzia è di 25 euro per bambino al mese. Tale importo può essere applicato solo se il debitore ha un reddito minimo.

Importo massimo del mantenimento figli

Non esiste un importo massimo di assistenza all'infanzia. Ciò dipende dal reddito di entrambi i genitori e dai bisogni del bambino. Il cibo non sarà mai superiore a questo bisogno.

Manutenzione dei bambini di indicizzazione

La quantità di assistenza all'infanzia aumenta ogni anno. Il ministro della giustizia determina ogni anno in che percentuale aumenta il mantenimento dei figli. In pratica, questo si chiama indicizzazione di alimenti. L'indicizzazione è obbligatoria. La persona che paga gli alimenti deve applicare questa indicizzazione ogni anno a gennaio. In caso contrario, il genitore autorizzato alla manutenzione può richiedere la differenza. Sei il genitore che riceve alimenti e il tuo ex partner rifiuta di indicizzare l'importo degli alimenti? Si prega di contattare i nostri avvocati esperti di diritto di famiglia. Possono aiutarti a richiedere l'indicizzazione scaduta. Questo può essere fatto fino a cinque anni fa.

Sconto per le cure

Se non sei il genitore premuroso, ma hai un accordo di visita che significa che i bambini sono con te regolarmente, allora hai diritto allo sconto sull'assistenza. Questo sconto verrà detratto dal sostegno ai figli pagabile. L'importo di questo sconto dipende dalla disposizione della visita ed è compreso tra il 15% e il 35%. Più contatti hai con tuo figlio, minore sarà la quantità di alimenti da pagare. Questo perché incorri in maggiori costi se i bambini sono con te più spesso.

Bambini sopra i 18 anni

L'obbligo di mantenimento per i tuoi figli dura fino a quando non raggiungono i 21 anni. A partire dai 18 anni un bambino è in giovane età. Da quel momento in poi, non hai più nulla a che fare con il tuo ex-partner per quanto riguarda il mantenimento dei figli. Tuttavia, se tuo figlio ha 18 anni e lui o lei interrompe la scuola, questo è un motivo per interrompere il mantenimento dei figli. Se lui o lei non va a scuola, può andare a lavorare a tempo pieno e provvedere a se stesso.

Cambia alimenti

In linea di principio, gli accordi presi in materia di mantenimento dei figli continuano ad applicarsi fino a quando i minori non avranno 21 anni. Se nel frattempo qualcosa cambia che influisce sulla tua capacità di pagare, anche il mantenimento dei figli può essere adeguato di conseguenza. Puoi pensare di perdere il lavoro, guadagnare di più, un diverso accordo di contatto o sposarti di nuovo. Questi sono tutti motivi per rivedere gli alimenti. I nostri avvocati esperti possono effettuare un ricalcolo indipendente in tali situazioni. Un'altra soluzione è quella di chiamare un mediatore per giungere a nuovi accordi insieme. I mediatori esperti della nostra azienda possono aiutarti anche in questo.

Co-genitorialità

I bambini di solito vanno a vivere con uno dei genitori dopo il divorzio. Ma può anche essere diverso. Se entrambi i genitori scelgono di essere genitori, i bambini vivono alternativamente con entrambi i genitori. La co-genitorialità è quando i genitori dividono più o meno equamente i compiti di cura e di educazione dopo il divorzio. I bambini vivono così com'erano con il padre e con la madre.

Una buona consultazione è importante

I genitori che prendono in considerazione un regime di co-genitorialità dovrebbero tenere presente che devono comunicare tra loro su base regolare. Ecco perché è importante che siano in grado di consultarsi anche dopo il divorzio, in modo che la comunicazione possa andare senza intoppi.

I bambini trascorrono più tempo con un genitore che con un altro in questa forma di genitorialità. Questo di solito è molto piacevole per i bambini. Con questa forma di genitorialità, entrambi i genitori ottengono molto dalla vita quotidiana del bambino. Anche questo è un grande vantaggio.

Prima che i genitori possano iniziare a collaborare con i genitori, devono concordare una serie di questioni pratiche e finanziarie. Accordi al riguardo possono essere inclusi nel piano genitoriale.

La distribuzione delle cure non deve essere esattamente 50/50

In pratica, il genitorialità è spesso una distribuzione quasi equa delle cure. Ad esempio, i bambini sono tre giorni con un genitore e quattro giorni con l'altro genitore. Non è quindi necessario che la distribuzione dell'assistenza sia esattamente 50/50. È importante che i genitori guardino ciò che è reale. Ciò significa che una divisione 30/70 può anche essere considerata un accordo di compartecipazione.

Distribuzione dei costi

Lo schema di genitorialità non è regolato dalla legge. In linea di principio, i genitori fanno i propri accordi su quali costi condividono e quali no. Si può fare una distinzione tra proprio costi e costi da condividere. Costi propri sono definiti come i costi che ciascuna famiglia deve sostenere da sola. Esempi sono affitto, telefono e generi alimentari. I costi da condividere possono includere i costi sostenuti da un genitore per conto dei figli. Ad esempio: assicurazioni, abbonamenti, contributi o tasse scolastiche.

Co-genitorialità e alimenti

Si pensa spesso che nessun alimento debba essere pagato in caso di co-genitorialità. Questo pensiero è sbagliato. Nel co-genitori entrambi i genitori hanno circa gli stessi costi per i bambini. Se uno dei genitori ha un reddito più elevato dell'altro, può sostenere più facilmente i costi dei figli. Si prevede quindi che la persona con il reddito più elevato paghi comunque un assegno per figli a un altro genitore. A tale scopo, uno dei nostri esperti legali di diritto di famiglia può effettuare un calcolo degli alimenti. I genitori possono anche essere d'accordo su questo insieme. Un'altra possibilità è quella di aprire un account per bambini. Su questo conto, i genitori possono effettuare un pagamento mensile proporzionale e, ad esempio, l'assegno per i figli. Successivamente, è possibile effettuare le spese per i figli di questo account.

Stai pensando di divorziare e vuoi organizzare tutto il meglio possibile per i tuoi figli? O hai ancora problemi con il mantenimento dei figli o la compartecipazione dopo il divorzio? Non esitate a contattare gli avvocati di Law & More. Saremo felici di consigliarti e guidarti.

Condividi